Donini, Guidi, Bearzatti, Kinzelman e Rehmer:  parata di stelle per il “Garda Jazz – Musica & Arte” in programma dall’1 all’8 giugno a Garda (Vr) 

Al via la quinta edizione del festival, organizzato da JazzArt Garda Association in collaborazione con il Comune di Garda, Pro Loco, Regione Veneto, Cassa Rurale Alto Garda e i locali del centro storico e del lungolago di Garda. I concerti, tutti a ingresso libero, si svolgeranno dall’1 all’8 giugno in piazza Pincini Carlotti e vedranno la partecipazione di tre sassofonisti di punta della scena internazionale: Luca Donini, Francesco Bearzatti e Dan Kinzelman

Si aprirà venerdì 1 giugno alle ore 21 con il quintetto guidato da Luca Donini, votato più volte come uno dei principali sassofonisti italiani, la quinta edizione del “Garda Jazz – Musica & Arte”, in programma fino all’8 giugno a Garda, in piazza Pincini Carlotti (in caso di maltempo, i concerti, tutti a ingresso libero, si svolgeranno all’interno di Palazzo Pincini Carlotti e in alcuni locali). Insieme al leader (che nel corso della sua carriera ha collaborato con artisti del calibro di Franco D’Andrea, Enrico Rava, Tony Scott, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Tullio De Piscopo e molti altri) si esibiranno Andrea Tarozzi al piano, Mario Marcassa al contrabbasso, Ricky Turco alla batteria e Roger Constant alle percussioni. Questa formazione guiderà il pubblico lungo sentieri musicali ricchi di sorprese e deviazioni di percorso, offrendo un’armoniosa fusione tra electric etno-jazz e varie contaminazioni ritmiche e armoniche, creando momenti suggestivi e carichi di energia.

Sabato 2 giugno si proseguirà con una formazione di nuova costituzione, che riunisce due eccellenze della scena italiana molto note anche a livello internazionale: Giovanni Guidi, pianista dall’inesauribile desiderio di ricerca ed esplorazione (già al fianco di Enrico Rava, Gianluca Petrella e Fabrizio Sferra), e lo straordinario Francesco Bearzatti al sassofono e al clarinetto, in grado di galvanizzare le platee con i suoi infuocati e appassionati assoli al sax tenore. Questo duo si muove lungo coordinate artistiche che suscitano un impatto immediato, con particolare enfasi sul personalissimo aspetto melodico e lirico, senza disdegnare ampie digressioni verso territori più imprevedibili. A seguire, un gruppo inedito, il G.J.E., acronimo di Garda Jazz Ensemble, creato in occasione del festival, che si muove tra sperimentazione e improvvisazione jazz, il tutto ben integrato con l’utilizzo di effetti ed elettronica. Il Garda Jazz Ensemble è formato, oltre che dai già citati Giovanni Guidi al piano e Francesco Bearzatti al sax, anche da Rosa Brunello al contrabbasso, Frank Martino alla chitarra e Sergio Pesca alla batteria.

Domenica 3 giugno riflettori puntati sul trio denominato Hobby Horse, che miscela improvvisazione jazz ed elettronica, secondo un’estetica pronta a trovare la bellezza negli accostamenti più impensati, e che propone musica fortemente irriverente. Questo gruppo, composto da tre grandi nomi della scena internazionale (Dan Kinzelman al sax, Joe Rehmer al contrabbasso e Stefano Tamborrino alla batteria), mescola una profonda conoscenza della storia del jazz con un vorace appetito per il rischio e l’esplorazione sonora. Si tratta di un progetto difficile da etichettare, in cui linguaggi musicali molto distanti esprimono qualcosa di inquietante ma allo stesso tempo seducente, con una coerenza estetica che deriva dai vari contrasti tra gli elementi in gioco. Il polistrumentista statunitense Dan Kinzelman (sax, clarino e tastiere) vive in Italia dal 2005 ed è uno dei nomi di punta del jazz internazionale, così come il contrabbassista Joe Rehmer, che ha all’attivo una fittissima rete di collaborazioni, e Stefano Tamborrino, batterista toscano e cittadino del mondo, spesso al fianco di Gianluca Petrella e, dall’altra parte dell’oceano, del sassofonista David Binney. Dopo il concerto del trio Hobby Horse seguirà una jam session con alcuni dei musicisti che hanno partecipato alla rassegna e altri ospiti.

Infine, venerdì 8 giugno, sempre in Piazza Carlotti (e sempre alle ore 21), in collaborazione con “Il Giardino delle Rane”, ci sarà un’interessante e suggestiva performance di musica e digital art, a cura di “Segnisonori Project”, band che unisce il jazz e l’improvvisazione all’arte digitale astratta proiettata live sul grande schermo. La formazione è composta da Tania Schifano (digital painting), Luca Donini (sax & live electronics), Frank Martino (chitarra & effetti elettronici), Rosa Brunello (contrabbasso) e Sergio Pesca (batteria).

Altri due eventi completano il cartellone della quinta edizione del festival: sabato 23 giugno, su lungolago R. Adelaide 57, presso il Cafè la Vittoria, sarà la volta di “Jazz Extension”, mentre venerdì 14 settembre, in Piazza Calderini, con la collaborazione della Trattoria Enoteca Al Graspo, si svolgerà un “Jazz Day” con band e musicisti di comprovata esperienza per concludere in bellezza il “Garda Jazz 2018 – Musica & Arte”. Infine, dall’1 al 10 giugno sarà possibile visitare presso Palazzo Pincini Carlotti la mostra d’arte “Jazz & Viaggio”, percorso tracciato insieme da Tania Schifano e Giovanni Guerreschi, che unisce l’arte digitale e la fotografia. L’inaugurazione della mostra è prevista sabato 2 giugno alle ore 18.

GARDA JAZZ 2018 “Musica & Arte” – Il programma

Piazza Carlotti, ore 21, ingresso libero (in caso di maltempo, i concerti si svolgeranno all’interno di Palazzo Pincini Carlotti e in alcuni locali)

Venerdì 1 giugno

LUCA DONINI QUINTET: Luca Donini (sax, live electronics); Andrea Tarozzi (piano); Mario Marcassa (contrabbasso); Roger Constant (percussioni); Ricky Turco (batteria)

Sabato 2 GIUGNO

FRANCESCO BEARZATTI-GIOVANNI GUIDI DUO: Francesco Bearzatti (sax, clarinetto); Giovanni Guidi (piano).

A seguire: G.J.E. GARDA JAZZ ENSEMBLE: Francesco Bearzatti (sax); Giovanni Guidi (piano); Frank Martino (chitarra, live electronics); Rosa Brunello (contrabbasso, electronics); Sergio Pesca (batteria).

Domenica 3 giugno

HOBBY HORSE: Dan Kinzelman (sax, clarinetto); Joe Rehmer (contrabbasso, electronics); Stefano Tamborrino (batteria).

A seguire: jam session

Venerdì 8 giugno

SEGNISONORI PROJECT, Piazza Carlotti – Giardino delle Rane

Tania Schifano (digital painting); Luca Donini (sax & live electronics); Frank Martino (chitarra & effetti elettronici); Rosa Brunello (contrabbasso); Sergio Pesca (batteria).

Eventi collaterali

Da venerdì 1 a domenica 10 giugno

Mostra d’arte “Jazz & Viaggio” di Tania Schifano e Giovanni Guerreschi

Inaugurazione sabato 2 giugno ore 18.00 c/o Palazzo Pincini Carlotti – Garda

Jazz Events

Sabato 23 giugno: JAZZ EXTENSION, lungolago R. Adelaide 57, Cafè la Vittoria

Venerdì 14 Settembre: JAZZ DAY, Piazza Calderini, Trattoria Enoteca Al Graspo

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...