E’ uscito Ogni Maledetto Weekend, il nuovo album del rapper genovese SITO

E’ uscito Ogni Maledetto Weekend, il nuovo album del rapper genovese SITO.

Questa la tracklist:

01 Intro
02 Non andare via
03 Cose da dire
04 Rime alla cazzo
05 Questa notte (feat. Soul Sarah)
06 Liberu la capu (feat. Nandu Popu)
07 Se non ti passa scendi
08 Vinco e perdo
09 SKIT – Zen
10 Sogni e guai
11 Prima che sia troppo tardi (feat. Soul Sarah)
12 Kinda Hero (feat. Gaetano Pellino)
13 S.I.T.O.Y.W.M.
14 Le favole le streghe e i giganti
15 Non posso farne a meno
16 SKIT – è tutto qui

Non andare via : Sono partito dalla mia adolescenza per arrivare ad oggi, facendo fermo immagine del mio passato, della società e di ciò che avevo intorno. Ho promesso a me stesso di crederci sempre. Quindi resto.

 Cose da dire : Nel rap game la voglia di rivalsa e di riuscirci è alta, ed è sempre stata argomento di discussione e di stimolo per crederci, oltre questo c’è la verità che uno, inteso io artista, vive sulla pelle e la racconta in modo attuale e onesto. Ognuno ha cose da dire, e spesso danno fastidio.

Rime alla cazzo : Questo pezzo è contro quelle persone che mi hanno dato contro rimanendo poi sempre nell’ ombra e senza mai produrre niente, ma come sempre il rap degli altri è sempre migliore del tuo, anche se gli altri non hanno mai fatto niente. Quindi per loro ho prodotto questo pezzo pensando al c….

Questa notte : Vivendo parecchio la notte in diverse città mi trovo sempre a vivere situazioni diverse. Anche questa canzone parla di diverse storie: tre strofe che raccontano tre storie. Parlano delle donne che ci accompagnano nella vita, delle donne che non riescono ad uscire da situazioni difficili e della mia adolescenza.

Liberu la Capu : Come sempre l’Italia è amata e odiata per le sue contraddizioni, per il suo stile, per la sua bellezza, per la sua economia, il cibo, l’arte, la politica… tutto ciò potrebbe funzionare meglio ma la chiusura mentale, i soldi facili, creano ostruzionismo verso una crescita onesta e per tutti. La classica storia italiana vista da Sud a Nord senza distinzioni.

Se non ti passa scendi : Classico pezzo hip hop da punchline e di voglia di palco. Partendo dal mio esordio nel 1999, racconto come negli anni sia cambiato lo stile e come la scena rap ha messo, oltre che le radici bene salde, anche le sue regole per lasciare stabilire al tempo chi rimane e chi no.

Vinco e perdo : Da bambino e guardavo il mondo più che con aria curiosa, con aria spaventata, credevo che sicuramente avrei perso quasi sempre le sfide, e tornare a casa sarebbe stato sempre più difficile. Crescendo, sono arrivate le prime soddisfazioni e i primi dolori e ho realizzato che ciò che non uccide, fortifica.
Sogni e Guai : Per stare a galla ti devi inventare qualche lavoretto, in casa non c’era ricchezza, quindi era normale chiedere aiuto alla strada, che tutto ti da e tutto ti può togliere. L’importante è capire se sei portato o se riesci a trovare il limite che per poterci convivere. Ho realizzato sogni che non pensavo di riuscire a realizzare, ho vissuto guai che mi hanno fatto crescere.

 Prima che sia troppo tardi : Non sempre le storie d’amore finisco bene, come  la mia prima storia. Relazione vissuta male, con angosce, voglia di non capirsi e quella consapevolezza di restare per non mancarsi, nonostante il tempo passato insieme fosse sempre più teso. Poi quando capisci che oltre che è finita te ne vai, senza preavviso, facendo un dispetto, quasi per dare una risposta alle domande che verranno.

Kinda Hero : Nei fumetti che leggevo vinceva sempre il supereroe che sconfiggeva il cattivo. Peccato che la realtà abbia da mostrare altri risultati, ma c’è molto che si può fare per stare meglio: non per forza entrare nella storia con gloria, ma viverla nel presente per cambiare la storia di tutti i giorni e districarsi in quella che sempre di più diventa una giungla.

S.I.T.O.Y.W.M. :Dopo tutti questi anni a capire se è meglio lasciare o continuare a perseguire il proprio cammino, la cosa migliore è accettarsi e mettersi in gioco, questo sono io.

Le favole le streghe e i giganti : Nella società dell’apparire e del essere per forza qualcuno o qualcosa, cercare di andare controcorrente è sinonimo di forza e non accettare nessun compromesso e restare se stessi è fondamentale. Oltre al credere di più nelle nostre capacità bisogna avere anche chiaro le potenzialità personali, senza farsi ingannare.

Non Posso Farne A Meno: è la liberazione da un pregiudizio fine a se stesso di chi non vuole andare in fondo alle proprie aspirazioni. In un’era in cui apparire è più facile che scomparire , la difficoltà sta nell’ individuare il bello dal buono, ed il mezzo più semplice per fare ciò è attraverso il suono, con cui si riesce a mandare un messaggio diretto alle persone.

“GUARDA IL VIDEO DI “NON POSSO FARNE A MENO”

SITO

Dopo il fortunato esordio con l’album Pioggia Sporca (Irma Records 2016), il secondo album di SITO, prodotto da Gaetano Pellino (fratello di Neffa), in uscita nei prossimi mesi, vede diverse collaborazioni, fra cui quella di Nandu Popu dei Sud Sound System, nel singolo Liberu la capu.
Le tracce dell’album Pioggia Sporca hanno visto la partecipazione di produttori importanti, tra cui in primis Rosario D-Ross Castagnola, già al lavoro per Marracash, Fabri Fibra, Clementino, Emis Killa e Raiz.
SITO è anche autore dell’originale webserie SquiSito, che unisce rap e cucina.

Claudio Calcagno, oltre ad essere rapper, è sous-chef in un ristorante ad Ovada, in provincia di Alessandria.
Nasce a Genova nel 1983 e mentre consegue il diploma di maestro d’Arte rimane affascinato dalla cultura hip hop, prima solo come writer, poi si appassiona alla figura del dj, comincia a comprare i primi vinili dedicandosi a tale disciplina che lo porterà a intraprendere definitivamente l’arte dell’ MC.
Dal 1999 SITO fa molteplici esperienze fino al 2004 quando arriva la svolta grazie all’incontro con Gaetano
Pellino, musicista blues e poliedrico produttore discografico. Da Pellino SITO riceve svariati nuovi input, tra tecniche di registrazione audio, produzione musicale e nuovi orizzonti su sound da lui fino ad allora inesplorati. La collaborazione col musicista porterà il rapper fino al prestigioso Triton’s Studio.
A tutt’ oggi Pellino continua a curare la produzione artistica dei brani di SITO.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...