SANREMO 2019: il Codacons annuncia un esposto per denunciare il meccanismo di voto della finale del Festival. Ultimo su Instagram: “Se la musica viene scelta dalla gente com’è possibile che questa percentuale sia stata ribaltata?”

Non si placano le polemiche sul Festival di Sanremo 2019 relative alle votazioni che hanno portato alla vittoria di Mahmood davanti a Ultimo e Il Volo.

Anche il Codacons è intervenuto annunciando un esposto all’Antitrust volto a “denunciare il meccanismo di voto dell’ultima serata del Festival, che ha annullato le preferenze espresse dal pubblico con possibile danno economico per i cittadini. Il cantante Ultimo è risultato essere il più votato dal televoto, ottenendo il 46,5% dei voti del pubblico, addirittura 30 voti percentuali in più rispetto al vincitore Mahmood, che ha ottenuto il 14,1% delle preferenze. Nonostante tali numeri, il voto della sala stampa e della giuria d’onore ha ribaltato la classifica del televoto, assegnando la vittoria a Mahmood. In questo modo il voto del pubblico da casa è stato di fatto annullato e umiliato, con conseguenze enormi sul fronte economico, considerato che i telespettatori hanno speso soldi attraverso il televoto, reso inutile dalle decisioni delle altre giurie“, spiega il Codacons.

Intanto Ultimo con una serie di clip su Instagram è tornato sulla questione:

Ho visto che stanno scrivendo un sacco di cavolate e di cattiverie. Io voglio ringraziare innanzitutto tutte le persone, e sono tante, che mi stanno inviando messaggi d’affetto, d’amore e sostegno. Siete più di quanto pensano loro. La mia incazzatura è molto semplice, mi chiedo come sia possibile che il Festival di Sanremo dia la possibilità di televotare da casa e di spendere dei soldi. La gente vota, si riesce ad arrivare al 46,5% del televoto, un altro artista arriva al 14% e questa differenza del 30% viene ribaltata dal giudizio della giuria d’onore composta da 8 persone, e dei giornalisti, gli stessi che quando hanno annunciato sul palco che Il Volo è arrivato terzo hanno esultato e e urlato come se fossero allo stadio gridando “merde” o si sono rivolti a me mentre stavo parlando in conferenza dandomi dello “stronzetto”, del deficiente, dell’imbecille. Se la musica viene scelta dalla gente e non dai giornalisti com’è possibile che questa percentuale sia stata ribaltata dai giornalisti e da 8 persone che con la musica c’entrano poco per non dire niente. Mi viene da pensare che non è il festival scelto dal popolo ma dai giornalisti. Allora non fate votare la gente, non fate spendere soldi per quattro serate alle persone. Io mi sento in colpa e sono dispiaciuto per chi ha votato da casa e vi chiedo scusa. Detto questo non ne parlerò più, spero di chiudere questa pagina e aprirne altre mille. Sono felice di come sta andando la canzone“, ha detto Ultimo che ha poi ribadito di voler far parlare la musica e annunciato che a fine mese uscirà Fateme cantà, una canzone in dialetto romano a difesa degli ultimi contro il potere, mentre il 5 aprile pubblicherà il nuovo atteso disco Colpa delle favole.

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...