Intervista con Darin: “Superstar è un viaggio in un mondo nuovo per me”

E’ un mix di disco e funk degli anni ’70 mescolato con ritmi e sonorità moderni. È una canzone che parla dell’innamoramento per qualcuno che ti fa sentire così bene. È edificante e colorata, qualcosa di cui credo abbiamo molto bisogno”. Dopo aver raggiunto la Top 3 EarOne ed essere stato al comando della Classifica Airplay Indie per due mesi consecutivi come artista internazionale più trasmesso dalle radio in Italia con oltre 10 milioni di stream della hit “Can’t Stay Away”, la popstar svedese Darin ha pubblicato il nuovo singolo “Superstar”.

Scritta con Jamie Hartman e Boots Ottestad, e prodotta da Stuart Price e Billen Ted, è una canzone che parla di un amore inaspettato e che sta riscuotendo un grande successo, infatti è da diverse settimane nella Top10 radiofonica italiana.

Sette album all’attivo, 30 singoli d’oro o di platino, 400 milioni di stream su Spotify e varie vittorie ai Grammy svedesi. Una carriera eccellente quella di Darin, costruita su un talento scintillante e su un sound ammaliante, che ha conquistato gli ascoltatori di tutto il mondo.

In questa intervista che ci ha gentilmente concesso Darin ci ha parlato di “Superstar” ma anche dei punti di contatto tra la musica italiana e quella svedese, della sua stima nei confronti di Madame e del desiderio di fare tappa in Italia con il suo prossimo tour.

Darin, è uscito il suo nuovo singolo e video “Superstar”, che ha un sound disco. Cosa può dirci a riguardo?

“Superstar è un viaggio in un mondo nuovo per me, è un mix di disco e funk degli anni ’70 mescolato con ritmi e sonorità moderni. È una canzone che parla dell’innamoramento per qualcuno che ti fa sentire così bene. È edificante e colorata, qualcosa di cui credo abbiamo molto bisogno”.

Come è nata la collaborazione con il produttore Stuart Price?

“Ho sempre voluto lavorare con lui perché amo la musica che ha prodotto e di cui ha fatto parte per molti anni. Quindi, quando ho scoperto che voleva collaborare con me, ero così eccitato perché sapevo che era l’uomo perfetto per questa canzone”.

Darin_Superstar_3000x3000px_sRGB

Con “Can’t Stay Away” e ora con “Superstar”, è stato nella top 10 delle classifiche radiofoniche italiane per diverse settimane. Si aspettava di diventare così popolare in Italia?

“Assolutamente no, ho iniziato a pubblicare la mia musica in Italia solo quest’anno e che anno è stato finora! Non sapevo cosa aspettarmi perché non avevo mai provato il mercato italiano, quindi sono felicissimo che stia andando così bene, che la mia musica piaccia e che io possa passare più tempo in un Paese che amo così tanto!”.

Per lei, chi è una Superstar?

“Una persona che ti fa sentire benissimo!”.

Abba, Roxette, Zara Larsson, Avicii, sono artisti molto amati anche in Italia. Quali punti di contatto pensa ci siano tra la musica svedese e quella italiana?

“Penso che sia in Italia che in Svezia amiamo le buone e forti melodie nella musica e nelle canzoni. Quelle che ti fanno emozionare quando le ascolti e che ti fanno venire voglia di cantare. E penso anche che apprezziamo una buona voce che possa esprimere al meglio questi sentimenti”.

Come è nata la sua passione per la musica?

“In famiglia la musica mi circonda da quando sono nato, quindi è stata una cosa abbastanza naturale per me fin da bambino. I miei zii suonano tutti strumenti diversi e i miei genitori cantano. E poi ho iniziato a scrivere canzoni fin da piccolo per esprimere cose che avevo bisogno di tirare fuori. Credo che saper scrivere e il fatto che amo la parte creativa mi abbiano aiutato molto come artista”.

DARIN3 cappello ph. Jordi Terry

ph. Jordi Terry

Qualche settimana fa si è tenuto a Torino l’Eurovision Song Contest 2022. Lei ha partecipato all’edizione 2013 di Malmoe. Che ricordi ha?

“Ricordo che un uomo che lavorava dietro le quinte, poco prima che salissi sul palco, mi disse che circa 100 milioni di persone stavano guardando l’Eurovision. E io pensavo: “Perché me l’ha detto?”. Ero nervoso, ma appena ho iniziato ad esibirmi mi sono davvero divertito perché il pubblico era così meraviglioso e mi dava così tanta energia. Penso che sia una cosa bellissima che tutti questi Paesi si uniscano in questo modo e che ci sia tanto amore nell’aria”.

Un artista italiano con cui ti piacerebbe collaborare…

“Ultimamente sto ascoltando molto Madame, soprattutto le sue canzoni Voce e Marea. Sono molto colpito dalle sue melodie, dalla sua voce e anche dal suo stile”.

Quali sono i suoi prossimi progetti?

“Quest’estate farò alcuni spettacoli in Italia per la prima volta, il che è fantastico, e sto anche scrivendo e registrando nuove canzoni a Londra, quindi spero che ci sarà altra buona musica per il futuro”.

Con il tour verrà presto anche in Italia?

“Sì, voglio assolutamente programmare degli show completi per l’Italia quando farò un tour in Europa la prossima volta! È stato così bello sentire e vedere la gente cantare Can’t Stay Away l’altro giorno al Battiti Live di Gallipoli! Mi ha fatto venire voglia di suonare un intero live!”.

INTERVIEW WITH DARIN

DARIN ph.Annika Berglund

ph. Annika Berglund

Darin, your new single and video “Superstar,” which has a disco sound, has been released. What can you tell us about it?

“Superstar is a trip into a new world for me, which is a mix of 70’s disco and funk mixed with modern rythms and a modern sound. It’s a song about falling in love with someone that makes you feel so good. It’s uplifting and colorful, something I think we need more of”.

How did the collaboration with producer Stuart Price come about?

“I’ve always wanted to work with him because I love the music he has produced and been a part of for so many years now. So when I found out that he wanted to jump on board I was so excited because I knew that he was the perfect guy for this song”.

With “Can’t Stay Away” and now with “Superstar,” you’ve been in the top 10 of the Italian radio charts for several weeks. Did you expect to become so popular in Italy?

“Not at all, I’ve just started releasing my music in Italy this year and what a year it’s been so far. I didn’t know what to expect because I haven’t tried the Italian market before so am I so so happy that it’s going so well and that people like my music there and also that I can spend more time in a country that i like so much!”.

For you, who is a Superstar?

“Someone who makes you feel amazing!”.

Abba, Roxette, Zara Larsson, Avicii, are also beloved artists in Italy. What points of contact do you think there are between Swedish and Italian music?

“I think in both Italy and Sweden we love good and strong melodies in music and songs. The ones that makes you feel something strong when you listen to it and want to sing along. And I also think we appreciate a good voice to express those feelings a little extra…”.

How did your passion for music come about?

“I’ve had music around me in my family since I was born so it was quite a natural thing for me since I was a child. My uncles all play different instruments and my parents sing. And then I started writing songs at an early age to express things I needed to get out. I think being able to write has helped me a lot as an artist and the fact that I love that creative part”.

A few weeks ago the Eurovision Song Contest 2022 was held in Turin. You took part in the 2013 edition of Malmoe. What memories do you have?

“I remember that there was a man who was working backstage who right before I went up on stage told me that around 100 million people were watching. And I was thinking to myself, why did he just tell me that? I remember being nervous but then as soon as I started I really enjoyed performing because the crowd was so good and gave me so much energy. I think it’s a beautiful thing that all these countries come together in that way and there was so much love in the air”.

An Italian artist you would like to collaborate with…

“I’ve been listening to Madame a lot lately, especially her songs Voce and Marea. I’m very impressed with her melodies, her voice and also her style”.

What are your next plans?

“I’m doing some shows in Italy this summer for the first which feels amazing and also writing and recording new songs in London now so hopefully there will be more good music for the future”.

With the tour will you also come to Italy soon?

“Yes, I definitely want to plan full shows for Italy when I tour in Europe the next time! It’s was so cool to hear and see people sing along to Can’t Stay Away in the crowd the other day at Battiti Live in Gallipoli! It made me want to play a whole show!”.

di Francesca Monti

credit foto copertina Annika Berglund

Grazie ad Alessandra Ballarini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...