Nel secondo appuntamento con “Vitalia – Alle origini della Festa”, in onda venerdì 13 maggio alle 23.45 su Rai 2, Alessandro Giuli condurrà il pubblico alla scoperta degli antichi riti delle acque

Nel secondo appuntamento con “Vitalia – Alle origini della Festa”, in onda venerdì 13 maggio alle 23.45 su Rai 2, Alessandro Giuli condurrà il pubblico alla scoperta degli antichi riti delle acque e degli esseri divini che personificano le loro virtù. Divinità e riti che come le acque hanno mutato forma assumendo le sembianze di feste e culti cristiani, come la Madonna delle Acque o la Madonna dei Bagni in Campania, o quello di Santa Felicita in Irpinia. Culti che confermano tuttavia il potere purificatore e taumaturgico delle acque. 
Alessandro Giuli inizierà il viaggio dalla città che Gregorovius definì la Pompei del Medioevo: Ninfa, situata alle pendici dei monti Lepini, dove i Romani dedicarono un culto a un’antica sorgente, quella del fiume Ninfa, perché – come ammonisce Seneca – non esistono fonti che non siano sacre. Ninfa, nella verde pianura sovrabbondante di acque, nel secolo scorso fu trasformata dalla nobile famiglia Caetani in un magnifico giardino di fama internazionale. Giuli andrà poi in Irpinia, dove i discendenti dei popoli Sanniti, gli Irpini adoratori del lupo, venerano una santa che ha il potere della fecondità e della guarigione. Proprio negli stessi luoghi, la valle d’Ansanto già nota a Virgilio, dove era venerata Mefite, dea delle acque e della fecondità. I geni del luogo condurranno il conduttore e gli spettatori al cospetto della dea, nella sua dimora a Rocca San Felice, in un paesaggio lunare ribollente di acque e vapori letali.Il conduttore si immergerà fra le acque impetuose delle cascate del fiume Calore, sui monti Picentini, nel cuore della Campania, per tornare poi nel Lazio virgiliano, fra laghi di zolfo e grotte oracolari, per conoscere il dio Fauno e la sua compagna Albunea. Alessandro Giuli concluderà il suo viaggio tornando a Ninfa: il luogo dove tutto scorre, come le linfe che abitano il corpo umano, e le anime in attesa di venire alla luce. 
 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...