Quindici libri da leggere quest’estate

Cosa c’è di meglio di un libro da leggere sotto l’ombrellone quest’estate? Vi proponiamo quindici libri (in ordine casuale) di vario genere, a nostro avviso molto interessanti. Buona lettura!

a-mano-disarmata-250x404 (1)

“A mano disarmata” di Federica Angeli

“Chi sta dalla parte giusta non perde mai. Chi ha scelto di sfidare a viso aperto la mafia la testa non la chinerà mai. Perché sulla bilancia alla sera ci si sale da soli, con la propria coscienza, ed è a lei che si risponde”. Il 6 giugno è uscito al cinema il film “A mano disarmata” di Claudio Bonivento con Claudia Gerini, tratto dall’omonimo libro di Federica Angeli.

Due spari nella notte, le finestre che si aprono e subito dopo un grido: «Tutti dentro, lo spettacolo è finito!» Siamo a Ostia, nel 2013, e tra gli abitanti di quei palazzi c’è anche Federica Angeli, cronista di nera per le pagine romane di «la Repubblica», che in quella periferia è nata e cresciuta. Da tempo si occupa dei clan locali e ha subìto gravi minacce. Sa quindi come è fatta la paura, ma crede che l’altra faccia della paura sia il coraggio. Se i vicini rientrano obbedienti al comando del boss, lei decide di denunciare ciò che ha visto. Dal giorno dopo la sua vita è stravolta: per la sua incolumità le è assegnata una scorta, eppure nessuna intimidazione fa vacillare la sua fede in un noi con cui condividere la lotta per la legalità. La storia giudiziaria di cui è protagonista fino alle più recenti sentenze racconta di una possibile seppur faticosa vittoria, confermando che tutti insieme possiamo alzare la testa e cambiare in meglio. Federica Angeli ha ottenuto questa vittoria con l’unica arma che possiede, la penna, e in queste pagine ci racconta le tappe di una vera e propria sfida alla malavita, nel solco di un giornalismo nobile, che non compiace mai null’altro che la verità. La sua testimonianza puntuale, incalzante, senza respiro non dimentica mai la sua dimensione di donna, di madre e di moglie contesa alla serenità famigliare. Una serenità che, ispirata dalla Vita è bella di Benigni, Federica Angeli riesce magicamente a preservare.

milena

“Quelle che…il calcio – Le ragazze del Mondiale” di Milena Bertolini con Domenico Savino.

Dopo molto tempo il vento torna a spirare a favore delle ragazze che sognavano di giocare a pallone da grandi. Ecco, quelle hanno saputo alzare la vela e volgere la prua dove il vento e stato capace di trasformare un sogno in un punto di arrivo. Quelle che … il calcio. Alla vigilia dei Mondiali 2019 di Francia, la storia del calcio femminile in Italia raccontata attraverso le vite di alcune delle sue protagoniste. Calciatrici e donne, interpreti di una disciplina che in Italia, da sempre (e ancora oggi) è stata osteggiata,  derisa, in nome degli stereotipi maschili, vero specchio della subcultura sessista che permea il lato oscuro del nostro Paese. Questo libro è soprattutto una galleria di immagini forti, come in un grande film di sport: un Invictus al femminile e tutto italiano. Elide, una delle pioniere del calcio femminile in Italia, che, accasciata su una panchina, piange lacrime che non riesce a fermare, mentre un’altra donna, sorridendole e abbracciandola, prova a consolarla. Federica, che comincia a tirar calci al pallone in una strada lunga e stretta del Pigneto, il quartiere che Pasolini chiamava «il paradiso dei poveri». Katia, che in quell’angolo fra il cielo e il “sette” della porta di calcio è capace di volare, figura dagli occhi azzurri e i capelli biondissimi come in una favola di Andersen, a liberare la palla da una rete che la vorrebbe imprigionare. Eleonora, l’attaccante della Nazionale e delle Lady Buccaneers nel campionato americano, che ha una fede profonda, «ha messo la vita nelle mani di Dio» e prega con le parole del Padre Nostro «sia fatta la Tua volontà». E poi Milena, l’allenatrice della Nazionale, che incarna con la sua “emilianità” gentile e aperta la tempra e la determinazione di questa squadra e di questo mondo, fatto di atlete e di donne forti.

giorgia1

“Io, Lui e altri effetti collaterali” di Giorgia Wurth

Al centro della storia ci sono le femmine e i maschi, due universi profondamente differenti, complementari a volte, ma di solito incompatibili.

Così l’autrice ha presentato la sua nuova opera: “IO, LUI e altri effetti collaterali, una storia che ho iniziato a scrivere mentre soffrivo di un maldamore devastante, in cui ero certa dell’impossibilità di costruire una relazione “sana” tra un uomo e una donna. E proprio durante una delle tanti notti insonni, ho avuto un’intuizione. Quella di una donna, Vera, che sostituisce, nel vero senso della parola, il maschio. Trova un’alternativa all’ uomo, insomma. E guarisce. Io pure, sono guarita. Grazie a questo libro, in cui credo talmente tanto che ho scelto di auto-pubblicarmi. Non ho editori alle spalle, solo una voglia matta di condividere questa storia con voi. Sì, ne sono consapevole: più invecchio più impazzisco. Ma io lo so che questo viaggio vi appassionerà, vi farà ridere, e anche un po’ commuovere. E magari chissà, anche un po’ guarire”.

fedez

“Quando sarai grande” (Fabbri Editori) di Fedez dedicato a tutti i bambini

«È questo che fanno i PAPÀ, se il buio ti spaventa. Accendono la LUNA, accendono le STELLE e se non basta prendono il SOLE per un raggio e te lo regalano, come un palloncino».

La Terra dei Sogni è un paese incantato, abitato da piccoli esseri circondati da cavoli e cicogne. Si chiamano bambini. La Terra delle Cose è un paese abitato da grandi che qualche volta si dimenticano di sognare. E per questo dalla Terra dei Sogni ogni tanto i bambini scendono a ricordarglielo. Così è anche per il nostro cucciolo, che si prepara a incontrare il suo papà, e con le sue buffe domande scardinerà ogni sua certezza. D’altronde un papà non è una persona che ha tutte le risposte, ma solo un uomo che sa che le risposte si possono trovare solo così: insieme.

Parte dei ricavati saranno devoluti dall’autore all’Associazione Heal Onlus, la cui madrina è Elena Santarelli, che si occupa di ricerca sui tumori cerebrali in età pediatrica.
Illustrazioni di Andrea Zoli.

zanard.jpg

“Quel ficcanaso di Zanardi” il nuovo libro di Alex Zanardi, scritto con Gianluca Gasparini ed edito da Rizzoli

In un’epoca in cui l’apparenza sembra prendere il posto dell’essenza, il grande campione prova a cogliere i valori profondi e gli esempi piu’ importanti dello sport, con la saggezza e l’ironia che lo contraddistinguono.

Alex è un uomo curioso, che ama osservare gli altri, come gli consigliava suo padre: «Sandrino, si può imparare qualcosa da tutti». Secondo Zanardi studiare i comportamenti altrui, per cogliere gli atteggiamenti virtuosi ed evitare gli errori, è un esercizio utilissimo. Perché Ginobili a 40 anni fa ancora la differenza nell’NBA? Ha una testa che sa sfruttare l’esperienza. E come interpretare invece le lacrime di Federer alla premiazione dell’Australian Open? Sono un segno di forza. Partendo da episodi sportivi, Zanardi riflette in questo libro su valori e comportamenti che possiamo riconoscere nella vita quotidiana. Dal rispetto delle regole all’importanza delle emozioni fino al senso dei propri limiti, sono tanti gli spunti di riflessione che lo sport ci offre e che Zanardi valorizza aiutandoci a capire come reagire di fronte alle difficoltà che incontriamo ogni giorno.

alessia

“In viaggio con Alessia” (Mondadori) di Alessia Marcuzzi

Così la conduttrice e autrice racconta l’opera: “Fin da piccolina i miei genitori mi hanno portato in giro per il mondo, alla scoperta continua di culture diverse dalla nostra, regalandomi incredibili esperienze di vita. Ho deciso di condividere con voi questo mio grande bagaglio, mettendoci dentro tutta me stessa e cercando di incontrare i gusti di tutti. Con una copertina morbida e le mie prime quattro città del cuore, il mio sogno è che questo libro di viaggio possa entrare molto presto nei vostri zaini!
Con questo libro vi porto per mano a Londra, Milano, Parigi e Roma, quattro città che amo alla follia. Vi rivelo i miei highlights del cuore, scelti personalmente e testati uno per uno. Ho selezionato con cura indirizzi da non perdere e passeggiate insolite, ristoranti e bar, negozi, locali notturni, hotel e bed & breakfast, consigli per farsi belle e dritte se viaggiate con i bambini, con il vostro lui o con un amico”.

preghiera

“Preghiera” il nuovo libro di Papa Francesco, edito da Piemme

Gli antichi dicevano che pregare è respirare. L’anima che non prega avvizzisce e muore.
Che cos’è la preghiera? Per chi dobbiamo pregare? E perché? E poi, come? In questo ricco breviario spirituale, papa Francesco racconta la sua esperienza di dialogo con il Creatore, invitandoci a dare del Tu a Dio, a chiamarlo papà, a gettare in Lui ogni angoscia e preoccupazione.

Un piccolo libro, che può diventare un prezioso compagno di viaggio, grazie anche alla raccolta di oltre 100 preghiere a cui attingere parole per ogni tempo e ogni occasione: per l’affidamento e la richiesta di protezione, per il coniuge e i figli, per una guarigione fisica o spirituale, per il lavoro, per la salvezza dell’anima, per un lutto, per le grandi feste liturgiche dell’anno. Un vademecum per imparare a stare in compagnia dell’Altissimo.

morace

“La prima punta” di Carolina Morace

Leggenda del calcio, unica donna ad allenare una squadra maschile, la Viterbese nel 1999, e allenatrice del Milan femminile.

La voce di una donna si alza all’interno del tempio laico del calcio, costruito a uso esclusivo di soli uomini. E’ quella di Carolina Morace che, ripercorrendo le tappe della propria carriera, mette a nudo i preconcetti della nostra società e dello sport in particolare. Preconcetti che diventano inaccettabili discriminazioni, a partire dall’esclusione dal professionismo sportivo delle atlete italiane di qualsiasi disciplina. Se il paragone con i campionati di calcio femminile all’estero rischia di essere impietoso, per questo sport si apre ora una grande finestra di possibilità con il ritorno della Nazionale femminile italiana ai Mondiali del 2019, e con l’ingresso sulla scena dei principali club italiani. La prefazione è firmata da Michele Uva.

camilleri

“Km 123”, il nuovo libro del maestro Andrea Camilleri, edito da Mondadori

Tutto inizia con un cellulare spento. A telefonare è Ester, a non rispondere è Giulio, finito in ospedale a causa di un brutto tamponamento sulla via Aurelia.

A riaccendere il telefonino, invece, è Giuditta, la moglie di Giulio, che ovviamente di Ester non sa nulla.

Potrebbe essere l’inizio di una commedia rosa, ma il colore di questa storia è decisamente un altro: un testimone, infatti, sostiene che quello di Giulio non sia stato un incidente, ma un tentato omicidio, e la pratica passa dagli uffici dell’assicurazione a quelli del commissariato.

Andrea Camilleri, maestro indiscusso del giallo d’autore italiano, ci regala un pasticciaccio pieno di humour e altrettanto mistero, in cui tutti i personaggi si convincono di aver indovinato la verità.

barbieri

“Domani sarà più buono. Da ogni piatto possono nascere nuove ricette” (Mondadori Electa) dello Chef Bruno Barbieri

Lo Chef italiano che ha conquistato più stelle Michelin in carriera presenta il suo nuovo volume dedicato al tema del riutilizzo in cucina, che contiene più di 100 ricette, ognuna delle quali custodisce un suggerimento per il riuso degli ingredienti, ed è arricchito da un servizio fotografico inedito, realizzato tra l’Italia e Istanbul da Stefano Scatà.

“La doppia vita dei piatti è ciò di cui voglio parlare in questo libro. Il titolo Domani sarà più buono la dice lunga sull’idea che ci sta dietro: la voglia di raccontare le sensazioni, le emozioni che nascono dal nostro rapporto con il cibo e dal modo che abbiamo di consumarlo, e suggerire qualche spunto per guardarlo sotto una luce diversa. Un altro titolo avrebbe potuto essere La doppia vita dei piatti, perché sono tanti quelli che in cucina il giorno dopo sono pronti per iniziare una nuova esistenza. Talvolta anche migliore. In poche parole, possono cambiare e diventare più buoni. Le tagliatelle avanzate di quando ero bambino non sono passate solo per la padella. Da lì sono nate un sacco di cose: tortini, frittate, polpette, soufflé, preparati con bravura (mia nonna e mia mamma erano entrambe ottime cuoche), ma anche con molta inventiva e voglia di sperimentare. Perché tante volte ridare vita a un piatto, magari ideato da te, con una tua ricetta, è più stimolante che preparare il piatto stesso. È un continuo inventare, un rimettersi sempre in gioco. Ma è anche un riallacciarsi alla storia della cucina italiana, che è fatta di recuperi fantasiosi e intelligenti. È un’educazione alimentare che tutti dobbiamo apprendere e insegnare ai nostri figli, perché in cucina non si butta via nulla. Non è solo una questione di economia, di risparmio, è una filosofia gastronomica, un modo di interpretare il cibo.”

andrea

“Dove finiscono le parole. Storia semiseria di una dislessica”  di Andrea Delogu

Che cosa significa non riuscire a leggere qualcosa di scritto, anche la frase più semplice e comune? Come ci si sente quando le parole sembrano soltanto segni indecifrabili, oscuri? Andrea Delogu, attrice, conduttrice radiofonica e televisiva ci racconta, in modo diretto, profondo e autentico, la sua faticosa rimonta per arrivare a dimostrare il proprio talento. Perché Andrea, fin da bambina, ha sofferto di dislessia, uno dei più comuni e penalizzanti disturbi dell’apprendimento. Fino a quando, grazie a internet… Ma in questo libro, che è insieme testimonianza e terapia, ogni genitore troverà la storia commovente e vera di una bambina che per nulla al mondo avrebbe rinunciato ai suoi sogni. E che con forza di volontà e talento innato è riuscita a realizzarli.

 

zilli

 

“Dream City” (Rizzoli) di Nina Zilli

Per realizzare un sogno ci vuole forza, costanza, passione, pazienza, ma anche uno spirito combattivo, perché spesso bisogna scontrarsi con ostacoli enormi. Le ragazze di oggi non sono principesse in attesa di essere salvate da un principe azzurro: sono esploratrici coraggiose, solari e ricche di risorse, sempre pronte a partire alla conquista di nuovi territori onirici, da sole o con le amiche. Tutto ciò di cui hanno bisogno è una guida turistica affidabile e aggiornata che le aiuti a orientarsi nei meandri di Dream City, la città dei sogni. Fondata nel 300.000 a.C., oggi conta circa sette miliardi di abitanti e si divide in quattro storiche contrade: Cuore, Cervello, Fegato e Pancia.
Concepito e illustrato da Nina Zilli, questo libro conquisterà i cuori e la fantasia delle amazzoni metropolitane di tutte le età, da 0 a 100 anni: “Dream City. La mia guida alla città dei sogni promette di rendere indimenticabile il vostro viaggio, grazie a una dettagliata cartina e a consigli da insider per trovare a colpo sicuro le location più suggestive e romantiche della città. Luoghi leggendari che avete sempre desiderato visitare; ristoranti stellari in cui assaggiare rarissime specialità tipiche (come i prelibati gelati alle nuvole o l’insalata di Erba Voglio); i migliori distretti dello shopping, ricchi di boutique esclusive; i famosi quartieri della movida”.

ballo

“La vita è un ballo. Ballando siamo tutti stelle” di Milly Carlucci

Che sia valzer o breakdance, tango o lindy hop, rumba, salsa, quickstep o cha cha cha, il ballo è pura passione. Può rappresentare la vocazione di una vita o semplicemente un modo di vivere più intenso, di superare un dolore o una difficoltà, di stare insieme agli altri con allegria e creatività, di esprimere quanto di più profondo e insieme lieve abbiamo in noi. Dai lampadari di Blackpool alle strade del Bronx, dalle milonghe di Buenos Aires alle sagre della Romagna, dalle balere più popolari alle più prestigiose accademie, Milly Carlucci raccoglie sogni e aspirazioni e li intreccia in una storia che attraversa grandi epoche e grandi personaggi, divi, artisti e gente comune, per arrivare fino a noi. Di capitolo in capitolo, di stile in stile, di passo in passo, ci fa volteggiare per l’Italia e per il mondo, fino a riportarci nella nostra quotidianità, per scoprire che il ballo può divertirci, impegnarci, distrarci, guarirci. E rendere più leggero il ritmo del nostro cuore.

catena

 

“Tutte le volte che ho pianto” (Giunti), il nuovo romanzo di Catena Fiorello

Il libro è ambientato a Messina e ha per protagonista Flora, una donna di quasi quaranta anni che sta riprendendo il controllo sulla sua vita. Il matrimonio con Antonio, sposato da giovanissima, è naufragato dopo l’ennesimo tradimento di lui, eppure Flora non riesce a dimenticarlo e vacilla ogni volta che lui torna a corteggiarla, alimentando le illusioni della figlia quindicenne Bianca.
Ma la sua vita è già abbastanza complicata, con un bar da gestire e una madre anziana che non ha mai superato la morte del marito e, soprattutto, la perdita di Giovanna, la sorella maggiore di Flora: bellissima, indomabile e carismatica, uccisa a venti anni in un tragico incidente. Adesso Flora trema vedendo che la figlia Bianca, per uno strano destino, coltiva il sogno di diventare attrice proprio come un tempo faceva Giovanna. Ma a scombinare di nuovo le carte, un giorno arriva Leo, con la sua aria da James Dean e un passato che lo lega a quei luoghi, dove sta per produrre un film. E con i suoi modi affascinanti, si insinua pericolosamente nei pensieri di Flora.

pana

 

“Adesso tu”, il nuovo libro di Giorgio Panariello, edito da Mondadori

“È il primo sguardo quello che lascia il segno. Quello che in un istante ti permette di comunicare un milione di parole. Eccomi, sono qui. Sono io. E tu sei mia madre, mio padre, mia figlia, mia sorella, il mio amore. Sei tu, sei tutto. E il primo sguardo difficilmente fallisce, mette in moto tutto ciò che hai dentro. I tuoi occhi guardano, ma la vista scorre veloce nei tuoi tessuti fino a esploderti nel cervello. È una fucilata che attraversa le vene. Colpisce il tuo cuore e lo fa battere forte. La saliva sparisce, in bocca ti rimangono solo schegge di vetro. Le tue mani tremano perché è giunto persino lì, anzi, va oltre, arriva alle gambe che si spezzano dall’emozione. Barcolli. E il respiro? Anche quello è andato. Ti accorgi che manca proprio. Sei in apnea. Ti senti svenire e hai paura di perdere i sensi. Sai che figura, se ruzzoli a terra.È lo sguardo di una madre che osserva il figlio, di un innamorato che contempla l’amata, di un fratello che rimira una sorella, di un’amica che guarda un amico. È lo sguardo di chi sa cosa significa amare.” Giorgio Panariello racconta la sua personalissima visione dell’amore. Un amore fatto di passione, cura reciproca, sentimento. Di discussioni e lotte, fughe in avanti e festosi ritorni. Un amore fatto di giornate in casa a tirare il fiato e di corse pazze in campagna. Di foto nei cassetti, paura dei tuoni, coccole lunghe un giorno, silenzi traboccanti di parole.Un racconto intenso e inatteso, guidato da un sentimento puro e generoso, quello che ti fa aprire il cuore al mondo intero.Una storia che custodisce un colpo di scena capace di allargare i confini di ciò che noi sappiamo sull’amore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...