Picentia Short Film Festival: i finalisti della quarta edizione

Sono stati annunciati i venticinque cortometraggi selezionati per il Picentia Short Film Festival che saranno proiettati durante le tre serate finali a Napoli e Battipaglia, dall’11 al 13 settembre. Un festival internazionale di cortometraggi che ha visto la partecipazione al concorso di 259 lavori, provenienti da 41 paesi diversi, distribuiti tra Europa, Asia, Americhe e Oceania. Un evento organizzato dall’Associazione di Produzione Cinematografica Indipendente ACT Production, una giovane produzione formata da giovani filmmakers che negli ultimi due anni ha raggiunto le finali e/o le selezioni ufficiali di alcuni dei principali festival internazionali di cortometraggi.

Il PSFF ha avuto il patrocinio di Campania Film Commission, AIFF – Ariano International Film Festival, Hitch2 Production s.a.s. (Benevento), Premio RAI Cinema ‘Tulipani di Seta Nera’ (Roma), World Film Fair (New York), Jaipur International Film Festival (India), Giffoni Film Festival – Giffoni Experience, Fondazione Giffoni, Festival ‘Corto e a Capo’ di Venticano (Avellino), ToHorror Film Festival (Torino), Terminillo Film Festival (Rieti), Teatro Novanta Salerno – Theatre Academy, Accademia dello Spettacolo e del Musical di Baronissi, On-Air Festival Sorrento, Tenda Summer School (Ferrara). Patrocini da parte delle istituzioni pubbliche sono quelli della Regione Campania – Assessorato al Turismo, EPT – Ente Provinciale del Turismo di Salerno, dei comuni di Montecorvino Rovella, Giffoni Sei Casali, Bellizzi, Giffoni Valle Piana, Battipaglia e Amalfi.

Quest’anno i cortometraggi selezionati per la sezione Horror&Thriller sono: “Acquario” di Lorenzo Puntoni (ITA, 2018, 15′), “Please” di Mauro Zingarelli (ITA, 2020, 9′), “The Barber” di Sergiy Pudich (UKR, 2020, 8′). Per la sezione “Past&Future”: “A Cup of Coffee with Marilyn” di Alessandra Gonnella (ITA, 2019, 18′), “Rondini” di Riccardo Petrillo (ITA, 2019, 12′), “Qui Vive” di Anais Debus (BEL, 2019, 20′). Invece, i finalisti della sezione Docs&Discovery: “Pandemic Chronicles” di Vittorio Zunino Celotto (ITA, 2020, 17′), “Partenopea” di Stratos Cotugno (ITA, 2019, 8′), “La Preghiera” di Kazuya Ashizawa (JAP, 2020, 26′). Ad aver avuto accesso in finale, per la sezione Drama&Social: “Gameology” di Alessandra Cardone (ITA, 2019, 8′), “Il Mondiale in Piazza” di Vito Palmieri (ITA, 2018, 15′), “La Ricreazione” di Nour Gharbi (ITA, 2019, 15′), “Lella” di Michele Capuano (ITA, 2019, 15′), “L’Oro di Famiglia” (ITA, 2020, 15′). Per la sezione Comedy&Comic sono stati selezionati: “Heart Rate” di Stephan Bookas (ENG, 2020, 8’), “La Ricetta della Mamma” di Dario Piana (ITA, 2018, 15′), “Ritorno a Casa” di Antonio De Gregorio e Mattia Marano (ITA/ALB/MNE, 2020, 15′), “Salse Connection” di Francesco Barozzi (ITA, 2019, 15′), “Uonted” di Daniele Bonarini (ITA, 2018, 13′).

Per la sezione Green&Nature, novità assoluta dell’edizione: “La lunga rotta” di Roberto Lo Monaco (ITA, 2020, 22′), “Single Point of Failure” di Janet De Nardis (ITA, 2020, 15′), “White as the snow and its cloak” di Margherita Marzari (ITA, 2020, 6′). Infine la selezione Music&Videos vede finalisti: “All I Want” di Etienne Bochon, Charles Ghaloustians (FRA, 2020, 5′), “Pe ‘mme – Ebbanesis” di Pasquale Luigi Carillo (ITA, 2019, 4′), “Red Omen” di Ed Roman (CAN/USA, 2018, 4’).

Sarà assegnato ai cortometraggi in concorso un premio a serata, conferito da una giuria tecnica, composta da esperti del settore cinematografico, oltre varie menzioni assegnate rispettivamente dalla giuria stampa e dai partner del Premio Talentum. La giuria tecnica, che comporrà anche il parterre degli ospiti, sarà annunciata a breve sui canali social e sul sito del Festival. La direzione del Festival è estremamente soddisfatta sia del numero dei lavori iscritti a questa quarta edizione sia della loro elevata qualità, nonostante il periodo di lockdown dovuto al Covid-19 che ha rallentato notevolmente la produzione e la distribuzione cinematografica indipendente.

“Come ogni anno il momento più difficile del Picentia Short Film Festival sta nel saper selezionare le opere iscritte, e in un momento di contrazione delle tempistiche lo spazio dato ad autori ed artisti è sempre più limitato ed esclusivo – ha affermato la direzione artistica composta da Antonio Palo, Luca Capacchione ed Erica De Lisio – La quarantena ci ha permesso però di dedicare ad ogni singolo cortometraggio abbastanza tempo e attenzioni in modo da poter fare valutazioni più mirate e allo stesso tempo condivisibili”.

di Marcello Strano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...