Sabrina Ferilli ha offerto il proprio supporto per le spese legali a Riccardo Cristelli, l’operaio licenziato da ArcelorMittal dopo aver condiviso un post su Facebook nel quale invitava le persone a guardare la fiction “Svegliati amore mio”

Sabrina Ferilli ha offerto il proprio supporto per le spese legali a Riccardo Cristelli, l’operaio licenziato da ArcelorMittal dopo aver condiviso un post su Facebook nel quale invitava le persone a guardare la fiction Mediaset “Svegliati amore mio”, che presenta molte similitudini con i gravi problemi vissuti dagli abitanti di Taranto.

La serie vede protagonista Nanà Santoro, interpretata dalla Ferilli, che vede cambiare la sua vita all’improvviso quando scopre che sua figlia Sara è affetta da leucemia e inizia una difficile battaglia, insieme alle “mamme d’acciaio”, contro il Mostro da cui proviene il veleno che ha causato la malattia della bambina, la Ghisal, dove da vent’anni lavora suo marito Sergio. Da lì si dipanano tanti temi su cui riflettere: l’omertà data dalla paura di perdere il lavoro o di subire ritorsioni fino alla limitazione della libertà di parola e di espressione, il business e il profitto che nella società odierna sono alla base di ogni cosa, perché con i soldi si pensa di poter comprare tutto, anche il silenzio e la vita delle persone, il disinteresse da parte delle istituzioni, il calvario vissuto da tanti genitori che vedono spegnersi lentamente, tra sofferenze atroci, i loro bambini che si sono ammalati mentre giocavano per strada tra le pozzanghere rosse o respirando l’aria inquinata dalle polveri emesse dalle acciaierie.

Cristelli, 45 anni, sposato e padre di due figli, ha ringraziato l’attrice per il suo interessamento e per il suo supporto ma non ha accettato l’offerta in quanto le spese legali sono pagate dal sindacato Usb. Anche i registi della serie Ricky Tognazzi e Simona Izzo hanno espresso la propria solidarietà all’operaio.

Il 14 aprile si terrà uno sciopero organizzato dal sindacato con un sit-in davanti ai cancelli dell’acciaieria ArcelorMittal di Taranto, mentre una delegazione dell’Unione Sindacale di Base sarà in presidio permanente al Ministero del Lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...