INTERVISTA CON STRAGA’: “Non avrei mai pensato di fare un album interamente scritto da me”

Con il tormentone estivo “L’Astronauta”, apprezzato anche da Bobby Solo e Franco Battiato, presenti in una versione remix, Stragà ha dominato la stagione radiofonica del 2000. Ora il cantautore torna nei negozi con “Guardare fuori” (Alman Music/Self), un album intenso e sincero composto da dieci tracce di cui l’artista è autore e si racconta a cuore aperto interrogandosi sull’esistenza, sulla forza, sulla debolezza e sulla capacità di affrontare la quotidianità, tra ironia e profondità.

“Guardare Fuori” è stato anticipato dal singolo “Ho esaurito la paura”, il cui video è stato girato nelle zone colpite dal terremoto dell’Aquila. Il brano sostiene il progetto UN PAESE CI VUOLE, che l’Associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini ha attivato dopo il terremoto che ha colpito il Centro Italia nel 2016, grazie al sostegno dell’Istituto Italiano della Donazione (IID) e di Banco Popolare.

Abbiamo fatto una piacevole chiacchierata con Stragà, ecco cosa ci ha raccontato.

Cover_GuardareFuori

Ciao Federico, è uscito il tuo nuovo disco “Guardare Fuori”, il primo in cui sei autore di tutti i testi. Cosa ci racconti a riguardo? 

Non avrei mai pensato di fare un album interamente scritto da me, in passato ho sempre scelto di cantare canzoni che mi piacevano e in qualche modo mi rappresentavano ma a un certo punto mi sono detto: perché non provare a scrivere qualcosa? Pur rimanendo dell’idea che le canzoni vadano scritte quando uno è ispirato e ha qualcosa di spontaneo da dire, che gli esce dal cuore, mettersi con la chitarra e provare è stato utile perché mi sono reso conto che più scrivevo più avevo voglia di continuare e sono riuscito a realizzare i brani di questo album, un traguardo che non mi ero mai posto, inaspettato”.

Un disco in cui ti poni molte domande sull’esistenza, sulle difficoltà della vita quotidiana…

“Ho più domande che risposte, sono tutte canzoni che partono da me, mi porto dentro da tempo varie domande rispetto alle debolezze, alle mie paure, alla vita in generale, in qualche traccia anche rispetto all’amore. Non ho mai pensato alle risposte. Molti cantanti hanno dedicato brani ad altre persone, io non mi sento ancora pronto, prima devo appagare il mio egocentrismo, poi magari in futuro riuscirò a scrivere parlando di qualcun altro”.

Questa voglia che si percepisce di guardare fuori è in qualche modo correlata al singolo “Ho esaurito la paura” che parla del fatto che superare le paure aiuti ad affrontare le difficoltà della vita, con un video girato a L’Aquila, città colpita dal terremoto nel 2009…  

“Effettivamente le canzoni sono partite da dentro ma guardare fuori è fondamentale. In quella traccia in particolare (Guardare fuori) parlavo in modo nostalgico di quando ero bambino e guardavo piu’ gli altri, le loro vite e le confrontavo con la mia e arrivavo a un risultato per capire com’ero. Guardavo le altre persone con un certo interesse, poi questa cosa si è attenuata, ma mi piacerebbe tornare a guardare gli altri come allora, ascoltare i loro racconti, vivere con empatia i rapporti perchè credo sia di aiuto per vivere meglio.

C’è sicuramente un legame con Ho esaurito la paura, quella canzone parla di tante piccole paure che mi riguardano e sogno di non averne più, di aver esaurito la mia scorta. L’idea di girare il video a L’Aquila è natq in modo spontaneo, non ho mai messo bocca nei miei video ma questa volta ho pensato che quella città fosse attinente con la canzone. Vivere il terremoto per un bambino è un trauma talmente forte che da quel momento in poi, se lo supera, può affrontare qualsiasi cosa senza timore”.

Il brano sostiene il progetto UN PAESE CI VUOLE, che l’Associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini ha attivato dopo il terremoto del 2009…

“Il contatto con questa associazione è nato grazie ad un’amica che ne fa parte e al comune de L’Aquila che ci ha accolto per le riprese. Ai.Bi.Amici porta avanti il progetto Un Paese ci vuole che dona un sostegno psicologico ai bambini e alle famiglie che hanno vissuto il dramma del terremoto”.

Quest’estate porterai il nuovo disco in tour per l’Italia?

“Ho una nuova band con bravissimi musicisti capitanata da Valerio Carboni, arrangiatore del disco. Quando ho realizzato l’album volevo fosse suonato con batteria, basso, chitarra, assoli di sax, armonica, violino perché immaginavo così il live. Ho sempre fatto concerti ma quello con la band mi mancava da un po’. Spero di fare tante date in giro per l’Italia”.

Stragà01

Hai preso parte al Festival di Sanremo nel 1998 tra le Nuove Proposte con il brano “Siamo noi” e nel 2003 nella categoria Big, interpretando “Volere volare” in coppia con Anna Tatangelo. E’ tra i tuoi obiettivi tornare sul palco dell’Ariston?

“Mi piacerebbe molto, oggi le opportunità sia per i cantanti nuovi sia per chi come me ha fatto qualcosa in passato non sono tante. Ho provato quest’anno a presentare una canzone che non ho inserito nel disco, ma non è andata. Magari ritenterò in futuro”.

Nel 2000 sei stato tra i protagonisti dell’estate con la hit “L’Astronauta”. Quanto è cambiato rispetto ad allora il mondo della musica in Italia?

“Sicuramente è cambiato il nostro rapporto con la musica, oggi è gratuita, alla portata di tutti e questo ha rovinato tutto il sistema. Sembra che le canzoni debbano essere soltanto ritmate e festose e non ci sia spazio per altri tipi di musica. Una volta c’erano dei generi ben precisi e un ascoltatore sceglieva quello che gli piaceva, oggi c’è un gran minestrone di brani e sono le radio e i dj a scegliere per noi cosa è bello e cosa è brutto, a propinare alla gente ciò che deve ascoltare. In generale oggi c’è povertà di tutto e anche la musica ne risente”.

Questa la tracklist di “GUARDARE FUORI”: Debole”, Guardare Fuori”,Preferisco”, I Primi Di Marzo”, Un Giorno Magico”, “Ho Esaurito La Paura“, Indeciso”, “Odio Il Mio Bassista”, “Stragatto”, “Che Cos’e’ L’arte?”.

di Francesca Monti

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...