La Stanza della Musica è il nuovo singolo di Alfredo Marasti

E’ uscito il 18 maggio il singolo La Stanza della Musica di Alfredo Marasti, accompagnato dal videoclip ufficiale, per la regia dello stesso Marasti e di  Chris Mazzoncini, con Aldo Masini alla seconda camera.

Le riprese in esterni sono state effettuate al Vittoriale degli Italiani (roseto, vallette, Laghetto delle Danze); gli interni presso Villa Passaglia, a Gragnano in Toscana.

Il brano, distribuito su tutte le maggiori piattaforme digitali, anticipa la pubblicazione, prevista per il prossimo 25 maggio su etichetta La Stanza Nascosta Records, del concept album Ultimo D’Annunzio, quinto lavoro in studio del cantautore Alfredo Marasti.

La Stanza Della Musica traduce in forma canzone le suggestioni della musica da camera; la ritmica serrata di basso e batteria amplifica i saliscendi emozionali di un’esistenza- quella di Luisa Baccara- sospesa tra dolore e speranza, restituite con vis poetica (“E guardo allontanarsi tra il damasco e il pianto la mia età, così leggera”).

“La Stanza della Musica”- spiega Alfredo Marasti- è la prima grande sala allegorica che si incontra nella Prioria, subito dopo la “Stanza del Mascheraio”: di fatto era il regno della pianista Luisa Baccara, compagna di Gabriele per tutto il ventennio trascorso al Vittoriale; nelle tante lettere che si scambiavano lui affettuosamente la chiamava Smikrà, («piccola», in greco), firmandosi a sua volta con il soprannome Ariel.

Il brano adotta il punto di vista di lei, raccontando un Gabriele crudele e, spentasi ormai la passione, insofferente nei confonti di Luisa: pur mantenendola nel lusso e riservandole un certo affetto benevolente e posato, la rimpiazza ben presto con numerose “badesse di passaggio”, comunicando con lei tramite lettere e biglietti più che a voce, nonostante vivano nello stesso edificio e a pochi metri di distanza.

Luisa si trova così a vivere una vita da principessa: numerosi sono i concerti da lei tenuti proprio nella Stanza della Musica, al cospetto di ospiti illustri, accompagnandosi con il quartetto d’archi del Vittoriale (il brano stesso si sostiene su una linea di piano e di archi). Al contempo è una vita intrisa di malinconia e depressione; Smikrà si intestardisce a voler riaccendere la fiamma con Gabriele, che sentendosi assediato la respinge. A questo si unisce, per lei, la tortura di udire chiaramente ciò che accade, notte dopo notte, nella Stanza della Leda, dove Gabriele riceve le amanti.

La parte centrale del brano, con la voce femminile di Rebecca Cinquina («E scusami per quella sera») allude all’episodio rimasto celebre come “volo dell’Arcangelo”: Luisa, in una crisi di gelosia – probabilmente perché Gabriele ci stava provando con Jolanda Baccara, sua sorella – pare l’abbia spinto giù dalla finestra de “La Stanza della Musica”, provocandogli una frattura craniale. Da lì anche l’atteggiamento freddo con cui lui la terrà con sé, ma spesso evitandola.

Nonostante innumerevoli sfoghi e rotture, Luisa non compie mai il passo di abbandonarlo (nessuno, in fondo, la costringe a rimanere): ogni volta si ricompone e ritenta, sempre inutilmente, di resuscitare ciò che in passato c’è stato fra loro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...