Nel quarto appuntamento con “Vitalia – Alle origini della Festa” Alessandro Giuli parlerà della “Bona Dea”

Nel quarto appuntamento di Vitalia – Alle origini della Festa, in onda venerdì 27 maggio alle 23 su Rai2, Alessandro Giuli ricostruirà il volto e indagherà il nome di una misteriosa divinità venerata a Roma, il cui culto continua a sopravvivere fra i riti di tante feste popolari italiane. Il conduttore inizierà il viaggio da Ostia antica, raccontando di una dea vergine, sposa e madre, divinità dal nome segreto il cui culto era appannaggio di sole donne. La casta e feconda Signora della natura e degli animali, dea dei riti di passaggio femminili e della salute pubblica di Roma: Bona Dea.Proseguirà il viaggio nelle Marche, a Cupra Marittima, sulle tracce di una divinità misteriosa, senza volto e senza nome, Cupra: solo un aggettivo per descriverla, una parola sabina che in latino si traduce con Bona.
Del santuario-emporio della dea a Cupra Marittima, il più prestigioso dell’intero litorale adriatico, rimane il mistero della collocazione e un’area cultuale di incontro e scambio tra i Piceni e i popoli che venivano dal mare o dall’Appennino.  I Piceni, il popolo che si fece guidare in una Primavera Sacra dal picchio, l’animale che secondo la tradizione, prende il nome da Picus fondatore della città di Albalonga. Picus, il domatore di cavalli, come lo appella Virgilio, padre di quel Fauno che generò Bona Dea.
Il conduttore mostrerà le feste popolari legate a questi due animali totemici della cultura picena: a Monterubbiano la festa che rievoca le migrazioni dei Piceni al seguito di Picus, la festa di Sciò la Pica, e a Ripatransone la pirotecnica processione del Cavallo di Fuoco. Incontrerà i geni del luogo che custodiscono la memoria degli antichi segreti legati al fuoco che tempra i metalli. Gli stessi segreti che i Piceni sfruttarono per realizzare degli enigmatici anelloni a nodi ritrovati deposti in sepolture femminili, tra Cupra marittima e Grottammare, posizionati sul pube delle defunte. Forse in segno di devozione alla dea Cupra, alla quale persino l’imperatore Adriano volle legare con solennità il suo nome, come mostra la lapide di epoca imperiale, murata nella chiesa di san Martino a Grottammare.  
Tornerà infine, Alessandro Giuli, a Roma, per addentrarsi nella città contemporanea: a Trastevere e sul colle Aventino, lì dove la Bona Dea Subsaxana aveva le sue dimore, frequentate soltanto dai collegi sacerdotali femminili che celebravano riti occulti in suo onore e chiudere il cerchio nella Casa delle Vestali, accanto all’invisibile fiamma che garantisce l’eternità di Roma e dell’Italia romana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...