La Sardegna è donna: un convegno e un premio regionale organizzato dalla Mutua sanitaria Cesare Pozzo

Un convegno per ripercorrere e celebrare la figura della donna in Sardegna grazie all’intervento di illustri nomi del mondo accademico, e anche un premio regionale che, per questa edizione, viene assegnato a Elena Ledda, nota voce del canto popolare sardo, conosciuta e stimata a livello internazionale.
La manifestazione “La Sardegna è donna” è organizzata dalla Mutua sanitaria Cesare Pozzo regione Sardegna, dal Coordinamento Donne e Coordinamento Giovani CesarePozzo, dalla Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità, con il patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna, del Comune di Pula e del Centro servizi per il Volontariato Sardegna Solidale.
La manifestazione, che si svolgerà a Casa Frau a Pula (Ca) sabato 9 ottobre alle ore 16.00, sarà trasmessa in diretta sul canale Youtube ufficiale “Mutua sanitaria Cesare Pozzo”.
I saluti introduttivi sono di Stefano Sanna, Presidente regionale CesarePozzo; Stefano Maggi, Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità; Andrea Tiberti, Presidente nazionale CesarePozzo; Carla Medau, Sindaca di Pula, e Massimiliano Zucca, Assessore alla cultura del Comune di Pula.
Il convegno, dedicato alla figura della donna in Sardegna, vede, tra i relatori, l’intervento di illustri nomi del mondo accademico dell’Università di Cagliari come Duilio Caocci, docente di Letteratura italiana e Letteratura sarda, Giampaolo Salice, storico dell’età moderna e Susanna Paulis, antropologa culturale ed esperta in dinamiche relative alla costruzione dell´identità, in particolare di quella sarda.
All’evento intervengono Francesca Ruggiu, Presidente Commissione Pari Opportunità del Consiglio Regionale della Sardegna, Maria Laura Orrù, Consigliera Regionale già campionessa del mondo di pattinaggio corsa, Carmen Sulis, docente Istituto Comprensivo Santa Caterina di Cagliari e Giuseppina Lara, Managing director IED Madrid.
Ritira il premio regionale “La Sardegna è donna 2021” la cantante sarda Elena Ledda, la cui musica, conosciuta a livello internazionale, ripercorre il canto tradizionale sardo aprendosi a contaminazioni mediterranee e di altri generi musicali come il jazz, la world music, la new age e la musica rinascimentale. Nella sua lunga carriera, Elena Ledda vanta prestigiose collaborazioni con artisti italiani e internazionali, quali, ad esempio, Don Cherry, Fabrizio De André, Lester Bowie, Enrico Rava, Paolo Fresu, Giorgio Gaslini, Daniele Sepe, Andrea Parodi, Noa e Paola Turci. L’artista aggiunge questo premio ai numerosi riconoscimenti ricevuti, tra cui una Targa Tenco per il miglior album in dialetto e il recentissimo Premio Zenìas all’Ittiri Folk Festa.
Il convegno è moderato da Ottavio Nieddu.
Ad aprire e chiudere l’evento è l’esibizione delle suonatrici di launeddas Gloria Atzei e Alessia Piras.
“Questa iniziativa vuole valorizzare la figura femminile sarda e si inserisce in un obiettivo ben più ampio della Mutua sanitaria Cesare Pozzo: sostenere l’identità femminile – afferma il presidente nazionale CesarePozzo Andrea Tiberti – Testimonia questo nostro intento il dato dell’ultimo bilancio sociale che attesta che il 79,5% dei nostri dipendenti è donna”.
“E’ un onore per noi organizzare e ospitare nomi così illustri del mondo accademico e di quello culturale – afferma invece Stefano Sanna, presidente regione Sardegna CesarePozzo – La salute e la cultura sono sempre stati al centro dell’operato di CesarePozzo e l’istituzione di questo premio, così come l’organizzazione del convegno, lo confermano”.
“Il Coordinamento Donne di CesarePozzo nasce con l’obiettivo di avere una maggior presenza delle donne quali socie attive all’interno della Mutua – afferma Carlotta Federica Lissi, presidente del Coordinamento Donne della Mutua sanitaria Cesare Pozzo – Attraverso eventi e iniziative vogliamo sostenere il mondo femminile e questo convegno ne è la riprova avendo come obiettivo la valorizzazione delle donne che si sono distinte nella storia della Sardegna”.
“Il futuro dei giovani passa dalla cultura e dalla riscoperta delle proprie radici – afferma Florinda Guarnera, coordinatrice del Coordinamento Giovani Cesare Pozzo – Il nostro obiettivo è quello di coinvolgere le nuove generazioni nell’attività della Mutua e, per farlo, elaboriamo proposte sempre più efficaci non soltanto per dare una maggiore diffusione dei valori mutualistici tra i giovani, ma anche per garantire il necessario ricambio generazionale dei soci all’interno della Mutua e nei suoi organismi”.

CesarePozzo è presente in Sardegna con la sede regionale di Sassari e gli uffici di Cagliari, Carbonia (CI) e Olbia (OT). Una rete capillare che, potendo contare sulle convenzioni attive con le principali strutture sanitarie della Sardegna, assiste oggi in questa regione ben 3.638 soci e le loro famiglie.
La sede regionale di Sassari si trova in corso Francesco Vico, 2 – tel. 079.236394 – fax 079.2010241 – lunedì, martedì, giovedì 9.00-12.00; mercoledì 15.00-18.00; venerdì su appuntamento – e-mail: sardegna@mutuacesarepozzo.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...