SANREMO 2020 NUOVE PROPOSTE: Intervista con Fadi, in gara con “Due Noi”: “Non vivo questa esperienza come una gara. Voglio tirare fuori il meglio di me stesso e le emozioni che sento facendo una bella performance”

Fadi, nuova promessa del cantautorato italiano, è in gara fra le Nuove Proposte della 70° edizione del Festival di Sanremo con il brano Due Noi, una ballata intensa, poetica, malinconica, una canzone d’amore sincera che fotografa come una polaroid da conservare nel cassetto dei ricordi, l’importanza di alcuni legami e il sapore agrodolce di quello che è stato condiviso.

Il brano è contenuto nel disco d’esordio “Fadi” in uscita il 31 gennaio in digitale per Sony Music Italy/Picicca, un progetto emotivamente potentissimo, in cui convivono armoniosamente il suono del West Africa e il cantautorato italiano, in un viaggio musicale attraverso luoghi e persone che fanno parte della vita dell’artista italo-nigeriano che con la sua voce calda e i suoi testi immediati riesce ad emozionare e far breccia nel cuore di chi lo ascolta.

Abbiamo realizzato un’intervista con Fadi (vero nome Thomas O. Fadimiluyi) a pochi giorni dall’esordio al Festival di Sanremo 2020. 

Fadi, puoi raccontarci le tue sensazioni a pochi giorni da Sanremo 2020, in cui sarai in gara con il brano “Due noi”?

“Sono molto contento di partecipare al Festival di Sanremo e orgoglioso di poter calcare il palco dell’Ariston dove hanno cantato grandissimi artisti”.

Con quali obiettivi ti presenterai al Festival?

“Il mio obiettivo l’ho raggiunto quando sono stato selezionato tra i 60 finalisti. Non vivo questa esperienza come una challenge, avere la possibilità di cantare all’Ariston un pezzo nato nella mia cameretta è già una grazia. La gara è quella che faccio con i miei amici in pista, dove ci tiriamo le sportellate, ma io sono sempre dietro perchè loro vanno troppo forte (ride). La preoccupazione sarà godermi il viaggio e tirare fuori il meglio di me stesso e le emozioni che sento facendo una bella performance al Festival”.

Il 31 gennaio esce il tuo disco d’esordio, “Fadi”, in cui convivono le tue due anime musicali, quella cantautorale e quella africana…

“Ho cercato di portare in questo progetto sia il sound africano sia un po’ della mia Romagna, spaziando dalle ballad d’amore come ad esempio “Due noi” che racconta l’importanza di alcuni legami e di quello che è stato condiviso, a “Canzone leggera” che parla dei limiti che uno può avere nell’affrontare la vita e dell’importanza di non aver paura di se stessi”.

Cosa ci racconti del brano “Owo”?

“Owo ha una sonorità tipica del Western Africa, è un brano allegro, trascinante. Mi piace variare tra generi diversi. Le canzoni del disco sono nate dalla realtà, dalle cose che mi colpiscono. Molti pezzi li ho scritti a Riccione, nella pensione di mia mamma, ad esempio mentre sincronizzavo un televisore. Sono molto pragmatico e mentre faccio una cosa ne penso un’altra (ride)”.

Hai preso parte al disco Faber Nostrum dedicato a Fabrizio de Andrè. Che esperienza è stata e quali sono i cantautori a cui ti ispiri?

“E’ stata un’esperienza fantastica e sono stato felice di partecipare a un progetto così importante. Mi piace molto il cantautorato italiano. Sono cresciuto con Rino Gaetano, Lucio Battisti, sono da sempre affascinato dall’umanità di Lucio Dalla, dalla semplicità delle sue canzoni intesa come attitudine. Nell’ascolto spaziavo da Ray Charles e Fabrizio De Andrè a Diana Ross e Nilla Pizzi”.

Porterai i nuovi brani live con la band in quattro date speciali nei club italiani (prodotte da Radar Concerti): 10 Aprile – Covo club (Bologna), 11 Aprile – Le Mura (Roma), 17 Aprile – Off Topic (Torino), 18 Aprile – Circolo Ohibò (Milano)…

“Sì, stiamo preparando i live. Faremo quattro date speciali, le prove sono in corso e siamo super entusiasti di presentare al pubblico i nuovi brani. Non vedo l’ora di salire sul palco”.

Questa la tracklist del disco Fadi:

Cardine

Due Noi

Owo

Canzone Leggera

Fluido (Vola Bel!)

Rimini

Pugni

Se ne va

di Francesca Monti

Rispondi