Cortina 2021: analisi dei favoriti dello slalom gigante maschile

Dopo l’ennesima giornata deludente per i colori azzurri, gli uomini tornano ora in pista per lo slalom gigante maschile. Una specialità nella quale non saliamo sul podio da diversi anni (l’ultimo fu Florian Eisath, ormai ritirato…), ma nella quale a sprazzi abbiamo dimostrato buone cose.

La spedizione azzurra al maschile è ancora a quota zero medaglie e toccherà ai nostri portacolori specialisti delle discipline tecniche l’arduo compito di portare a casa una medaglia obiettivamente molto complicata.

Al cancelletto si presenteranno Luca De Aliprandini, Giovanni Borsotti, Riccardo Tonetti e Giovanni Franzoni.

Il norvegese Henrik Kristoffersen è il campione del mondo uscente, ma sono numerosi i pretendenti in una specialità in cui c’è da sottolineare che mancheranno i suoi connazionali Kilde, McGrath e Braathen che si erano comportati molto bene nella prima parte della stagione.

Una menzione speciale per Ted Ligety. L’americano grande specialista del gigante e uno dei migliori interpreti della disciplina di tutti i tempi nella gara iridata darà l’addio allo sci agonistico. Un grande delle porte larghe che in carriera ha vinto tanto e ha emozionato per la sua leggerezza sulla neve e una grinta da leone. Da alcuni anni le sue prestazioni non erano più all’altezza del suo nome e della sua fama anche a causa di qualche infortunio di troppo. La prova iridata ci darà la possibilità di salutarlo anche se è un peccato che al parterre non ci sarà il suo pubblico a sostenerlo e a ringraziarlo per le magnifiche gesta.

CORTINA 2021 – ANALISI DEI FAVORITI DELLO SLALOM GIGANTE MASCHILE

Alexis Pinturault ***** (5)

L’atleta francese, prossimo a conquistare la prima Coppa del Mondo assoluta delle sua straordinaria carriera, si presenta con i favori del pronostico, in un Mondiale nel quale già ha conquistato un argento e un bronzo. La sua sciata nella specialità regina è sublime e solida e ha dalla sua il vantaggio di correre senza nessuna pressione pur essendo il più forte e il più atteso.

Marco Odermatt ***** (5)

Lo svizzero astro nascente dello sci mondiale ha visto la sua nazionale trionfare in più specialità, ma lui ancora non è riuscito a dare la zampata. Il suo miglior piazzamento nel Mondiale di Cortina 2021 è il quarto posto nella discesa libera, la specialità in cui è meno accreditato per un risultato. Nel suo slalom gigante cercherà di portare a casa un risultato di rilievo.

Filip Zubcic **** (4)

La medaglia d’argento nel parallelo, pur essendo stato il più veloce, gli ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Ma il croato, quest’anno stabilmente nelle primissime posizioni tra le porte larghe, durante la stagione ha dimostrato uno stato di forma invidiabile e una padronanza degli sci veramente incredibile, soprattutto nelle curve. Un ottimo risultato è atteso e il ragazzo è pronto per portare a casa una nuova medaglia che per una nazione come la Croazia varrebbe oro, qualunque sia il suo colore.

Loic Meillard *** (3)

Lo svizzero due anni fa sulle nevi di Are ha ottenuto la medaglia di legno. L’atleta si sta dirigendo verso la polivalenza. Una condizione che parte dall’ottima preparazione soprattutto in slalom gigante, specialità in cui ha tutte le carte in regola per fare bene.

Henrik Kristoffersen *** (3)

Il norvegese campione del mondo uscente ha un conto aperto in questa strana stagione. Ha trionfato due volte in slalom speciale, mentre in gigante è sempre stato ben lontano dalle posizioni che contano, lamentandosi anche parecchio per le tracciature a suo avviso poco tecniche e troppo veloci. Kristoffersen è però un campione e sa come si conquista un risultato quando le medaglie sono pesanti.

Zan Kranjec ** (2)

Lo sloveno ha saltato per problemi alla schiena le ultime due prove di Coppa del Mondo di Adelboden. Pare sia tornato in forma e su un pendio come quello dolomitico può fare bene. C’è però l’incognita per la sua tenuta fisica.

Justin Murisier * (1)

Il giovane svizzero dopo alcune stagioni difficili a causa degli infortuni questa stagione ha ritrovato solidità e regolarità. In una prova mondiale in cui mancheranno diversi protagonisti fermi ai box ha la possibilità di fare bene, anche se sembra improbabile pensare a un piazzamento migliore di una Top 5.

Luca De Aliprandini * (1)

Il nostro portacolori in carriera non è mai salito sul podio, ma a tratti ha dimostrato tutto il suo valore con prove solide e convincenti. Nonostante gli errori in parallelo e nel Team Event ha dimostrato di essere in ottima forma e pronto per raccogliere un risultato che avrebbe dell’incredibile, ma sarebbe ampiamente meritato.

di Simone Zamignan

credit foto Ansa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...