Iseo Jazz: il piano solo di Carlo Morena domenica 3 luglio a Sale Marasino (Bs)

Ospitando il secondo dei tre piano solo presenti nell’edizione del trentennale di Iseo Jazz, che cominciò la sua storia proprio con un festival interamente dedicato al piano jazz italiano, il Comune di Sale Marasino (Bs) conferma la sua adesione al progetto musicale della rassegna, spostando il luogo del recital dal suggestivo Borgo Maspiano, sede dei concerti delle precedenti edizioni di Iseo Jazz, alla bella ex Chiesa dei Disciplini. Ospite della serata (inizio live ore 21, ingresso libero) è il pianista Carlo Morena, la cui proposta è chiaramente evidenziata dal titolo del concerto (“Looking Back, Looking Ahead”), dal quale si evince che questo colto e raffinato pianista, che è stato docente in Germania, Spagna e Portogallo, si ispira al passato per ricostruirlo nel presente.

La chiave della performance è il recupero del pianismo jazz di tipo orchestrale, preminente tra gli anni Dieci e i primi anni Trenta del Novecento, il cosiddetto stride piano, che fu il terreno espressivo di giganti della tastiera quali James P. Johnson, Fats Waller e Willie “The Lion” Smith, ma anche del primo Ellington e di parte della produzione di Art Tatum, che dagli anni Novanta in qua sta trovando sempre più adepti.

Ben lontano da qualsiasi filologia, a parte quella relativa alla competenza necessaria per suonare in quello stile, Morena trasporta in chiave contemporanea pezzi del passato o affronta in quell’ottica brani di oggi, anche di propria composizione. In fondo, è quello che talvolta fanno anche pianisti quali Stefano Bollani o Dado Moroni, per citarne solo due di grande fama. Morena affronta quel linguaggio in maniera sobria quanto coinvolgente, memore della sua grande conoscenza anche del mondo musicale eurocolto. Così come lo era un pianista che è quasi un simbolo di questo modo di procedere e che ha molto influenzato sia Morena sia lo stesso Bollani: Jaki Byard, ben noto per la sua collaborazione con Charles Mingus e Roland Kirk e per i tanti progetti realizzati a proprio nome, che usava mescolare stili e modi di suonare in maniera del tutto originale e creativa, anticipando alcune strade della modernità pianistica. Una linea che Carlo Morena apprezza e che con grande personalità porterà nel suo concerto per Iseo Jazz.

ISEO JAZZ – XXX edizione, da venerdì 1 a sabato 9 luglio 2022

Il programma

Venerdì 1 luglio

Palazzolo sull’Oglio, Accademia Vavassori, via Kennedy

Gemellaggio tra l’Accademia Vavassori e Iseo Jazz in occasione dei rispettivi trentennali.

Joyce Yuille quartet – American Songbook Today

Joyce Yuille (voce), Stefano Calzolari (pianoforte), Marc Abrams (contrabbasso), Marco Frattini (batteria).

Enrico Intra piano solo – La via italiana al jazz

Enrico Intra (pianoforte).

Sabato 2 luglio

Palazzolo sull’Oglio, Casa della musica, piazzale Dante Alighieri 2

Milano C-Jazz Band diretta da Enrico Intra

Solisti: Emilio Soana, Marco Mariani (trombe), Humberto Amesquita (trombone), Giulio Visibelli, Marco Visconti Prasca (sassofoni), Mario Rusca (pianoforte), Marco Mistrangelo (contrabbasso), Tony Arco (batteria) e gli studenti dei Civici Corsi di jazz di Milano.

Luca Missiti direttore aggiunto.

Premio Giachero.

Progetto speciale del festival in collaborazione con MIDJ, SIENA JAZZ e MUSICA OGGI.

Fabrizio Bai trio – Per Alessandro Giachero

Fabrizio Bai (chitarra 7 corde), Andrea Libero Cito (violino), Giacomo Rossi (contrabbasso).

Progetto speciale del festival.

Domenica 3 luglio

Sale Marasino, Ex Chiesa dei Disciplini, via Provinciale

Carlo Morena piano solo – Looking Back, Looking Ahead

Carlo Morena (pianoforte).

Giovedì 7 luglio

Iseo, sagrato della Pieve di Sant’Andrea, piazza del Sagrato 7

Enrico Pieranunzi piano solo – Unlimited

Enrico Pieranunzi (pianoforte).

Venerdì 8 luglio

Iseo, Lido di Sassabanek, via Colombera 2

Monday Orchestra feat. Fabio Morgera

Omaggio a Miles Davis: Birth of The Cool e altri classici

Fabio Morgera (tromba solista), Emilio Soana (tromba), Giancarlo Mariani (flicorno), Andrea Andreoli (trombone), Alberto Introini (tuba), Andrea Ciceri (sax contralto), Gilberto Tarocco (sax baritono), Antonio Vivenzio (pianoforte), Marco Mistrangelo (contrabbasso), Francesco Meles (batteria). Luca Missiti: direzione.

Sabato 9 luglio

Iseo, porto industriale

Lydian Sound Orchestra

Charles Mingus cent’anni dopo

Progetto speciale del festival

Robert Bonisolo (sax tenore e soprano), Mauro Negri (sax contralto e clarinetto), Rossano Emili (sax baritono e clarinetto basso), Gianluca Carollo (tromba e flicorno), Federico Pierantoni (trombone), Glauco Benedetti (bassotuba), Marcello Abate (chitarra), Marc Abrams (contrabbasso), Mauro Beggio (batteria). Riccardo Brazzale (direzione, arrangiamenti e pianoforte).

Consegna del premio Iseo Jazz alla carriera a Riccardo Brazzale e Corrado Beldì.

Tutti i concerti inizieranno alle ore 21 e saranno a ingresso libero.

In caso di pioggia, i concerti di Iseo si terranno al Castello Oldofredi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...