Un viaggio nella periferia di Torino per raccontare i piccoli e i grandi “Eroi di strada”, condotto da Ilenia Petracalvina su Rai2 mercoledì 7 novembre alle 23.20, con Giorgio Lupano, Federico Balzaretti, Arturo Brachetti, Ensi

Un viaggio nella grande periferia di Torino per raccontare i piccoli e i grandi “Eroi di strada” che ce l’hanno fatta, condotto da Ilenia Petracalvina su Rai2 mercoledì 7 novembre alle 23.20. Con l’attore Giorgio Lupano, l’ex calciatore Federico Balzaretti, Arturo Brachetti, il rapper Ensi, il racconto si snoderà da Trofarello ad Alpignano, passando per Grugliasco, fino ad arrivare a Barriera di Milano, storica periferia torinese: il disagio sociale, il degrado, la criminalità ancora radicata in questi quartieri abbandonati dalle istituzioni e spesso invisibili a molti, ma dove nasce e cresce la voglia del riscatto e il desiderio di farcela, di riuscire a realizzare un sogno. Giorgio Lupano, classe 1969, attore, è nato e cresciuto a Trofarello, si è diplomato nel 1993 alla scuola del Teatro Stabile di Torino, diretta da Luca Ronconi. Oggi è un attore famoso, protagonista di tante fiction, vive a Roma, ma torna spesso nella sua periferia, che lo riporta alle sue emozioni più profonde. Come Federico Balzaretti, ex calciatore dell’As Roma, oggi dirigente della squadra romana. Ha cominciato a calciare nella sua periferia, a Grugliasco. Tanti successi in nazionale, oggi è papà di 4 figli e marito dell’etoile della danza Eleonora Abbagnato. Ha fatto tanta strada, ma non dimentica i luoghi da cui tutto è cominciato. Arturo Brachetti, l’uomo dai mille volti, trasformista famoso in tutto il mondo, cresciuto a Barriera di Milano, quartiere periferico di Torino, descrive la sua periferia così: “Torino negli anni Sessanta sembrava la periferia di Budapest. Alle otto della mattina ti mettevi una camicia bianca e a mezzogiorno aveva già cambiato colore, era diventata grigia come il fumo delle ciminiere delle fabbriche che mi circondavano”. Infine Ensi, all’anagrafe Jari Vella, classe 1985, rapper. Nasce e cresce ad Alpignano, in periferia. Nelle sue rime c’è la Torino dei quartieri popolari e del disagio. “Tutto – ha detto – mi ha fatto crescere e caratterizzato, sia come uomo che per il rap. Nel bene e nel male il luogo dove nasci condiziona la tua esistenza”. Insieme con loro ci saranno tanti “piccoli eroi”, che ogni giorno scommettono sul loro territorio.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...