Roma: Mercoledì 9 ottobre il debutto della pièce “Shake Fools”

Di Patrizia Faiello

L’appuntamento con “Shake Fools” di Giovanni Maria Buzzatti e Manuela Tempesta (regia: G. M. Buzzatti, M. Tempesta; interpreti: G. M. Buzzatti, Mavina Graziani, Giglia Marra, Enrico Franchi e Emanuele Guzzardi; musiche originali: Vincenzo Incenzo; con il contributo dell’Associazione Equilibra per il Benessere Sociale Onlusè è al Teatro Trastevere in Via Jacopa de’ Settesoli 3, dal 9 al 13 ottobre, da martedì al sabato ore 21, domenica ore 17:30.

“Shake fools”, letteralmente matti sotto scuotimento,  è la rappresentazione e la rivisitazione, in chiave contemporanea, dei più famosi personaggi shakespeariani, ovvero Amleto, Ofelia, Otello, Desdemona, Macbeth, Lady Macbeth, Re Lear/Learich, la Strega/Zingara. E’ una riscrittura attualizzata che utilizza anche inflessioni dialettali per restituire veridicità e fondatezza alla poetica universale di William Shakespeare. Un mezzo per “uscire dalla formalità del Teatro” e tramite il Teatro stesso, veicolare nuove forme di comunicazione.

“Ancora oggi Shakespeare è tra gli autori più conosciuti e amati – hanno dichiarato Giovanni Maria Buzzatti e Manuela Tempesta – il suo più grande merito è quello di aver rappresentato l’animo umano nella sua interezza. Non ne ha infatti tralasciato mai nessuna emozione o aspetto: ha indagato a fondo la vita nella sua assurdità, e spesso nelle sue opere compare la follia, quella stessa follia verso cui ci stiamo avviando in questo secolo, che NON considera più la Natura come elemento primario e indispensabile per la sopravvivenza del genere umano.

Questo è un forte elemento in comune con la poetica di William Shakespeare.

Infatti, la lotta dell’uomo contro la natura è alla base di ogni componimento shakespeariano. Non a caso, la tragedia si manifesta quando l’uomo agisce contro natura: così, il fratello uccide il fratello, la madre uccide il figlio, il marito uccide la moglie, o viceversa. Se avviene un’ingiustizia, anch’essa è considerata un atto contro natura.

A partire da questa premessa, riteniamo che il tema della “follia” sia quanto mai attuale in questi anni di “apocalisse annunciata”, a causa delle guerre, delle continue stragi, dei delitti efferati perpetuati ogni giorno.

Il fatto che uno spirito illuminato come Shakespeare, oltre 500 anni fa, già si fosse occupato di questa follia e che le cose non siano cambiate da allora, ci ha fatto riflettere sull’utilità di ribadire questo tipo di messaggio filtrato dalla nostra esperienza contemporanea, ovvero la riscrittura dei principali testi shakespeariani – AMLETO, MACBETH, RE LEAR, OTELLO – mantenendo il “motore” originale delle azioni, basate sulla violenza, sul sopruso e sull’ingiustizia. Per questo motivo, i nostri personaggi hanno i tratti peculiari degli “archetipi” shakespeariani a cui si riferiscono, ma le loro storie – così come la loro linfa vitale – sono tratte dai fatti di cronaca contemporanea, dalle ingiustizie quotidiane dettate dagli abusi del potere, dalle violenze che, nel silenzio, si consumano giorno per giorno nelle grandi città, così come nella provincia italiana.”

L’autore delle musiche, il cantautore, scrittore e regista italiano Vincenzo Incenzo aggiunge: “Ho scritto le musiche fuggendo qualsiasi logica e gravità tonale, sconfinando nel rumore e nell’ossessione, perchè rumorosa e ossessionata è la nostra mente. Il rumore nello scritto è ovunque, anche nei momenti di silenzio. Lo spettacolo come un trapano affondato nella realtà di stamattina riporta intatta alla luce la straordinaria modernità di Shakespeare e il suo racconto sull’assurdità umana, dove l’errore fatale sovverte l’ordine e distrugge l’eroe”.

Per info e contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it

http://www.teatrotrastevere.it #ilpostodelleidee

https://www.facebook.com/teatrotrastevere/# https://twitter.com/teatrotrast

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...