ORIANA FALLACI, da venerdì 12 novembre, in prima nazionale al Niccolini di Firenze, MORIRÒ IN PIEDI, spettacolo teatrale dal libro intervista di Riccardo Nencini

Gli ultimi giorni di vita di Oriana Fallaci, a Firenze, nell’estate del 2006…
Nel quindicennale della scomparsa della giornalista e scrittrice, il Teatro Niccolini di Firenze presenta in prima nazionale, da venerdì 12 a mercoledì 17 novembre, lo spettacolo “Morirò in piedi”, riduzione teatrale di Roberto Petrocchi, che cura anche la regia, dell’omonimo libro intervista di Riccardo Nencini (edizioni Polistampa), considerato il testamento morale di Oriana.

Inizio ore 19,30 (domenica 14 ore 16, lunedì 15 chiuso). Biglietti posti numerati 17/20/27 euro. Prevendite sul sito ufficiale www.teatroniccolini.com, su www.ticketone.it e nei punti prevendita di Box Office Toscana. Sconto per soci Coop, under 21 e over 65. Si accede con Green Pass.

Interpretato da Giulia Weber, Fulvio Cauteruccio e Flavia Pezzo, lo spettacolo porta in scena il racconto confessione di Oriana Fallaci, attraverso la testimonianza raccolta da uno dei pochi amici fidati, Riccardo Nencini, che vi trascorse un intero pomeriggio.

Un “corpo a corpo” sul filo dell’intimità, attraverso cui Oriana rivela la sua identità di donna prima che di “scrittore”, come preferiva che la si definisse: il suo amore per la vita, il porsi di fronte alla morte senza paura, con dignità; l’insegnamento dei suoi genitori, la lotta per la libertà, il rimpianto per la mancata maternità ed il fluire crudele del tempo. Centrale, secondo le parole del regista, la rappresentazione di un racconto intriso di verità, di dolore, umanità. La narrazione dell’universo interiore, e segreto, di Oriana Fallaci. Un testamento morale che ne restituisce l’immagine più autentica, oltre il “personaggio” che ha alimentato fazioni e contrapposizioni.

Produzione originale Teatro Niccolini / Pagliai Eventi. Il progetto di trasposizione del testo nasce in origine per il grande schermo ed è tutt’ora in fase di realizzazione.

Spiega il regista Roberto Petrocchi: “Lavoro, da alcuni anni ad un progetto filmico su Oriana Fallaci (la sua testimonianza-confessione, raccontata nel libro “Morirò in piedi” di Riccardo Nencini – Edizioni Polistampa) senza ritenerlo mai davvero compiuto, “risolto”: nel cinema, quanto nella letteratura e nel teatro, del resto, non si finisce mai di esplorare per non precludersi, fino all’ultimo, la possibilità di comprendere. Vi sono, tuttavia, momenti nei quali l’urgenza di raccontare, muove l’accettazione della “sfida” senza la possibilità di opporvisi. E’ quanto mi è capitato negli ultimi tempi; è la ragione per cui, avere la possibilità di (ri)pensare al progetto per una messinscena in teatro – aspirazione, per quanto mi riguarda, pari a quella del lavoro di trasposizione cinematografica – ha significato poter dare seguito all’itinerario espressivo intrapreso, con quello di ricerca della complessa figura di Oriana Fallaci. Di lei si è detto e scritto tanto, e molto lo si farà ancora. La si è amata e detestata allo stesso modo, mai davvero compresa con la sincera volontà di farlo, e neppure la sua morte è riuscita a riconciliare gli animi e le diverse fazioni, restituendoci l’immagine, almeno prossima, a quelle che sono la sua identità ed intimità più profonde. Forse, ha contribuito ella stessa a rendere ardua questa comprensione: per il proverbiale riserbo sul suo privato, la gelosia ferrea verso il “proprio mondo” ma, in particolare, per la decisione di precludersi agli altri nel momento della malattia. Oriana ha conosciuto i potenti del mondo che ha sfidato dialetticamente, ma pochissimi sono stati suoi amici veri. Appartiene a questo ristretto novero, Riccardo Nencini. Non sorprende, quindi, – anche se colpisce il gesto di toccante umanità della donna – che lo abbia scelto quale depositario della su testamento morale: la confessione delle sue paure, i suoi sogni, le fragilità, la segreta solitudine; e non abbia avuto timore di rivelargli la propria fisicità profanata alla malattia.
Tema centrale del racconto è il ritratto intimo di una Donna, oltre le liturgie ideologiche verso il “personaggio”; l’identità privata, talvolta inedita, intrisa di dolore, umanità. E di Verità: in virtù dell’incontro con Riccardo, Oriana rivela l’urgenza di non rinnegare se stessa; al tempo stesso, di non aver timore di chiedere aiuto e – consapevole dell’imminente fine – d’essere compresa, pur senza l’aspirazione di piacere ad ognuno. Una Donna, nella quale non viene mai meno il coraggio, che scoperta la malattia ha mutato il suo rapporto la sofferenza, la vita, e la morte: renderla dignitosa, prepararsi all’assalto finale del cancro senza arrendersi, senza tradire”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...