Intervista con Miriam Galanti, protagonista del film “Scarlett”: “Mi piace il cinema che racconta la realtà e che cerca di cambiare e di denunciare ciò che non va”

E’ una delle giovani stelle piu’ talentuose del cinema italiano, è un’attrice versatile, ha lavorato con Giancarlo Giannini nel fashion movie “The Good Italian II”, e ha preso parte alle serie di successo Don Matteo e Che Dio ci aiuti, ma ha anche vinto il Premio Giuliano Gemma nella sezione Nuovi talenti. Stiamo parlando di Miriam Galanti, protagonista del film “Scarlett” di Luigi Boccia, presentato in anteprima al Riff in cui interpreta Giulia.

In questa intervista che ci ha gentilmente concesso, Miriam Galanti ci ha parlato non solo di Scarlett, ma anche dei prossimi progetti, tra cui la serie “Che Dio ci aiuti 5”, e del suo impegno contro la violenza sulle donne.

_DSC8154

Buongiorno Miriam, sei la protagonista di Scarlett nel ruolo della scrittrice di successo Giulia. Cosa ci puoi raccontare riguardo questo film e in particolare sul tuo personaggio?

“Giulia è stato un personaggio complesso da affrontare, quasi sempre sola, chiusa in una macchina e quasi sempre in bilico tra la realtà e la sua immaginazione, disperata e smarrita, abbandonata alle sue paure e paranoie. Non è stato facile, indubbiamente mi ha dato la possibilità di sperimentare”.

Hai lavorato con Giancarlo Giannini in “The Good Italian II”, che ricordo hai di questa esperienza?

“Ho un ricordo bellissimo di quel set. Giancarlo è stato molto disponibile, sempre premuroso ed attento. Abbiamo provato insieme prima di iniziare a girare e devo dire che è stata un’emozione grande recitare accanto a lui. Giancarlo già lo conoscevo perché mi sono diplomata al Centro Sperimentale e lui è uno dei docenti, ma lavorare insieme è tutt’altra cosa. Giancarlo è davvero un pezzo di storia del cinema del nostro Paese”.

MiriamGalanti

Tra i lavori a cui hai preso parte c’è anche il cortometraggio Metamorfosi, che affronta una tematica purtroppo molto attuale come quella del femminicidio…

““Metamorfosi” è uno dei lavori di cui vado più fiera perché tratta questa tematica che mi sta molto a cuore. È stato scelto come cortometraggio ufficiale del Ministero degli Interni per combattere questa grave piaga sociale. È stato proiettato in tutta Europa e grazie a questo corto ho avuto la possibilità di conoscere moltissime donne vittime di violenza, con alcune siamo diventate amiche, mi hanno raccontato le loro vite…io voglio continuare ad impegnarmi attraverso il mio lavoro, attraverso l’arte per combattere questo massacro. Voglio provare nel mio piccolo a dar voce a quelle donne che non riescono ad urlare “Basta!” con la propria voce”.

Parlando di mondo femminile, pensi che il cinema e l’arte in generale possano in qualche maniera contribuire a cambiare quello che non va nella società attuale?

“Assolutamente sí! Il tipo di cinema che preferisco, sia come attrice che come spettatrice, è il cinema che racconta la società, il cinema che racconta la realtà e che cerca di cambiare e di denunciare ciò che non va. Certamente l’arte è anche evasione, ma quando con degli escamotage surreali o metaforici riesce a raccontare la realtà con i suoi gap e i suoi drammi allora ne rimango davvero estasiata”.

Come ti sei avvicinata alla recitazione e quali sono i tuoi artisti di riferimento?

“Ho iniziato a recitare per un bisogno di raccontare tutto ciò che avevo dentro e che non riuscivo a tirare fuori in altro modo. Per me recitare è sempre terapeutico. Non posso dire di avere dei modelli di riferimento. Certo ho delle attrici che stimo molto e che amo guardare e riguardare…in particolare Kate Winslet, Nicole Kidman, Lea Seydoux e Marion Cotillard”.

In quali progetti per il cinema, il teatro o la tv, ti vedremo prossimamente?

“Sarò nella prossima stagione della fiction Rai “Che Dio ci aiuti”. È stato bello recitare accanto ad Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi, due attrici davvero generose e sensibili. Questa estate poi ho girato “In the trap”, un film che parla del paranormale e nel cast insieme a me c’è David Bailie, un attore inglese straordinario, sicuramente lo avrete visto ne “I pirati dei Caraibi” dove interpretava “Cotton””.

di Francesca Monti

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...