NATIONS AWARD XVI: STAR DEL CINEMA, DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO ED IL “THINKINGREEN” PROTAGONISTI DELL’EVENTO TAORMINESE

Il Teatro Antico taorminese ha goduto della presenza di personalità illustri della cinematografia, dell’arte dello spettacolo e dell’imprenditoria( tra cui Ezio Greggio, Tea Falco, Violante Placido, Peter MacDonald, Barbara Tabita, Donatella Finocchiaro, Maya Talem, Salvatore Cascio, Mario incudine, Antonio Presti e Celestino Drago), ospitando la serata di gala della sedicesima edizione del Nations Award, evento che si contraddistingue anche per il legame con tematiche ambientali, come conferma gli argomenti oggetto del “Thinkingreen” trattati nel corso dei convegni tenutisi dal 15 al 17 luglio presso l’NH Hotel di Taormina.

L’inno nazionale italiano e quello europeo, interpretati dalla banda della Brigata Aosta di Messina, hanno inaugurato l’evento finale della kermesse di EvenTao, condotto dal giornalista di Hot Corn Andrea Morandi e dall’attrice Barbara Tabita (che ha calcato il Teatro Antico nel 1996) con Michel Curatolo, nel ruolo di trait d’union tra gli ospiti nonché brillante organizzatore della manifestazione.

Manifestazione  che gode da sei anni del patrocinio del Parlamento Europeo(un video messaggio dell’attuale presidente, Roberta Metsola, ha benedetto l’impegno sulla tematica ambientale, evidente anche dal green carpet presente sul palco taorminese) anche perché sensibile a vari argomenti di grande attualità come le discriminazioni di ogni tipo, avversate e stigmatizzate con forza dalla madrina della manifestazione della manifestazione, Maya Talem, modella, influencer da un milione e quattrocentomila follower su instagram ed attrice (sul set di “Whisper of the Desert” con il premio Oscar Mira Sorvino e John Savage).

L’interprete poliedrica ed affascinante Tea Falco, che proprio a Taormina ha conseguito nel 2013 il Nastro Bulgari ai Nastri d’Argento per “Io e te” di Bernardo Bertolucci, ha sottolineato come il regista parmigiano e Franco Battiato (con cui aveva preso parte al Videoclip della canzone “Testamento”) costituiscano dei modelli artistici ed umani d’assoluto valore. La stessa fotografa e regista siciliana ha poi letto un suo monologo di profonda intensità sul rispetto verso la natura e le persone, ricevendo poi il Nations Award da Federico Basile, sindaco della Città Metropolitana di Messina.

Il deputato Paolo Grimoldi ha poi premiato la più volte encomiata (ben tre Globi d’oro per lei) ed intensa attrice Donatella Finocchiaro che ha sposato appieno la tematica della tutela dell’ambiente e che è interprete di una pellicola sugli schermi, con co-protagonista Sara Ciocca, intitolata “Greta e le favole vere”, in cui una bambina emula la Thunberg con l’intento di salvare un’orsetta.

IMG-20220720-WA0080-1

L’ambassador della kermesse Ezio Greggio, premiato da Manlio Messina (Assessore Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Sicilia), ha brillato della sua capacità di affrontare argomenti di grave drammaticità, come la guerra russa contro l’Ucraina, il covid e l’utilizzo di risorse energetiche meno impattanti a livello ambientale, con la giusta ironia e satira che hanno venato la sua quarantacinquennale carriera di conduttore, attore, comico ed umorista di cui ha accennato ricordando anche i trascorsi nella perla dello Jonio, ad inizio carriera e poi negli anni ’80 al mitico Tout va taorminese, confessando inoltre come i suoi miti e riferimenti siano Totò e Peppino De Filippo, con quest’ultimo da cui ha appreso direttamente tanto.

L’attrice e cantautrice Violante Placido, insignita del Nation Award dall’ Assessore ai Beni Culturali e all’Identità della Regione Siciliana, Alberto Samonà (che ha posto l’accento anche sull’anniversario della morte di Borsellino) ha parlato del suo “Femmes Fatales”, spettacolo teatrale e musicale su cinque donne di valore assoluto, quali Francoise Hardy, Marianne Faithfull, Yoko Ono, Nico e Patty Pravo.

La Giovane Orchestra Sicula del maestro Raimondo Capizzi ha introdotto con alcuni brani della colonna sonora di Ennio Morricone di “Nuovo Cinema Paradiso”, il piccolo Totò ossia Salvatore Cascio, che nel suo memori filmico e di vita, “La gloria e la prova”, con la post-fazione di Andrea Bocelli e la prefazione del regista della suddetta pellicola, Giuseppe Tornatore( “Peppuccio”, da sempre suo maestro di vita ) ha spiegato come la retinite pigmentosa con edema maculare lo abbia progressivamente privato della vista, facendogli rinunciare ad una lanciatissima carriera cinematografica ma non abbia infierito sulla sua forza d’animo sempre più grande grazie alla fede, al coraggio ed all’aiuto ricevuto.

Mario Bolognari, sindaco di Taormina ha dato il premio al famoso regista di “Rambo III”, “La Storia infinita III”, “The Legionary – Fuga all’inferno” e produttore di “Harry Potter e il calice di fuoco”, ossia Peter MacDonald che ha sottolineato la fortuna di vivere di cinematografia e la volontà di far crescere le nuove leve che in ambito ambientale sono molto più “avanti” rispetto alle generazioni precedenti.

20220717_21454120220717_221234

Il respiro internazionale della kermesse si è evidenziato anche nelle parole del console onorario della Turchia in Sicilia Domenico Romeo e dell’ambasciatore dell’Uruguay Ricardo Varela che ha parlato del gemellaggio tra Taormina e Punta dell’Este, nonché in quelle del saluto istituzionale del direttore generale del ministero della Cultura uruguaiano Mariana Wainstein, molto apprezzate dal neo console onorario dell’Uruguay a Messina Michel Curatolo.

La cultura turca ha avuto un suo spazio nella figura del noto attore di Ankara Taylan Ahmet Mumtaz e della sua conterranea, Gonca Dogan, soprano che ha cantato la Casta Diva di Bellini per onorare la terra sicula.

Anche l’enogastronomia ha avuto un suo celebre esponente con lo chef Celestino Drago, amatissimo negli USA anche grazie all’uso di eccellenti ingredienti e prodotti, tutti targati Sicilia come la musica di Mario Incudine, cantautore e polistrumentista ennese che si è esibito per il pubblico taorminese con armonie mediterranee con echi tradizionali ed al contempo moderni.

Con il sostegno del Parco Archeologico Naxos Taormina (guidato da Gabriella Tigano) e della Fondazione “Sebastiano Tusa”  è stato assegnato il quarto premio in nome dello stesso illuminato archeologo, politico e Soprintendente del Mare (deceduto a seguito di un disastro aereo nel 2019) ad Antonio Presti, mecenate, artista e fondatore dell’Associazione Culturale Fiumara d’Arte e uomo che ha voluto far sposare la bellezza al mutamento sociale e culturale in positivo della società tramite le sue attività.

Con la Motivazione di “aver messo a disposizione competenza e passione per portare avanti la cultura”, il rettore dell’Università di Messina Salvatore Cuzzocrea ha premiato Giovanni Puglisi, presidente emerito della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e Rettore dell’Università Kore di Enna.

Il cocktail e la cena glamour con le star della manifestazione ha avuto luogo al Grand Hotel San Pietro

Il Nations Award è stato affiancato dall’evento “Thinkingreen”, una tre giorni di convegni, di concerto con gli ordini professionali di Architetti, Ingegneri e Avvocati e con l’Università degli studi di Messina, ospitata nelle sale dell’NH Collection di Taormina. Sul tema della sostenibilità si sono confrontati esperti del settore, giornalisti e personaggi dello spettacolo. Al termine dell’evento, è stata firmata la Carta di Taormina, un documento con cui si chiede ufficialmente alle istituzioni pubbliche un impegno ancor più deciso a contrastare i cambiamenti climatici. Gli altri ospiti premiati, per l’impegno sulle tematiche ambientali sono stati: Felice Sinatra (Hospital consulting), Andrea Bombardi (vice presidente Rina), Andrea Bartoli e Florinda Saiva, (Fondatori Farm Cultural Park di Favara) e Maurizio Scaglione, editore e scrittore.

La sedicesima edizione del Nations Award è stata realizzata con il supporto degli assessorati regionali alla Salute, ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e al Turismo, Sport e Spettacolo, dell’Assemblea Regionale Siciliana, Parco Fluviale dell’Alcantara, Parco Archeologico Taormina Naxos, Università degli Studi di Messina, Città Metropolitana e Comune di Taormina.

di Gianmaria Tesei

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...