VIDEO INTERVISTA CON LUCA ARGENTERO, TRA I PROTAGONISTI DEL FILM “HOTEL GAGARIN”, AL CINEMA DAL 24 MAGGIO

Luca Argentero è stato protagonista al B.A. Film Festival di una interessante masterclass con gli studenti dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni di Busto Arsizio, nel corso della quale l’attore, amatissimo dal pubblico, ha ripercorso i suoi esordi. Dalla partecipazione al Grande Fratello, alla gavetta nella serie Carabinieri in cui ha imparato l’arte della recitazione lavorando al fianco di grandi personaggi come Paolo Villaggio e Vincenzo Crocitti, fino ad arrivare a “Saturno Contro” di Ferzan Ozpetek che lo ha lanciato definitivamente nel mondo del cinema e a cui sono seguiti altri film importanti come “Solo un padre”, “Mangia prega ama”, “Poli opposti” e serie di successo come “Sirene”: “Ho avuto la fortuna di inanellare tanti lavori che hanno riscontrato il gradimento del pubblico. Ho fatto trenta film con registi e registri diversi ed è stato importante per me perchè mi ha permesso di imparare molto“.

Luca Argentero ha poi raccontato che come spettatore ama il cinema di Spielberg e in particolare il film “E.T.”, mentre come attore gli artisti a cui si ispira sono Gian Maria Volontè e Marcello Mastroianni e tra quelli di oggi Guido Caprino e Luca Marinelli.

Hotel-Gagarin

L’affascinante attore è tra i protagonisti di “Hotel Gagarin”, opera prima di Simone Spada che uscirà nei cinema il 24 maggio e che è stata presentata in anteprima al B.A.Film Festival. La commedia, che vede nel cast anche Claudio Amendola, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D’Amico, Caterina Shulha e Philippe Leroy, distribuita da Altre Storie, racconta la storia di cinque italiani, spiantati e in cerca di un’occasione, che vengono mandati a girare un film in Armenia. Appena arrivati, scoppia una guerra e il sedicente produttore sparisce con i soldi. Abbandonati all’Hotel Gagarin, isolato nei boschi e circondato dalla neve, trovano il modo di inventarsi un’originale e inaspettata occasione di felicità che non potranno mai dimenticare.

In questa video intervista che abbiamo realizzato a margine della masterclass, Luca Argentero ci ha parlato del film “Hotel Gagarin”, in cui interpreta un fotografo in fuga dalla malavita che si presta a fare l’operatore.

Ciao Luca, sei tra i protagonisti di Hotel Gagarin, opera prima di Simone Spada. Cosa ci racconti riguardo questa commedia? 

“E’ la storia di un farlocco produttore che cerca di intascarsi i soldi dal Ministero reclutando quattro poveri disgraziati e convincendoli a girare un film in Armenia, per poi rivelare la truffa, prendersi il denaro e abbandonarli là. E poi…non posso svelarvi tutto (sorride). L’Armenia è un luogo suggestivo e visto che non è una meta così raggiungibile, vi consiglio di fare un viaggio insieme a noi in un posto che difficilmente visiterete. Ci sono tutti gli elementi per convincervi a passare una serata in nostra compagnia”.

Nel film c’è una frase molto bella che dice “Il cinema è la fabbrica dei sogni”. Anche per te è così? 

“Non solo la penso così ma questo è il concetto attorno a cui ruota il film. Quello che emana il cinema è un fascino che ogni tanto non riusciamo a sottolineare abbastanza. Stiamo realizzando questa intervista in una scuola di cinema e i giovani dovrebbero partire proprio da quest’idea: il cinema è una macchina magica da cui si costruiscono sogni partoriti da menti brillanti e bizzarre, però di sogni si tratta e non c’è niente di più bello che regalarsi due ore seduti su una poltrona a sognare”.

L’appuntamento è al cinema il 24 maggio con “Hotel Gagarin”. Qui il trailer:

di Francesca Monti

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...