LE VIE DEL CINEMA: il programma di mercoledì 30 settembre

Ultime proiezioni per l’edizione 2020 de le vie del cinema. Dal CONCORSO The Disciple di Chaitanya Tamhane, Never Gonna Snow Againdi Małgorzata Szumowska, Michał Englert e Quo Vadis, Aida?di Jasmila Žbanić; dal FUORI CONCORSO  Mandibules di Quentin Dupieux; da ORIZZONTI Genus Pandi Lav Diaz e Nowhere Specialdi Uberto Pasolini.

Appuntamento da non perdere quello con la regista Elisabetta Sgarbi, l’aiuto regista Eugenio Lio e gli Extraliscio (Mirco Mariani, Moreno il Biondo) in occasione della proiezione di Extraliscio – Punk da balera (si ballerà finché entra la luce dell’alba)alle 21.30 al Cinema Mexico. Conduce l’incontro Anna Massecesi.

Presentato come evento speciale alle GIORNATE DEGLI AUTORI, il film, con la voce narrante del poeta Ermanno Cavazzoni, racconta lo straordinario viaggio musicale degli Extraliscio, band capitanata da Moreno il Biondo, leggendario capo orchestra di Raoul Casadei, star del liscio e delle balere, e dal compositore e polistrumentista Mirco Mariani.

THE DISCIPLE (CONCORSO)

di Chaitanya Tamhane

con Aditya Modak, Arun Dravid, Sumitra Bhave,

India, 2h08, v.o. marathi/hindi/inglese/bengali sott. italiano

PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA e PREMIO FEDIC

Sharad Nerulkar ha consacrato se stesso a un unico obiettivo: diventare un grande interprete della musica classica indiana. Una ricerca che dura tutta la vita, in cui solo pochi riescono. Iniziato dal padre a una tradizione millenaria, Sharad si fa strada all’interno dei misteri e dei rituali sacri del passato ma dovrà confrontarsi tanto con la complessa realtà della Mumbai contemporanea quanto con il percorso che ha scelto, per trovare davvero la sua voce.

NEVER GONNA SNOW AGAIN (CONCORSO)

di Małgorzata SzumowskaMichał Englert

con Alec Utgoff, Maja Ostaszewska, Agata Kulesza,

Weronika Rosati, Katarzyna Figura

Polonia/Germania, 1h55, v.o. polacco/russo sott. italiano

Un misterioso massaggiatore, emigrato in Polonia dall’Europa dell’Est, diventa un vero e proprio punto di riferimento all’interno di una comunità altoborghese di Varsavia. Le sue mani hanno proprietà curative speciali, i suoi occhi sembrano penetrare le anime, la sua voce rimanda a echi di ricordi lontani. Zhenia, questo è il suo nome, porterà l’intero gruppo a specchiarsi nei propri desideri cambiandone il corso delle vite.

QUO VADIS, AIDA? (CONCORSO)

di Jasmila Žbanić

con Jasna Đuričić, Izudin Bajrović, Boris Isaković,

Johan Heldenbergh, Raymond Thiry, Boris Ler

Bosnia ed Erzegovina/Austria/Romania, 1h44, v.o. bosniaco/

inglese/olandese sott. italiano

Bosnia, luglio 1995. Aida vive e lavora a Srebrenica come interprete per le Nazioni Unite. Quando l’esercito serbo occupa la città, la sua famiglia, così come migliaia di altri cittadini, cerca rifugio nell’accampamento dell’ONU. Come persona informata sulle trattative, Aida ha accesso a informazioni cruciali per le quali è richiesto il suo ruolo di interprete. Cosa si profila all’orizzonte per i suoi cari e la sua gente? La salvezza o la morte? Quali passi dovrà intraprendere?

MANDIBULES (FUORI CONCORSO)

di Quentin Dupieux

con David Marsais, Grégoire Ludig, Adèle Exarchopoulos,

India Hair, Roméo Elvis

Francia/Belgio, 1h17, v.o. francese sott. Italiano

Due amici, Jean-Gab e Manu, trovano una mosca gigante intrappolata nel bagagliaio di un’auto rubata e decidono di addestrarla per ricavarne molti soldi. Lungo la strada li aspettano strani incontri e personaggi sopra le righe come la giovane Agnès, interpretata da Adèle Exarchopoulos in un inedito ruolo brillante. Dopo Doppia pelle, Quentin Dupieux, regista e prima ancora musicista con lo pseudonimo di Mr. Oizo, dirige una commedia folle e grottesca che ha entusiasmato pubblico e critica del festival.

GENUS PAN (LAHI, HAYOP) (ORIZZONTI)

di Lav Diaz

con Bart Guingona, Don Melvin Boongaling, Nanding Josef

Filippine, 2h37, v.o. tagalog sott. italiano

PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE REGIA

“Una volta mi chiesero di definire l’uomo, ossia noi stessi, i cosiddetti esseri umani, apparentemente l’abitante superiore del pianeta per eccellenza. Tutto quello che mi venne in mente fu una similitudine (L’uomo è un animale), e la sensazione fu terribile. Credetti di aver farfugliato malamente, ma ripensandoci oggi, ritengo che questa fu la risposta migliore”. A distanza di quattro anni dal Leone d’oro vinto nel 2016 con The Woman Who Left, lo straordinario autore filippino Lav Diaz torna alla Mostra di Venezia con una storia ai margini, umanissima e dolente, girata nel bianco e nero contrastato che è la cifra stilistica del suo cinema.

NOWHERE SPECIAL (ORIZZONTI)

di Uberto Pasolini

con James Norton, Daniel Lamont, Eileen O’Higgins

Italia/Romania/Regno Unito, 1h36, v.o. inglese sott. italiano

John ha trentacinque anni, fa l’operaio e, da quando la sua compagna se n’è andata, cresce da solo il figlio Michael di quattro anni. La loro è una vita semplice, fatta di piccoli rituali quotidiani, una vita di dedizione e amore innocente che mostra la forza della loro relazione. Quando scopre di avere una malattia incurabile che gli lascia pochi mesi di vita, John decide di trascorrere il tempo che gli resta a cercare chi possa prendersi cura del bambino, provando a proteggerlo dalla terribile realtà che lo attende.

EXTRALISCIO – PUNK DA BALERA (SI BALLERÀ FINCHÉ ENTRA LA LUCE DELL’ALBA)(GIORNATE DEGLI AUTORI)

di Elisabetta Sgarbi

con Mirco Mariani, Moreno Conficconi, Mauro Carlini

Italia, 1h33, v.o italiano

Circa cinque anni fa Moreno il Biondo, leggendario capo orchestra di Raoul Casadei, star del liscio e delle balere, principe del clarinetto, incontra Mirco Mariani, sperimentatore di suoni, compositore raffinato, conoscitore e collezionista unico di strumenti antichi e rari. Così, sotto i buoni auspici di Riccarda Casadei, i due musicisti fondano Extraliscio, gruppo in cui la tradizione del liscio romagnolo, quello che “si balla finché non entra la luce dell’alba”, incontra traiettorie impensabili, dalla musica elettronica, al rock, al pop. Ermanno Cavazzoni – scrittore emiliano, autore del Poema dei lunatici – è la voce narrante del film e segue, con le sue movenze stralunate, il viaggio degli Extraliscio, dal folklore romagnolo a nuovi orizzonti.

le vie del cinema è possibile con il sostegno di MiBACT, il patrocinio di Comune di Milano e Regione Lombardia, in collaborazione con Fondazione La Biennale di Venezia, Corriere della Sera, MYmovies.it.

Inoltre, grazie alla rinnovata partnership con Huawei Mobile Services, il servizio streaming on-demand che consente agli utenti dei dispositivi mobili Huawei di usufruire di un’offerta video completa e costantemente aggiornata, le vie del cinema ha un proprio canale sull’app Huawei Videocon contenuti esclusivi legati al mondo del cinema: clip di attori, registi e critici, e presentazioni dei film in programma.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...