Gp di Stiria 2020 – La Gara: Hamilton sigilla una vittoria da Campione. Il podio è completato da Bottas e Verstappen. Autoscontro suicida Ferrari

In Austria dominio Mercedes e disastro Rosso

Anestetizzante. Definiremmo così una gara non certo avvincente, come era parso sin dai prodromi dominati da Lewis Hamilton sotto il diluvio, così il Gran Premio scorre senza nessun colpo di scena confermando la griglia di partenza, a differenza dei continui stravolgimenti e colpi di scena della scorsa settimana. Nonostante l’asciutto e nonostante il mancato inginocchiamento di Mad Max Verstappen e Charles Leclerc per la cerimonia contro il razzismo.

Primi giri

Grosjean partirà dalla pit lane e 3 posizioni di penalità sia per Leclerc che per Norris. I primi sette decidono di partire con gomma rossa, mentre Vettel con le gialle dal decimo posto. Allo spegnimento delle luci non si scatena l’inferno ma un’ordinata processione. Alla terza curva finisce la gara di Sebastian, centrato in pieno da Leclerc, probabilmente anch’egli tamponato. Vettel si ritira subito, il monegasco al secondo giro dopo la ripartenza. Per i commissari comunque è un incidente di gara. Il modello di Giorgio Armani si scusa e si prostra contro il compagno.

Safety car subito, nel primo giro a causa della collisione delle Ferrari. Russell fa un’escursione nella sabbia.

Bottas passa agevolmente Albon e Sainz e va ad occupare la terza posizione. La Mclaren ha difficoltà a contenere la Red Bull, con Albon che passa Sainz all’ottavo giro mentre Verstappen è sempre secondo ma incassa giro dopo giro da Hamilton. Perez fa una grande rimonta. Veloci le Renault sesta e settima. Hamilton continua a macinare giri veloci. Non malissimo Giovinazzi e Raikkonen con l’Alfa Romeo. Perez passa Norris, Stroll continua a rimontare. Lotta fra Ocon e Ricciardo, con il “tasso del miele” che passa all’esterno al ventesimo giro.  Norris continua ad attaccare Gasly.

Fase Centrale

Bottas guadagna su Verstappen, così l’olandese decide di rientrare ai box ed esce davanti ad Albon. Le Mercedes non temono l’undercut e continuano. Ocon si ritira. Inizia quindi il Valzer dei pit stop, con Hamilton che passa alla gomma gialla. Bottas invece prosegue, guadagnando con l’overcut su Verstappen. Perez attacca Stroll, Sainz si ferma e ha problemi, anche Stroll si ferma. Bottas decide di fermarsi al trentacinquesimo giro, perdendo otto secondi da Verstappen.  Quindi è il turno di Albon, mentre Stroll recupera dalle retrovie insieme a Sainz. Perez si ferma al trentanovesimo giro, lotta acerrima tra Sainz e Perez, con Carlos che passa all’esterno e sul pilota Racing Point che lo ripassa sempre all’esterno. Bottas fa il giro veloce in gara. Raikkonen riesce a gestire ottimamente le gomme e rimane fuori, sarà l’ultimo a fermarsi al giro. Gasly in lotta contro Kvyat. Perez raggiunge Stroll e lo affianca con un bellissimo sorpasso lungo due curve. Dopo pochi giri Sergio raggiunge e passa Ricciardo e poi sigla un giro veloce, avvicinandosi molto alla Red Bull di Albon.

Ultimi Giri

Perez attacca decisamente Albon dopo aver colmato completamente il gap, ingaggia con lui un ripetuto duello e lo tampona. Anche le Mclaren sono in lotta tra loro, con Norris che passa Sainz. Bottas a sei giri dalla fine attacca in modo deciso Mad Max, che dopo una strenua resistenza è costretto a cedere a tre giri dal termine. All’ultimo giro Stroll, Norris e Ricciardo si avvitano in un triello con Stroll che riesce a passare e fa passare anche Norris su Ricciardo. L’inglese della Mclaren è scatenato e fa fuori con un grande sorpasso Lance Stroll, concludendo addirittura quinto.

di Nicolò Canziani

credit foto Ansa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...