I campioni del nuoto in udienza da Papa Francesco

“L’acqua è vita, senza acqua non esiste la vita”, con queste parole Papa Francesco ha accolto nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, in Vaticano, una delegazione del trofeo Sette Colli guidata da Paolo Barelli, presidente della Federnuoto, e composta da 260 persone tra campioni nazionali e internazionali, piccoli e grandi atleti in rappresentanza delle società, dirigenti dell’ambiente natatorio.
“A contatto con l’acqua imparate ad avere ripugnanza verso tutto ciò che è inquinante, nello sport e nella vita”, ha proseguito Papa Francesco definendo lo sport “una festa non priva di contenuti, perché trasmette valori sempre più necessari in una società come la nostra, che viene definita liquida, priva di punti di riferimento saldi. Il vostro sport si fa nell’acqua, ma non è liquido, anzi, è molto solido, richiede impegno costante e forza d’animo. Il corpo va curato e non idolatrato; il bisogno di interiorità e la ricerca di senso in ciò che fate; la forza e il coraggio nel resistere alla fatica; la visione chiara di quale approdo cercare nella vita e come raggiungerlo; il valore di autenticità che dice trasparenza, limpidezza, pulizia interiore”.
L’udienza privata si era aperta con il discorso del presidente Barelli che, parafrasando la Sacra Bibbia, ha definito lo sport e il nuoto “ponte contro tutti i muri”, “immagine di vita, mezzo per la formazione dell’uomo ed elemento fondamentale della civiltà”.
Successivamente i campioni Federica Pellegrini e Gregorio Paltrinieri hanno consegnato al Santo Padre la cuffia bianca con scritto Papa Francesco, due costumi dei colori del Vaticano, bianco e giallo, ed un kit completo della squadra nazionale di nuoto.
“Il mio rapporto con la fede è molto stretto. Ho ricevuto un grande insegnamento dai miei genitori. È stato bello non solo a livello personale, ma penso per tutto il nuoto in generale”, ha dichiarato all’ANSA Federica Pellegrini al termine dell’udienza. Sua Santita – estremamente disponibile – si è anche concesso ad alcuni selfie, ha salutato tutti i presenti e si è fermato a dialogare con gli atleti. “Abbiamo chiesto se fosse possibile scattare un selfie e quando ci ha detto di sì ne siamo stati davvero felici; è stata un’emozione grandissima per tutto il nuoto”, ha sottolineato Gregorio Paltrinieri.
Tra gli atleti presenti, oltre agli azzurri della nazionale al gran completo, anche molteplici campioni olimpici, mondiali, ed europei come gli australiani Mack Horton, James Magnussen e Cameron McEvoy, la svedese Michelle Coleman, il tedesco Marco Koch, i brasiliani Cesar Cielo e Bruno Fratus, le danesi Pernielle Blume e Rikke Moller Pedersen, la francese Charlotte Bonnet, il giapponese Daiya Seto, le olandesi Ranomi Kromowidjodjo e Femke Heemskerk, le ungheresi Boglarka Kapas e Szusanna Jakabos, la britannica Siobhan-Marie O’Connor, l’ucraino Andrij Govorov, il ceco Jan Micka.

foto de L’Osservatore Romano

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...