Da martedì 21 settembre, alle ore 21:20 su Rai2, per cinque prime serate andrà in onda “Voglio essere un mago!”. I concorrenti in gara e le regole

Da martedì 21 settembre, alle ore 21:20 su Rai2, per cinque prime serate andrà in onda “Voglio essere un mago!”, il nuovo reality-talent prodotto da Rai2 in collaborazione con Stand by me, da un’idea di Cristiana Farina ed Ennio Meloni.

C’era una volta e ci sarà domani la magia, un’arte misteriosa e invisibile, e una scuola ambientata in un suggestivo e fiabesco castello dove per partecipare bisogna eccellere soprattutto in una materia: la fantasia. La mission è divertire, appassionare e sorprendere, ma soprattutto creare un mondo dove tutto è possibile.

Protagonisti 12 “teen wizard” (7 ragazzi e 5 ragazze) provenienti da tutta Italia, d’età tra i 14 e i 18 anni, con caratteri e personalità diverse, accomunati da un’unica grande passione: l’arte della magia. Saranno divisi in tre casate – le Volpi Rosse, le Piume D’Oro e gli Abisso Blu – studieranno e perfezioneranno le arti magiche, si sfideranno per superare gli esami ed evitare la bocciatura: solo alcuni di loro conquisteranno il Diploma di mago e il migliore si aggiudicherà la bacchetta d’oro. Per raggiungere questo obiettivo dovranno rispettare le regole del castello, mettere a frutto le loro doti, conoscere al meglio i trucchi e gli strumenti magici.

Nella scuola, che li ospiterà per circa un mese, verranno insegnate tre arti magiche: grandi illusioni, mentalismo, e micromagia. L’insegnamento di ognuna di esse sarà affidato a un professore d’eccezione: Eleonora Di Cocco per le grandi Illusioni, Federico Soldati per il mentalismo, Jack Nobile, Hyde e Sbardper la micromagia.  Come nella migliore tradizione delle scuole di magia, il corpo docente sarà presieduto da un “magister”, Raul Cremona, che avrà il compito di supervisionare gli “apprendisti” e gli insegnanti nelle loro attività. A vigilare su tutti, uno dei più grandi e famosi illusionisti al mondo: Silvan, “il mago dei maghi”, narratore degli eventi che racconterà le evoluzioni di ognuno dei ragazzi.

I giovani apprendisti stupiranno gli spettatori con spettacolari trucchi magici ma la magia diventerà scoperta di sé e delle proprie potenzialità oltre che oggetto di studio. Avranno 5 settimane per superare i propri limiti, per crescere e diventare un po’ più adulti. Ciascuno potrà sviluppare il “talento che ha in sé” contando sulle proprie capacità. Per il pubblico sarà un’occasione per conoscere le storie, i sogni, le paure e le speranze di questi “teen wizard”, vedere nascere amicizie, amori e rivalità: un romanzo di formazione contemporaneo in un’ambientazione fiabesca e fuori dal tempo. Uno spettacolo entusiasmante per tutta la famiglia.

Nella prima puntata gli aspiranti maghi faranno il loro ingresso nel castello fiabesco di “Voglio essere un mago!”: Pasquale Guercia (16, Salerno); Luca Funzione (18, Sarzana – SP); Giulia Serafin (17, Treviso); Giuseppe Capitolino (15, Cleto – CS); Marco Loffredo (17, Napoli); Silvia Lollino (18, Varese); Giulia Mangialomini (16, Castelvetrano -TP); Giorgio Andolfatto (16, Torino); Elettra Tercon (17, Ferrara); Christian Ceresera (18, Brescia); Daniel Motta (17, Villasanta – MB); Matilde Carioli (14, Bergamo). Incontreranno il Magister, Raul Cremona, che darà loro il benvenuto, spiegando cosa dovranno aspettarsi dalla scuola di magia e in cosa consisterà il loro percorso. I ragazzi saranno divisi nelle 3 casate e parteciperanno alle loro prime lezioni.

In ogni puntata gli apprendisti dovranno affrontare le verifiche di casata: ogni casata dovrà preparare un’esibizione in una delle tre materie insegnate al castello (Mentalismo, Grandi Illusioni e Micromagia). La squadra peggiore dovrà affrontare gli esami di sbarramento. In questo frangente, ogni componente della casata è a rischio bocciatura e, per evitarla, dovrà dimostrare di avere le competenze pratiche e teoriche necessarie per rimanere nella scuola.

Inoltre ben presto gli aspiranti maghi verranno raggiunti al Castello dai “Babbaloni”: giovani influencer estranei al mondo della magia, ma veri e propri “maghi dei social”.

LOCATION

Location del programma è il suggestivo castello di Rocchetta Mattei. I diversi ambienti del Castello sono dedicati ai vari momenti che i ragazzi vivono nella scuola di magia. Le tre stanze delle Casate, arredate con i rispettivi colori, accolgono i ragazzi di ciascuna casata che qui studiano e vivono momenti di svago. L’Aula magna, dove gli apprendisti seguono le lezioni e consumano i loro pasti. Il teatro, che ospita le prove degli spettacoli, le verifiche di casata e le esibizioni degli apprendisti. Il dormitorio, sala circolare in cui tutti i ragazzi dormono insieme in letti a castello e la cui vita notturna è seguita costantemente. La stanza dei desideri dove gli apprendisti confessano ad uno specchio magico richieste e sogni con la speranza che siano esauditi… ci riusciranno? Le suggestive location esterne (cortili, giardino, labirinto, bosco) che diventano lo scenario di prove a squadre mozzafiato o di momenti liturgici alla presenza del Magister.

“Voglio essere un mago” è un format originale prodotto da Rai2 in collaborazione con Stand by me, da un’idea di Cristiana Farina e Ennio Meloni. Capo progetto Cristiana Farina; curatore Stand by me Francesco Sturlese, curatore Rai Tiziana Iemmo, produttore esecutivo Stand by me Davide Pisano, produttore esecutivo Rai Paola Maggioli. Autori: Totò Coppolino, Anna Agata Evangelisti, Simona Iannicelli, Francesca Mattioli, Giona Peduzzi. Regia Fabrizio De Plano

È online la pagina RaiPlay dedicata al programma,  https://www.raiplay.it/programmi/voglioessereunmago/, dove si potranno vedere in esclusiva le storie dei giovani maghi protagonisti, i loro sogni e le loro aspettative; una sfida per acquisire capacità tecniche e artistiche, ma soprattutto per imparare a vedere le difficoltà come un’occasione per migliorarsi e superare i propri limiti.

VOGLIO ESSERE UN MAGO!

LE REGOLE DA RISPETTARE AL CASTELLO

Isolamento: come ogni arte, anche la magia ha bisogno di concentrazione e impegno. Per questo motivo, al castello sono bandite le distrazioni.

Vietati i cellulari: i ragazzi dovranno lasciare i loro smartphone all’ingresso, perché al castello si comunica solo tramite l’immaginazione.

Vietati i contatti col mondo esterno: rimasti senza cellulare, i ragazzi non potranno più comunicare con il resto del mondo, compresi amici e parenti. Solo in alcune occasioni avranno l’opportunità di parlare con una persona speciale, attraverso un misterioso Specchio Magico conservato nella Stanza dei desideri.

Vietato lasciare il castello: la scuola di magia è un impegno serio. Una volta valicati i suoi cancelli, si rimane dentro fino alla fine… o almeno fino alla bocciatura.

Indossare le divise di casata: spirito di squadra, senso di appartenenza, affiatamento: a questo servono le divise di casata, assolutamente obbligatorie per ogni apprendista.

Andare a letto presto: studiare richiede concentrazione e mente fresca: al castello sono vietate le notti in bianco. Una volta che si spengono le luci, tutti a dormire!

Le stanze di casata: ogni casata ha il suo piccolo regno, un luogo protetto in cui i suoi membri possono allenarsi, confrontarsi e collaborare. Ciò che avviene nella stanza di casata è top secret: è qui che si mettono a punto le esibizioni e si elaborano strategie per vincere. L’accesso alle altre casate è assolutamente vietato!

VOGLIO ESSERE UN MAGO!

LE CURIOSITÀ

STRUMENTI MAGICI UTILIZZATI

Carte, monete, cubi di Rubik, posate, colombe, attrezzi strabilianti: il castello è dotato di ogni strumento possibile e immaginabile! Gli apprendisti impareranno ad utilizzare tutti gli oggetti magici a loro disposizione, dai più semplici ai più complessi. Ma la magia è soprattutto immaginazione: anche gli oggetti comuni possono trasformarsi in qualcosa di sorprendete. Calcolatrici, bombolette spray, paperelle di plastica, tablet, lavagne, fogli di giornale, sacchetti di carta, guanti, fazzoletti di stoffa: non c’è limite alla fantasia!

ESEMPI DI PROVE ED ESIBIZIONI

Nel loro percorso di apprendimento al castello, i ragazzi dovranno cimentarsi in una grandissima varietà di prove: dai trucchi con le carte alla piegatura dei metalli, da test di memorizzazione a prove di ingegno, dalla levitazione al trasformismo.

DOTI DEI RAGAZZI

IMMAGINAZIONE E CREATIVITÀ: le doti più importanti di ogni mago. Gli apprendisti dovranno essere capaci di immaginare l’impossibile, di volare con la fantasia, di pensare fuori dagli schemi.

PASSIONE: la scuola di magia richiede studio, impegno e dedizione. Tra prove pratiche, pagine e pagine di storia di magia da studiare ed esibizioni da preparare in pochissimo tempo, solo chi è veramente appassionato riuscirà a guadagnarsi il diploma da mago.

VOGLIA DI MIGLIORARSI: gli apprendisti dovranno dimostrare di essere sempre pronti e aperti al cambiamento. Al castello c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare: trucchi, abilità, ma anche modi di affrontare le difficoltà e le sfide. Perché la vera magia avviene quando si impara a credere in sé stessi!

SPIRITO DI SQUADRA: al castello non si è mai da soli: si vive insieme, si impara insieme, si cresce insieme. Per superare le prove ed evitare la bocciatura, la casata deve essere unita. Bisogna aiutarsi, sostenersi, collaborare. Gelosie e inimicizie mettono a rischio tutti i membri della squadra.

VOGLIO ESSERE UN MAGO!

I PROFESSORI

Prima fila, da sinistra: Sbard; Jack Nobile e Hyde; Raul Cremona. Seconda fila, da sinistra: Federico Soldati; Silvan; Eleonora Di Cocco.

SILVAN – IL MAGO DEI MAGHI

Silvan, il più celebre illusionista italiano famoso in tutto il mondo, è il Mago dei Maghi.

È il Narratore del programma, a lui il compito di raccontare e di guidare lo spettatore attraverso il dipanarsi delle storie di ogni episodio.

RAUL CREMONA – IL MAGISTER

Comico e illusionista, Raul Cremona è noto per la sua abilità nell’unire la magia al cabaret. Ha partecipato a programmi come Mai Dire Gol e Zelig e creato personaggi indimenticabili come il “Mago Oronzo” e “Silvano il Mago di Milano”. È l’ideatore del Festival della Magiaa Milano (4 edizioni).

Raul è il Magister della scuola di magia. Attento, imparziale ma anche scherzoso, guida i ragazzi nel loro processo di apprendimento, presidia le esibizioni di casata e gli esami di sbarramento e annuncia le bocciature. Durante il percorso di studi sarà lui a tenere in Aula Magna e nel Teatro della scuola alcune lezioni speciali.

ELEONORA DI COCCO – GRANDI ILLUSIONI

Eleonora è la principessa delle grandi illusioni, pronta a stupire con costumi sfavillanti e trucchi incredibili: si è esibita per pubblici italiani e internazionali, calcando anche il palco del Magic Castle di Hollywood, uno dei più prestigiosi teatri di magia al mondo, ed il Lido di Parigi. Al castello, Eleonora insegna Grandi Illusioni. L’illusionismo è una forma di intrattenimento che si avvale di una straordinaria preparazione e maestria, tale da creare degli effetti illusori che hanno un grande impatto sul pubblico. L’illusionismo è l’arte magica per eccellenza: la meraviglia dell’impossibile che diventa possibile…

SBARD; JACK NOBILE E HYDE  –  PROFESSORI DI CLOSE-UP E MICROMAGIA

Jack Nobile è un giovane mago che sul web spopola con milioni di visualizzazioni e ha ispirato una nuova generazione di illusionisti. Jack insegna Close-Up e Micromagia insieme ai suoi due collaboratori, Hyde e Sbard, anche loro abilissimi maghi molto seguiti sul web. La loro specialità è la micromagia. Le due principali forme di questa arte sono la cartomagia e la monetomagia, ma si possono usare anche altri piccoli oggetti come il cubo di Rubik, tappi di bottiglia, palline…

FEDERICO SOLDATI – PROFESSORE DI MENTALISMO

Federico Soldati è un mentalista professionista di fama internazionale che da anni stupisce il suo pubblico con spettacoli in cui l’impossibile diventa realtà.

Al castello insegna mentalismo, la branca della magia in cui i praticanti si esibiscono in numeri di lettura del pensiero, piegatura di metalli, spostamento di oggetti con la mente e memorizzazione di sequenze infinite.

IL MAGGIORDOMO

Orientarsi al castello può essere difficile… per fortuna c’è il maggiordomo, sempre pronto a dare una mano o rivolgere una parola gentile ai ragazzi! Tra le sue tante doti, il maggiordomo è anche un abile canterino: ogni mattina i ragazzi si svegliano con il suo vocione nelle orecchie.

“VOGLIO ESSERE UN MAGO!”

I PROTAGONISTI 

Il cast del talent-reality_12 ragazzi adolescenti

Prima fila, da sinistra a destra:

Pasquale Guercia (16, Salerno); Luca Funzione (18, Sarzana – SP); Giulia Serafin (17, Treviso); Giuseppe Capitolino (15, Cleto – CS); Marco Loffredo (17, Napoli); Silvia Lollino (18, Varese);

Seconda fila, da sinistra a destra:

Giulia Mangialomini (16, Castelvetrano -TP); Giorgio Andolfatto (16, Torino); Elettra Tercon (17, Ferrara); Christian Ceresera (18, Brescia); Daniel Motta (17, Villasanta – MB); Matilde Carioli (14, Bergamo).

I protagonisti della prima puntata:

PASQUALE GUERCIA (16, SALERNO)

La vera magia Pasquale l’ha fatta a se stesso, infatti, in essa ha trovato un rifugio nei momenti più difficile della sua vita. Un po’ alla volta poi nella sua testa si è fatto spazio il sogno di diventare un mago di professione. Il nonno lo aiuta a costruire gli oggetti magici! Il suo asso nella manica sono le sue colombe, che rendono i suoi trucchi di magia davvero unici!

LUCA FUNZIONE (18, SARZANA – SP)

Luca è un grande appassionato di Harry Potter. È stato adottato quando aveva due anni, il suo interesse per la magia è nato quando ne aveva sei ed è stata la sua valvola di sfogo. Esibirsi ora è la sua passione. Ha una personalità molto forte: è determinato e ha un’altissima considerazione di sé, per questo nel suo gruppo di amici emerge come leader carismatico.

GIULIA SERAFIN (17, TREVISO)

Nella vita sa quello che vuole e sa come ottenerlo. Per il suo futuro si vede ingegnere o oncologa pediatrica. Si definisce una ragazza molto permalosa e ansiosa. La passione per la magia le è stata trasmessa da sua sorella, di qualche anno più grande, che le ha regalato una scatola magica: da allora ha iniziato a seguire tutorial di magia online.

GIUSEPPE CAPITOLINO (15, CLETO – CS)

Giuseppe si è avvicinato alla magia grazie ad uno spettacolo visto per strada da piccolo durante una vacanza con i suoi genitori; da subito si è innamorato delle emozioni positive che la magia trasmetteva agli spettatori. Senza pensarci troppo ha iniziato a fagocitare video di maghi su YouTube, poi ha iniziato a leggere libri e a comprare i vari tipi di mazzi di carte. Da qualche anno ha iniziato a studiare in maniera semiprofessionale.

MARCO LOFFREDO (17, NAPOLI)

Marco nella sua vita ha solo tre interessi: la magia, le ragazze e la discoteca: tutto il resto per lui è superfluo. Grazie alla magia spesso riesce a strappare a qualche ragazza il sorriso e il numero di telefono… È molto estroverso, ama la musica, fa l’animatore e il DJ, inoltre ci tiene molto al suo fisico e si allena quasi ogni giorno. Dal punto di vista magico si occupa di cartomagia, mentalismo ma anche fachirismo e per lui frequentare una scuola di magia sarebbe molto stimolante.

SILVIA LOLLINO (18, VARESE)

Silvia si considera da sempre un maschiaccio e infatti va più d’accordo con i ragazzi e meno con le ragazze. Il suo sogno è quello di diventare un’artista completa: suona la chitarra (anche quella elettrica) e vorrebbe frequentare un’accademia teatrale. Ha cominciato a fare magia da autodidatta per poi frequentare diversi corsi. È esperta di cartomagia e sta studiando la magia di scena perché ama fare le cose in grande.

GIULIA MANGIALOMINI (16, CASTELVETRANO – TP)

Ha una grande passione per la musica: ha studiato canto, pianoforte e suona la batteria in una band, le Revolution Girls. Il suo sogno è diventare medico legale ed attrice. La magia le è sempre piaciuta, sin da bambina, ma si è avvicinata alla cartomagia durante il lockdown: passava giornate intere giocando a carte con i suoi. Un giorno ha cercato un video per imparare a fare qualcosa di nuovo con le carte e ha trovato dei tutorial di magia. Da lì si è appassionata e non ha più lasciato le carte e il cubo.

GIORGIO ANDOLFATTO (16, TORINO)

Giorgio ha un’arma segreta con cui affrontare la vita: la risata! E proprio grazie ad essa ha sconfitto i compagni di scuola che alle medie non lo lasciavano in pace, comportandosi in maniera opposta alla loro. Il suo obiettivo è infatti quello di regalare a tutti un sorriso. Anche la magia ha avuto un ruolo fondamentale in questa crescita personale: quale miglior modo di mostrare il proprio carattere alle persone, se non quello di stupirle con dei trucchi di magia?

ELETTRA TERCON (17, FERRARA)

Dietro agli occhi dolci di Elettra si nasconde un carattere determinato. Passioni? La scrittura, la recitazione, il canto, suonare la chitarra e il pianoforte. Vive con i suoi genitori e la sorella adottata, originaria del Nepal. È cresciuta convivendo con il concetto di diversità. La passione per la magia le è stata trasmessa dalla madre che le ha fatto leggere i libri di Harry Potter.

CHRISTIAN CERESERA (18, BRESCIA)

Christian non ama perdere, per questo cerca di dare il meglio di sé in ogni circostanza. Alle spalle ha una famiglia che gli ha insegnato il valore del fare squadra e che nella vita i sacrifici sono necessari per raggiungere gli obiettivi. Christian pratica magia da ormai cinque anni e spera un giorno di poter diventare un illusionista di professione.

DANIEL MOTTA (17, VILLASANTA – MB)

Pur essendo giovanissimo, Daniel sa già cosa desidera dalla vita: una famiglia unita, la salute, i soldi e il successo! Non ama studiare ed è stato bocciato ben due volte per cattiva condotta. Vive con sua mamma, suo fratello e un cane. Non ha un bel rapporto con il padre (i genitori hanno divorziato) e lo zio è il suo punto di riferimento. È stato proprio lui a trasmettergli la passione per la magia. Da piccolo è stato più volte bullizzato per la sua R moscia, per la bassa statura e per la sua passione per la magia; nonostante questo ha lavorato molto sulla sua autostima e adesso è sicuro di sé e difende gli amici in difficoltà.

MATILDE CARIOLI (14, BERGAMO)

Tanto piccola quanto determinata, Matilde non si sente fatta per arrivare seconda: a lei interessa solo vincere. Una delle sue armi è la parlantina che usa a suo vantaggio per avere sempre ragione in ogni discussione. Appassionata di moda, ha sempre pronto l’outfit giusto per ogni occasione. In casa Matilde non nasconde di essere la preferita del papà, con il quale ha un bellissimo legame e proprio insieme a lui si è appassionata alla magia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...