All’ARENA MILANO EST il cabaret è servito. Dario Cassini il 20 agosto con il suo SPETTACOLO SENZA GLUTINE

Prima del grande finale tutto al femminile, a suon di risate e di musica, nella locandina agostana live del nuovo polo multiculturale targato Martinitt a tuonare è ancora una voce maschile. Il comico –volto noto di programmi televisivi come Le Iene, Zelig e Colorado- ingolosirà il pubblico con il suo nuovo show infarcito di riflessioni enogastronomiche (ma non solo) e un’abbuffata di risate.

Occhi di ghiaccio e battute taglienti. Sul palco Dario Cassini è pericoloso: c’è il rischio di morire dal ridere. Partenopeo di nascita e romano d’adozione, è un mix esplosivo di comicità. Dopo la formazione classica e il debutto serioso in teatro, cade vittima della sua stessa ironia e si arrende allo humor che gli scorre nelle vene. Nonostante non rare, felici incursioni sul grande schermo, è la televisione a regalargli per prima soddisfazione, fama e successo. Tutto inizia con la conduzione de Le Iene, accanto a Simona Ventura, nel 1997. La sua lingua graffiante si scioglie definitivamente e inesorabilmente in tutta la sua verve pungente e il cabaret gli spalanca le braccia. Arrivano gli applausi di Zelig e Colorado, i programmi radiofonici e i successi in libreria.

SPETTACOLO SENZA GLUTINE, in programma giovedì 20 agosto all’ARENA MILANO EST, è il suo nuovo one-man-show, scritto con Massimiliano Papaleo. Si ride del nostro rapporto col cibo, delle mode in tavola, delle diete, dell’alimentazione etica e del junk food. Dimmi che cosa mangi e ti dirò chi sei, insomma. Ma come lo dice Dario Cassini non lo dice nessuno… Ci farà riflettere sulle patate fritte senza ombra di patata, che in fondo sono un po’ come il matrimonio. Emulerà Carlo Cracco nel preparare un cammello ripieno. Inviterà a praticare la dieta della preghiera, ovvero pregare ogni giorno di perdere peso. Nel massimo rispetto delle scelte alimentari di ognuno, ironizzerà sulle dottrine alimentari integraliste e salutiste, propinando la sua infallibile ricetta di lunga vita: ridere, ridere e ancora ridere. “Ridete italiani, che col reddito di cittadinanza aspetta e spera che si riempie la panza!!!”.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...