Intervista con la cantautrice lucana Rosmy: il nuovo singolo “Inutilmente” e i prossimi progetti

Si intitola “Inutilmente” (BlueMusic International / Believe Digital) il nuovo singolo della cantautrice lucana Rosmy, da lei scritto in collaborazione con Ciro Scognamiglio. La canzone affronta il fenomeno molto diffuso del “ghosting”, cioè la scelta di sparire, anziché confrontarsi e affrontare le proprie responsabilità, complici i social che rendono il contatto diretto sempre più rarefatto, e descrive un percorso interiore che alterna dubbi e domande, cercando una via d’uscita da un disagio ormai sempre più presente, attraverso la musica.

Rosmy si è distinta in questi anni per il suo impegno nell’affrontare con i suoi brani importanti tematiche sociali. Con il suo precedente singolo “Ho scelto di essere libera”, uscito a giugno 2017 con il videoclip promosso da Lucania Film Commission e da Amnesty International, lancia un messaggio contro il bullismo. Ad aprile 2016 pubblica “Tra nuvole e sole”, apprezzato per la sua originalità musicale e valenza sociale, un vero e proprio messaggio contro la violenza che paralizza l’anima della gente, un inno alla speranza contro l’angoscia del terrorismo. Con il singolo “Un istante di noi”, nel 2016 vince il Premio Mia Martini “Nuove Proposte per l’Europa 2016” e il Premio Speciale “Miglior brano radiofonico”. Il brano che racconta la frenesia della vita quotidiana, è scritto da Giulio Iozzi, Luca Sala e dalla stessa Rosmy, vanta la produzione artistica e gli arrangiamenti di Enrico “Kikko” Palmosi, produttore dei Modà. A gennaio 2017 esce il nuovo singolo “Trema pure la città”, un brano contro l’indifferenza della gente, un invito alla semplicità e alla forzadell’amore, che la vede al primo posto nella classifica degli Artisti Emergenti Italiani più trasmessi in radio.

Rosamaria Tempone in arte Rosmy, è attrice teatrale, interprete e vocalist del gruppo musicale “The music Family” dei fratelli Tempone. Il suo percorso musicale come cantautrice solista inizia nel 2016. Ad oggi ha lanciato quattro singoli e si prepara a pubblicare il suo primo album.

Rosmy_foto di Tiziana Orrù_2_b

Ciao Rosmy, nel tuo ultimo singolo “Inutilmente” affronti un tema molto attuale, quello del ghosting, con i social che rendono i contatti tra persone sempre più virtuali e meno diretti. Com’è nato questo brano?

““Inutilmente” nasce dal desiderio di una vita che non sia vissuta inutilmente, un po’ un controsenso, che vuole provare a raccontare un percorso interiore di chi ha subito un abbandono improvviso, un vuoto che alterna dubbi e domande per cercare una via d’uscita da un disagio ormai sempre più diffuso nella società di oggi, il cosiddetto “ghosting”. Tutto può finire, l’importate è assumersi le proprie responsabilità, e sapersi confrontare, ma oggi, purtroppo è più facile “sparire” che dare spiegazioni, e questo crea un profondo trauma nella nostra società. Questo fenomeno, secondo me, va messo in luce perché chi subisce tende a chiudersi a non avere più fiducia, resta nel limbo a trovare quelle motivazioni che non riesce ad appagare rischiando così di vivere il suo tempo inutilmente”.

Qual è il tuo rapporto con i social?

“Oggi non “Essere social” vuol dire essere fuori dal mondo. E io amo vivere la realtà ed esserci. Bisogna stare attenti ad adottare la giusta modalità ed utilizzo. Credo che la tecnologia abbia cambiato profondamente la cultura della società stessa, in maniera molto veloce ma spesso si riduce alla superficialità e a dare tutto per scontato, tanto che “bloccare” sembra molto più facile che dare spiegazioni”.

Cosa ci racconti invece riguardo il video di “Inutilmente” girato a Pietra Ligure e Bellano?

“Le immagini del videoclip “Inutilmente” girate in particolare con un drone, vogliono trasferire lo sguardo di un “occhio” lontano, che vede, percepisce il senso di solitudine e di vuoto che può avvertire un naufrago, su un’isola in mezzo al mare, confortato solo dalle note di un pianoforte e dal ritmo delle onde”.

Nelle tue canzoni hai affrontato diverse tematiche sociali lanciando messaggi importanti contro il bullismo, il terrorismo, l’indifferenza della gente. Quanto oggi la musica può avere il potere di smuovere le coscienze?

“Come diceva Eduardo “Il teatro non è altro che il disperato sforzo dell’uomo di dare un senso alla vita”. Questo, per me, vale anche nella musica che ha il potere di raccontare e far arrivare nel modo più semplice qualsiasi messaggio, perché il ritmo smuove quella parte sensibile più sottile di ognuno di noi, che permette di aprirti a ciò che le parole stesse vogliono comunicarti”.

La tua carriera è iniziata come attrice teatrale e di musical. Come ti sei avvicinata alla musica?

“Il teatro e la musica nella mia vita si sono sempre uniti, due emozioni diverse ma forti allo stesso modo. A teatro nasco come attrice di prosa ma soprattutto cantante, perché mi appassionava fare ricerche musicali popolari, e soprattutto il  di vecchie melodie della tradizione per poi inserirle nei diversi spettacoli teatrali. Amo tutte e due le attività e credo che anche grazie a queste diverse esperienze possa dire oggi di essere la personalità artistica che sono”.

A quali progetti stai lavorando?

“Promuovere il più possibile questo singolo a cui tengo moltissimo, in attesa del mio album di prossima uscita”.

Ti vedremo live quest’estate?

“Sicuramente sì, ma preferisco non anticipare nulla per non rovinarvi la sorpresa. Basta seguirmi e restare “sintonizzati””.

di Francesca Monti

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...