A Suoni Mobili la fusion di Lucìa De Carvalho attraverso musiche di Angola, Portogallo e Francia, venerdì 26 luglio a Lissone

Il Festival estivo itinerante di musica Suoni Mobili prosegue venerdì 26 luglio in Piazza Libertà a Lissone (MB) alle 21.30 con il concerto in trio di Lucìa de Carvalho, uno degli appuntamenti più interculturali dell’edizione 2019 di Suoni Mobili tra tradizioni musicali europee e latinoamericane.

Acclamata a livello internazionale, la compositrice e interprete ha origini multietniche: Angola, Portogallo e Francia risuoneranno nella musica che porterà sul palco il trio da lei composta assieme a Lionel Galonnier (percussioni e voce) e Edouard Heilbronn (chitarra e voce). Le tre identità nazionali sono rispecchiate in musica attraverso una commistione inedita di melodie, ritmi, colori che attraversano nazioni e continenti. Se ritmi latini come samba e afro da Angola e Brasile sono protagonisti frequenti della musica di Lucìa, sono ben individuabili le contaminazioni della musica pop/rock, ma anche l’upbeat tipicamente funk e le sonorità coinvolgenti del reggae.

“L’edizione numero 10 è la conferma di come Suoni Mobili sia un festival di respiro internazionale capace di mettere insieme paesi e città, piazze e parchi con una fitta rete di concerti che esaltano i luoghi che li ospitano e che permettono ad un’intera comunità di riconoscersi nei luoghi e di scoprire musica e artisti da tutto il mondo dichiara il direttore creativo di Suoni Mobili e Musicamorfosi Saul Beretta – lo conferma la crescita costante dell’audience ma anche dell’offerta del Festival, che quest’anno ha numeri da record: 67 concerti dal jazz alla world music, folk, blues, musica classica, con 50 artisti provenienti da 25 paesi dal mondo tra cui Svezia, Spagna, Austria, Senegal, Capo Verde, Angola e ovviamente Estonia e Svizzera, due importanti focus tematici del 2019 e una collaborazione produttiva e artistica con il Festival Internazionale di Stresa.”

In linea con la sua filosofia di multiculturalismo e aggregazione sociale attraverso arte, musica e arti performative, Suoni Mobili 19 ha proposto un programma di concerti all’insegna della scoperta e del confronto musicale e culturale. In primis con il filone Suona Estonia, che ha inaugurato l’edizione 2019 di Suoni Mobili e ha portato sui palchi del festival i migliori talenti della scena nazionale come Tuulikki Bartosik, fisarmonicista folk di grande rilievo plurinominata agli Estonian Folk Music Awards come miglior musicista e miglior album, e poi il Duo Telluur,la giovane pianista Kirke Karja, Maarja Nuut eil sestetto vocale Estonian Voices, pluripremiato di canto a cappella tra jazz, classica e folk. Poi con il programma dedicato ai talenti elvetici del Focus Svizzera, presentando l’Aureliano Marin Duo, Tobias Preisig e Stefan Rusconi con il concerto Levitation, il vincitore del prestigioso Montreux Jazz Festival nel 1999 Leo Tardin, Marco Santilli e Paolo Alderighi in un percorso tra classica e jazz, e i fratelli turchi ma di adozione svizzera Amine&Amza.

Continueranno il filone multiculturale i concerti di: Woodoism (sabato 4 agosto a Cesano Maderno), quartetto elvetico capitanato dal trombonista Florian Weiss dove Africa e Wodoo si intrecciano in una serata di jazz contemporaneo che collega idealmente, e in maniera inedita, l’Africa di New Orleans e Zurigo; il gruppo Occitano San Salvador, vera e propria rivelazione al Womex 2018 (venerdì 2 agosto a Seregno); il gruppo etiope-americano Qwanqwa tra musica moderna e tradizionale direttamente da Addis Abeba (sabato 3 agosto a Lecco).

In questa edizione, Suoni Mobili espande anche la rete di enti coinvolti e rassegne musicali coinvolte nella sua programmazione. Dai quattro concerti a corollario dell’Estate Sforzesca 2019 al concerto di Tuulikki Bartosik inserito nella settimana di eventi di promozione dell’importante gara a tappe del panorama ciclistico femminile internazionale Giro in Rosa, passando per la super brass band austriaca Mnozil Brass in occasione del Festival Bandistico Internazionale (giovedì 4 agosto a Besana in Brianza) e, non ultimo, i concerti inseriti nella 58° edizione del Festival Internazionale di Stresa con l’appuntamento IDOLI #2, un percorso evocativo in una delle isole più belle e suggestive del nord Italia ascoltando la musica di artisti di rilievo nazionale e internazionale come Giovanni Falzone, Valerio Scrignoli, Camilla Barbarito, Gianluca Di Ienno e con Quattro Matrimoni il 21 luglio all’Isola dei Pescatori

Ai concerti di Suoni Mobili 18 sarà inoltre possibile ricevere in cambio di una piccola donazione il Discomobile X il ‘Greatest Hits’ del Festival quasi 80’ di musica selezionata da Saul Beretta, quasi tutta del tutto inedita, a tiratura limitata, stampato a sostegno del festival e che riassume il meglio della musica presentata in questa edizione, con inediti assoluti.

Rinnovata anche quest’anno la proposta d’adesione alla manifestazione, tramite donazione minima di 2 euro a ogni concerto, per sostenere il festival in equilibrio delicato tra sponsor privati e contributi di Enti pubblici e autofinanziamento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...