“Ogni volta che è Natale”, il regalo natalizio di Raffaella Carrà: “E’ un disco dai mille colori e sentimenti. Il mio augurio per questo Natale è che venga buttato nel cestino il verbo litigare”

E’ un disco dai mille colori e dai mille sentimenti“, così Raffaella Carrà definisce “Ogni volta che è Natale”, il regalo natalizio che la grandissima cantante, showgirl, icona di stile e libertà, fa ai suoi fan per la festa piu’ sentita dell’anno. Dopo cinque anni di assenza dalle scene musicali l’artista che tutto il mondo ci invidia, acclamatissima in Italia e all’estero (la Spagna l’ha da poco insignita dell’onorificenza di Dama al Orden del Mérito Civil) torna con un nuovo progetto artistico targato Sony Music.

Un album di canzoni natalizie, che uscirà il 30 novembre, carico di energia e positività:Quando Sony mi ha proposto di incidere un album di Natale ci ho pensato molto, ero in vacanza e mi ha convinto il fatto che per me era una cosa nuova, oltre alla libertà di scegliere il repertorio e di poter riproporre i temi con arrangiamenti nuovi. Ho chiesto che venisse inserito un inedito, che è stato scritto da Daniele Magro e poi mi sono divertita ad arrangiare gli altri brani insieme a Valeriano Chiaravalle“.

“Chi l’ha detto” è una canzone natalizia strettamente radicata all’attualità, alla vita e alle fatiche di ogni giorno, che spazia dal tema del lavoro ai tempi della precarietà fino alla riscoperta dei valori umani, ed è accompagnata dalla clip firmata dal regista Gianluca Montesano: il video regala un’emozione in più quando, come per incanto, le storie dei protagonisti vengono illuminate e scaldate dall’inconfondibile voce dell’artista che, in una gelida notte di Natale, risuona ricordando che la vera gioia è nella condivisione e non nei regali materiali.

Io non sono una cantante pura, sono una showwoman, nel video non volevo proprio esserci poi la Sony mi ha convinta a fare una comparsata. E’ un Natale alla Carramba e quando ho visto il risultato creato dal regista mi sono emozionata. Ho voluto inserire anche una coppia omosessuale nel video perchè l’amore è unico e non esistono distinzioni”, ha detto Raffaella Carrà che da molti anni è un’icona gay: “All’epoca di Canzonissima ho iniziato ad avvicinarmi al mondo omosessuale perchè ricevevo lettere da tanti ragazzi che soffrivano e addirittura minacciavano di uccidersi perchè non accettati dalle loro famiglie. Così ho cominciato a chiedermi come fosse possibile che esistesse quel gap tra figli, genitori e società e che accadessero queste cose a creature così tenere“.

Carrà_foto_verticale_pianoforte2_fotodiIwanPalombi

La tracklist è un caleidoscopio di note, generi e ritmi: da “Halleluja”, inno alla speranza, ad uscire dal buio che ci circonda e spalancare la braccia all’ottimismo a “La Marimorena”, una rumba popolare tutta da ballare, tipica della Spagna. Non mancano i classici, come White Christmas, Feliz Navidad, Happy Xmas (War is over), quest’ultimo arrangiato appositamente come un valzer lento, con la partecipazione del Piccolo coro dell’Antoniano.
White Christmas ad esempio l’ho cantata in stile swing alla Frank Sinatra, La Marimorena è un pezzo spagnolo che parte dall’Andalusia e arriva in tutto il mondo, ho voluto dare un’impronta personale, la rumba è pazzesca e in piu’ suonano dei veri gitani. Halleluja non è un pezzo natalizio ma mi è sempre piaciuto, quando l’ho sentito per l’ennesima volta ho chiesto a Valeriano di farne una versione lirica con orchestra e cori. Io canto con due giovani bravissime cantanti soprano, Vittoriana De Amicis e Erica Realino. E’ un pezzo che mi fa venire i brividi.
Buon Natale è invece una mia canzone che ho fatto qualche anno fa, ma siccome alla gente è piaciuta e l’ho visto dai complimenti che mi ha scritto ho deciso di riarrangiarla e ricantarla.
Ci sono poi Jingle Bell rock in inglese e la versione spagnola di Chi l’ha detto?. Sono contenta di presentare questo disco a Milano perchè questa città mi ha sempre portato fortuna. Io sono di Bologna e avevo sempre lavorato a Roma, quindi quando arrivai a Milano la prima volta per fare Fantastico mi sentivo persa e mi misi a piangere. Poi il regista Tony De Vita portò me e Sergio Japino a pranzo insieme per parlare del programma e ci fece conoscere meglio la città. Fantastico ebbe un grande successo con il mio adorato Corrado che all’inizio non voleva condurlo ma poi fu convinto da sua mamma. Milano mi ha sempre rispettata e dato grandi soddisfazioni e spero porti fortuna anche a questo disco, che non poteva cantare nessun altro perchè si sente molto Raffaella, quando lo ascolto sento che sono proprio io, che mi rappresenta“.

Carrà_foto_verticale2_microfono_fotodiIwanPalombi_

Un unico rammarico, Feliz Navidad di Josè Feliciano non è nella versione reggaeton come Raffaella Carrà desiderava:Non è giusto che sia l’unica a non aver fatto un reggaeton, avevo anche chiamato un rapper americano per fare l’introduzione, ma la Sony ha voluto che restasse così com’è“.

C’è poi una canzone di cui non ha svelato il titolo che è una sorta di ghost track: “Si tratta di un brano che ho cantato con una ragazzina di 13 anni di Manila, Angelica, con un inciso in filippino, che non è stata inserita nell’album“.

“Ogni volta che è Natale” raccoglie alcuni classici delle festività interpretate da Raffaella e, nella preziosissima versione deluxe, racconta anche la carriera musicale dell’artista, con un considerevole repertorio di canzoni che hanno fatto la storia e la cultura del nostro Paese.

Sulla musica di oggi Raffaella Carrà ha le idee chiare: “Ci sono canzoni belle e brutte, ma la musica muta continuamente, fluisce e vola nell’aria, l’importante è che sia scritta con estemporaneità. Quindi non c’è un periodo in cui la musica era piu’ o meno bella. Credo che la chiave del passaporto per andare nel mondo sia la melodia“.

Raffaella Carrà è amatissima in tutto il mondo, tanto che la Spagna le ha assegnato ben due preziosi riconoscimenti, cosa che in Italia non è ancora avvenuta:Non è che la Spagna mi tratti meglio, quando conducevo Pronto Raffaella? cercavo di promuovere le bellezze della Spagna in modo che gli italiani andassero lì in vacanza, la stessa cosa ho fatto al contrario quando conducevo in Spagna Hola Raffaella e cercavo di far conoscere l’Italia che ha tanti borghi e posti splendidi, oltre Roma, Firenze, la pizza e il mandolino. Quindi ho fatto da ponte tra i due paesi e sono stata premiata da Re Juan Carlos I. Ricordo che quando arrivai alla Zarzuela, mentre salivo le scale incontrai Giulio Andreotti che si stupì di vedermi lì e io gli dissi “non si preoccupi onorevole, non le rubo il Governo”.
Nel giugno scorso invece mi ha contattato l’ambasciatore per le celebrazioni dei 50 anni del Sessantotto e mi ha detto che mi avrebbero assegnato un altro premio, la piu’ alta onorificenza spagnola al merito civile. Devo dire che mi sono emozionata, lui è venuto in Italia a premiarmi ed è stato tutto bellissimo. Non importa se l’Italia dopo 50 anni di tv non mi ha assegnato un riconoscimento. Per me il premio piu’ grande è l’amore del pubblico che continua a seguirmi anche se non mi vede spesso in tv“.

neve_Carrà_foto_verticale3_microfono_fotodiIwanPalombi

Nel corso di una conferenza interessante e divertente Raffaella Carrà ha lanciato anche un importante messaggio contro la violenza sulle donne:Il mio augurio per questo Natale è che venga buttato nel cestino il verbo litigare, perchè la lite va a finire nella violenza e a pagare nella maggioranza dei casi siamo noi donne. La mia speranza è che gli uomini siano più comprensivi e che le donne contino fino a dieci, che siano così brave da non litigare perché quando litigano l’uomo ha il sopravvento. E soprattutto ricordatevi una cosa, quando una storia si chiude non dovete mai andare all’ultimo appuntamento, è quello più pericoloso. Nella mia vita ho avuto la fortuna di trovare uomini che hanno creduto in me, da Boncompagni in avanti. Ai tempi non c’era un rapporto paritario tra uomo e donna, ma ho avuto gli uomini giusti e mi sono giocata le mie possibilità alla grande. Sono stata e sono ancor oggi una donna libera. Il pubblico femminile mi segue perché sente che sono dalla loro parte e quando posso lo dimostro  anche in privato“.

Raffaella Carrà ha poi risposto a una domanda sul Natale:Mangio gli spaghetti al tonno, è una tradizione portafortuna che ho ereditato da Marcello Mastroianni. Quando ero bambina sentivo maggiormente l’arrivo della Befana, ma comunque ho passato dei Natali piacevoli con i miei parenti, anche se mamma e papà erano già divisi. Crescendo e stando con Gianni Boncompagni mi divertivo a impacchettare regali e fare l’albero per i miei due nipoti e per le sue tre figlie. Ora che sono cresciuti o organizziamo una vacanza insieme all’estero o ci riuniamo e festeggiamo insieme.
A me piace fare i regali piu’ che riceverli. Apprezzo tutto, basta che non siano soprammobili o cose che ho già. E poi mi dedico molto agli altri, non solo a Natale ma anche durante l’anno, è il regalo piu’ bello che possa fare a me e agli altri“.

Raffaella Carrà presenterà in tv il nuovo disco:Sarò ospite di Carlo Conti in uno speciale dello Zecchino d’Oro per cantare il singolo e Happy Xmas e poi a Che Tempo Che Fa da Fabio Fazio ma non farò eventi tv per promuovere l’album. Le pareti del mio studio sono piene di dischi d’oro e di platino ma c’è ancora uno spazio bianco, c’è posto per un altro disco d’oro. Speriamo che questo album possa raggiungere questo traguardo“.

RAFFAELLA CARRA'_copertina disco OGNI VOLTA CHE E' NATALE

Ogni volta che è Natale sarà disponibile in quattro edizioni speciali:

Standard version, CD
conterrà l’inedito Chi l’ha detto e 9 brani classici del Natale interpretati da Raffaella: White Christmas; La Marimorena; Happy Xmas (War Is Over); Merry Christmas Everyone (R.Carrà version); Halleluja; Feliz Navidad; Buon Natale; Jingle Bell Rock; Navidades Han Llegado.

Deluxe Edition, 2CD
(CD standard + disco bonus con 19 hit dell’artista): oltre alle tracce della standard version, il secondo CD conterrà Rosso Rock; Conga; Far L’amore (Bob Sinclar & Raffaella Carrà); Keep On (Raffaella Carrà feat. John Biancale); Tuca Tuca; Forte (Raffaella Carrà feat. Bob Sinclar); Pedro; Adiós amigo; Replay; Rumore; Ballo ballo; Satana; 53 53 456; Fiesta; Fun Fun Fun; Luca; Ché dolor; Hold Me; Tanti auguri

LP
conterrà i brani del CD standard e si presenterà in due “colorazioni”: silver limited edition e white

Super Deluxe
composta da un 45 giri con un particolarissimo formato a stella, i 2 CD della deluxe version, + un prezioso portachiavi con gli “auguri” di buone Feste di Raffaella Carrà. Quest’ultima sarà un’edizione limitata e numerata (saranno pubblicate, infatti, solo 2000 copie, 500 delle quali conterranno un regalo speciale dell’artista).

Subito dopo la pubblicazione, la Carrà presenterà il disco al pubblico in due eventi instore: sabato 1 dicembre a MILANO (Mondadori Megastore, ore 17.30, piazza Duomo) e giovedì 6 dicembre a ROMA (La Feltrinelli, ore 18, via Appia Nuova 427).

di Francesca Monti

credit foto Iwan Palombi

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...