Dal 2 ottobre, in prima serata e in prima visione tv su Rai 1, prende il via l’attesa seconda stagione di “Mina Settembre” con protagonista Serena Rossi. Le dichiarazioni del cast

Dal 2 ottobre, in prima serata e in prima visione tv su Rai 1, prende il via l’attesa seconda stagione di “Mina Settembre”, amatissima serie in sei serate diretta da Tiziana Aristarco, che vede protagonista Serena Rossi, insieme a Giuseppe Zeno, Giorgio Pasotti, Christiane Filangieri, Valentina D’Agostino, Nando Paone, Massimo Wertmuller, Rosalia Porcaro, Francesco Di Napoli, Davide Devenuto, Michele Rosiello, Primo Reggiani, Marina Confalone e le new entries Marisa Laurito, Antonia Liskova e Yari Gugliucci.

La serie, scritta da Fabrizio Cestaro, Fabrizia Midulla, Silvia Napolitano e Costanza Durante, è liberamente tratta dai racconti di Maurizio de Giovanni, è una coproduzione Rai Fiction – Italian International Film, prodotta da Fulvio e Paola Lucisano. 

Alla fine della prima stagione Mina ha scoperto che Irene, la sua migliore amica, è stata l’amante di suo padre e che il figlio di Irene, Gianluca, è il frutto di quella storia clandestina. Così “zia Mina” si trova all’improvviso ad avere un fratello.
E non è tutto: la sua vita sentimentale è ora a un bivio. Né Claudio né Domenico l’hanno spuntata e per ora sulla scelta di Mina grava un punto interrogativo. Ma la notizia di un attentato che coinvolge Claudio sconvolge l’equilibrio di Mina, che sente rifiorire i suoi sentimenti verso di lui. E allora perché non concedersi una seconda chance? Claudio non potrebbe essere più felice, ma c’è un unico problema: casa sua è mezza distrutta dall’attentato, e quindi toccherà ricominciare a casa di Olga. La quale però si leva subito d’impaccio: ha deciso di partire da sola per una crociera intorno al mondo, un sogno che aveva da tempo. A Mina, un po’ perplessa, non resta che salutarla, pensando che forse questo renderà più facile la relazione con Claudio. Ma la situazione si complica subito.
Quando Mina fa il suo ritorno al consultorio, c’è una sorpresa ad attenderla: Domenico! Anche se continua a lavorare in clinica privata ha deciso di condurre un corso di eduzione sessuale in una scuola media della Sanità. E chi meglio di Mina per accompagnarlo in questa nuova avventura? Peccato che quella proposta lasci Mina in un mare di dubbi: come spiegare l’emozione che ha provato nel rivedere Domenico?
In più, ecco arrivare un’altra novità: Rosa, la sorella di Olga, si presenta a casa sua per “qualche giorno”. Giorno che diventa presto settimana. Zia Rosa è il contrario esatto di Olga: affettuosa, premurosa, chiacchierona… pure troppo. Senza contare che la stravagante zia, che sostiene di avere delle specie di premonizioni, inizia a mettere una pulce nell’orecchio a Mina: e se Olga non fosse dove dice di essere?
Tra Domenico e la misteriosa partenza di Olga, Mina avrebbe proprio bisogno delle sue amiche…
peccato che con Irene non parli più e che Titti, incinta, abbia altro per la testa. Così non le resta che rivolgersi a una psicoterapeuta.
Con la dottoressa Giulia Postiglione Mina va subito d’accordo. E di seduta in seduta, inizia a sentire sempre più chiaramente che Domenico è lui l’uomo giusto per lei. Ma quando decide di lasciare Claudio e cambiare direzione scopre che Domenico è già impegnato. Mina dovrà, quindi, scoprire il segreto di sua madre e intanto provare a riprendersi Domenico, impresa che sembra più complicata del previsto.

E’ una serie per noi straordinaria, che nella prima stagione ha avuto una media di 7 milioni di spettatori, un dramedy necessario nel nostro palinsesto. Vorrei mandare un saluto a Maurizio De Giovanni che ha scritto il libro da cui è tratta Mina Settembre“, ha esordito Maria Pia Ammirati, direttrice di Rai Fiction.

Fin dalla prima puntata avevamo capito di aver fatto un buon prodotto. La soddisfazione è stata avere ricevuto dopo la programmazione della prima serie il ringraziamento dei napoletani perchè è stata data voce a una Napoli che si intreccia con la borghesia e con casi difficili. Nella seconda stagione c’è un grande approfondimento dei personaggi e una ricchezza produttiva che si vede fin dalla prima serata“, ha aggiunto la produttrice Paola Lucisano.

In questa stagione ci siamo voluti immergere ancora di più nelle storie che popolano la città, e abbiamo dato ancora più spessore ai casi di puntata che ruotano intorno al Consultorio di Mina Settembre. Ci siamo concentrati nel rendere i personaggi più vivi e credibili possibile, creando attorno a loro trame che raccontassero mondi nascosti e a volte invisibili, quelli delle persone più fragili e troppo spesso dimenticate. Confrontarsi con la regista per ogni singola scelta è stato fondamentale, quindi la chiave è stata la collaborazione“, ha dichiarato lo sceneggiatore Fabrizio Cestaro.

La regia della serie è di Tiziana Aristarco:Come regista e come donna penso che in questo momento di cupezza Mina Settembre possa portare una ventata di solidarietà. La capacità che ha questa assistente sociale di capire, ascoltare le persone con i mezzi che ha, facendo a volte delle cose anche non corrette dal punto di vista deontologico, è un messaggio forte. Quest’anno abbiamo scelto delle storie ancora più credibili, che ci portassero a riconoscerci. Abbiamo trattato con dignità e delicatezza il tema degli adolescenti e delle diversità. Ritroviamo Mina più matura e consapevole, impegnata a fare i conti con cose che non può più rimandare. È stata una vera sfida fare la seconda serie di un prodotto così amato dal pubblico, riuscire a conservare lo stile inserendo anche delle novità“.

MS2_EP3_DSC4443_SerenaRossi_GiuseppeZeno

credit foto ufficio stampa Rai

Serena Rossi torna a vestire i panni di Mina Settembre:Questa tipa con il cappottino rosso mi piace, è una brava persona, rappresenta quella Napoli che adoro e che è storicamente abituata all’accoglienza. Il diverso non esiste e, nel momento in cui ci spaventa, avere una serie che lo accoglie e non lo considera ultimo ma la priorità di vita e personale penso sia un bellissimo messaggio di cui il pubblico aveva bisogno. Un personaggio come Mina è una coccola sul cuore. Il fatto che si parli molto dei giovani che dopo il covid stanno attraversando un momento difficile, e che lei li ascolti e provi a dar loro fiducia è un bellissimo segnale. Condividere l’esperienza con tutta la squadra è stato meraviglioso perchè siamo come un’orchestra in cui ognuno suona uno strumento ma che solo insieme può creare una melodia. Avere la possibilità di vedere lavorare Marina Confalone, Nando Paone, Marisa Laurito è stato fantastico. Con Tiziana si è creata fin da subito una grande complicità, ci siamo prese dal minuto zero. Questa serie mi ha portato tanto amore da parte della mia città. E’ stato interessante girare con Antonia Liskova nel suo studio, solo noi due in scena con tanti cambi emotivi, ma anche lavorare con Marisa Laurito e con Ludovica Nasti. Per Mina i suoi assistiti sono tutti dei figli. Il rapporto con Zia Rosa è conflittuale ma in modo diverso rispetto a quello con la mamma“.

Riguardo ad una possibile conduzione del Festival di Sanremo l’attrice ha detto:Mi piace condurre e affrontare sfide nuove, Sanremo è il mio sogno fin da bambina ma non lo diciamo in giro (sorride)”. 

Giuseppe Zeno interpreta il ginecologo Domenico:E’ una serie ricca di contenuti, l’intento credo sia stato voler raccontare un tipo di interazione tra persone che non hanno paura di manifestarsi apertamente, di far vedere cosa hanno dentro. Sono personaggi che non hanno timore di mettere da parte qualcosa di loro per darsi ad altri. Domenico conosce i disagi del quartiere, ne sa apprezzare i profumi, lo troviamo in una nuova struttura. Pur di non vedere colei che gli ha arrecato tante sofferenze amorose va a lavorare nel privato ma chissà se questa volontà di cambiare sarà determinante, perchè dovendo lavorare insieme a Mina a questo corso di educazione sentimentale e sessuale si incontreranno, avranno modo di conoscersi meglio e attraverso gli occhi dei giovani ai quali cercano di portare dei contenuti, di individuare le carenze nella loro relazione. Sono stato felice di lavorare con Antonia Liskova che non conoscevo e con cui mi sono trovato benissimo, così come con Marisa. Mi dispiace aver avuto invece poche scene con Marina”.

MS2_SerenaRossi_GiorgioPasotti

credit foto ufficio stampa Rai

Giorgio Pasotti riveste il ruolo di Claudio:Ha uno scarto rispetto alla prima stagione, è portatore di temi attuali come la seconda chance nella vita di coppia. Oggi ci si lascia per motivi futili, gettando via anni di rapporti in cui si sono costruite tante cose. Claudio prende anche coscienza di sè, se prima era molto proiettato verso la carriera, di fronte a un fatto drammatico si rende conto delle sue priorità quindi la famiglia, l’amore, quei piccoli momenti in cui dare sfogo agli hobbies e alle passioni. Continua a fare un mestiere di grande responsabilità e impegno ma si rende conto che l’unica cosa che non si può comprare è il tempo. Non è stato facile girare questa serie, ho scoperto anche il freddo a Napoli e vorrei davvero ringraziare i miei colleghi, gli sceneggiatori, la produzione e Tiziana che è stata una scoperta meravigliosa. La sua grande capacità e fermezza nelle idee ha fatto sì che mi lasciassi andare fin dal primo giorno sul set e con poche parole è riuscita a tirare fuori delle note anche più femminili, sensibili e profonde che avevo dentro. Serena non è solo una bravissima attrice ma è una persona con attenzioni umane che si sono un po’ perse”.

MS2_EP1_DSC2369_MarinaConfalone_SerenaRossi

credit foto ufficio stampa Rai

A interpretare Olga, una donna dalla battuta tagliente e mamma di Mina, è Marina Confalone: “Fare parte di questa serie è stata una grande occasione per me. In questa stagione sono poco presente per motivi personali però sono orgogliosa di esserci stata perchè mostra dei napoletani per bene e Mina è un invito alla solidarietà. Siamo stati lontani in questi due anni e abbiamo bisogno di aprirci al prossimo e avere una maggiore attenzione verso gli altri. Sono felice di passare il testimone della linea comica a Marisa Laurito, che è una sorella nella storia ma anche nella vita. Abbiamo iniziato insieme il percorso artistico, abbiamo vissuto tre anni nella stessa casa di 35 metri quadri, con i nostri compagni e due cani, e abbiamo fatto la fame perchè nessuno lavorava. Penso che il pubblico la accoglierà alla grande”.

download - 2022-09-20T163829.111

credit foto ufficio stampa Rai

Marisa Laurito è Zia Rosa, che entra come un ciclone nella vita di Mina: “E’ stato molto piacevole lavorare sul set con i miei colleghi perchè c’è una bellissima atmosfera. Serena porta l’allegria, cantavamo al trucco le mie canzoni e ci siamo molto divertite. L’unica pecca è che non ho mai avuto scene con Marina e vorrei lavorare con lei in futuro. Il mondo femminile è straordinario ed è bello raccontarlo. Tiziana ha dato molta serenità ed energia a tutti noi”.

MS2_EP4_DSC4414_SerenaRossi_ChristianeFilangieri

credit foto ufficio stampa Rai

Christiane Filangieri ricopre il ruolo di Irene che si trova a vivere delle situazioni molto complesse: “E’ rimasta senza Mina, la sua migliore amica, il figlio ha scoperto chi è il suo vero padre, il marito se ne va di casa, quindi le resta solo Titti, che è generosa e le dice delle cose bellissime sull’amicizia. Nella serie sono tanti i temi che danno spunti su cui riflettere e parlare ed è uno dei compiti che la fiction può avere, cioè scaldare il cuore oltre a intrattenere. Ringrazio l’eleganza che Tiziana ha e ha messo nella serie. Calarsi nei panni di Irene e del suo dolore è stata una bella prova. Non è una persona cattiva, l’hanno disegnata così (scherza). E’ bello mettersi in gioco e fare un personaggio che alla fine della prima serie non era proprio amato dal pubblico”.

Valentina D’Agostino interpreta Titti, che nella sceonda stagione dovrà affrontare un grande cambiamento:Mina e Irene sono la famiglia di Titti che è orfana dei genitori. Nella prima serie è una donna sempre felice e spensierata mentre nella seconda scopre di essere incinta e questo evento entra come un ciclone nella sua vita per cui non può più essere sempre performante come prima. Ora ha questa nuova vita dentro di lei e si trova a dover cambiare, a diventare grande e a sentirsi mamma e questo la sconvolge. Mina Settembre per me è un regalo che Tiziana e la produzione mi hanno fatto scegliendomi per questo ruolo. Sono contenta di aver conosciuto Christiane e Serena che sono fantastiche e spero di averle sempre con me nella mia vita”.

Tra i nuovi personaggi c’è quello della psicoterapeuta Giulia Postiglione interpretata da Antonia Liskova: “A Napoli mi sono trovata benissimo. Ringrazio Serena Rossi per la sua pazienza. Sono felice per l’opportunità che mi è stata data di far parte di questa serie. Con Giuseppe Zeno è nato un amore artistico, è una persona meravigliosa, mi ha supportato perchè entrare in un gruppo affiatato non è mai semplice”.

Infine Ludovica Nasti dà il volto a Viola che avrà a che fare con Mina: “Penso che questo personaggio oltre a creare dei problemi nella vita della protagonista possa portare tanta emozione, in quanto racconta una storia bella e attuale”.

Questa la trama della prima puntata:

Episodio 1
Mina e Gianluca si sono presi una vacanza a Procida, qualche mese dopo la scoperta che ha cambiato per sempre le loro vite. L’idillio viene però interrotto dalla notizia di un attentato che coinvolge Claudio. Mina torna subito a Napoli e, vederlo in ospedale, anche se illeso, le fa un effetto tale da spingerla a pensare che forse il loro rapporto merita una seconda possibilità. In più, Olga parte per una crociera intorno al mondo e, quindi, la casa è vuota, pronta a ospitare Claudio il cui appartamento è andato distrutto. Tutto sembra remare in quella direzione, ma appena Mina sente di aver preso la decisione giusta, un’inaspettata proposta di lavoro cambia la sua prospettiva.

Episodio 2
Mina si interessa del caso di Valeria, una ragazza sovrappeso che per sopperire alla propria insicurezza ha assunto costumi disinibiti che rischiano di rovinare le sue prime esperienze. Mentre si appassiona alla sua storia, Mina si rende anche conto che la tensione con Domenico la manda in confusione e così decide di rivolgersi a una psicoterapeuta, Giulia, per schiarirsi le idee. Anche perché con Irene non può più parlare, data la situazione. Situazione che però Claudio cerca di sistemare invitando a cena Irene, Paolo, Titti e Giordano. È proprio durante la serata che zia Rosa fa il suo inaspettato ingresso con una gaffe memorabile che impatta notevolmente sul rapporto tra Titti e Giordano.

di Francesca Monti

credit foto copertina ufficio stampa Rai

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...