Ad “Anni 20” su Rai 2 le terapie monoclonali

Parte dall’Italia, di nuovo in semi-lockdown per il virus, la seconda puntata di “Anni 20”, il nuovo magazine di Rai2 in onda giovedì 18 marzo alle 21.20.

Si parlerà dei  ritardi nella campagna vaccinale e nella terapia con gli anticorpi monoclonali, raccontando con un servizio esclusivo l’eccellenza dell’ospedale Cisanello di Pisa, il primo che invece li sta sperimentando nel suo reparto Covid.  

Nelle due ore di trasmissione Francesca Parisella, con la squadra di inviati, indagherà sulla lentezza che accompagna il fronte delle cure contro il Covid e sui troppi dubbi europei che pesano sul vaccino Sputnik mentre la Russia, proprio grazie al vaccino “autoctono” sta riconquistando la sua vita pre-Covid. Nel corso della trasmissione anche un reportage sullo scandalo delle forniture della mascherine fantasma nel Lazio, mentre Milano, ferita a morte dal Covid, sta perdendo il suo primato di capitale economica, con i negozi che chiudono per fallimento e troppi milanesi allo stremo. Tra i luoghi protagonisti della puntata anche il campo Rom di Castel Romano e la baraccopoli di Messina, dove il Covid ha aggiunto pressione a un’emergenza che si trascina da anni, e le conseguenze della didattica a distanza, con un focus sulla Campania, la regione che ha chiuso le scuole da un anno e dove l’abbandono scolastico è alle stelle.     

“Anni 20” continuerà poi il suo viaggio nei paesi italiani Covid free avviato nella prima puntata, facendo tappa a Cicerale, nel Cilento, ed esplorerà anche la vita dei tifosi di calcio, privati del rito dello stadio, e le illusioni delle aspiranti influencer.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...