Intervista con Maria Tona: “Il singolo “Pezzi” è un invito ad avere il coraggio di fare le proprie scelte, senza sottostare al giudizio degli altri”

“Pezzi” è il primo singolo di Maria Tona, un brano leggero, con il testo di Simone Di Tommaso e la musica di Mattia Lamonica, in cui le donne e la loro bellezza sono al centro della scena come un’opera d’arte. Un inno liberatorio che sdogana la scelta di “ritoccare” qua e là, per volersi più bene, per piacere soprattutto a se stessi.

Maria, con questo brano irriverente, ci trascina in quello che ha deciso dovesse essere il suo mondo e lo fa divertendosi.

Nel video, diretto da Andrea Natale, accanto a lei ci sono i suoi cinque figli, Noemi, Francesca e Giorgia Angeloni, Maddalena Angeli, che hanno fatto anche i cori e Alessandro Filippo Di Nepi, l’unico maschio della brigata, che chiude con una battuta il video.

La sua storia, che passa anche attraverso la partecipazione a Uomini e Donne Over, racconta di una donna adulta, mamma e nonna, che si è fatta strada, con determinazione e oggi vuole potersi concedere qualche divertimento e un po’ di leggerezza declinando le sue tante sfumature di imprenditrice, di donna di spettacolo che ha fatto della propria autonomia, una bandiera. Maria ha recitato, tra le altre, in fiction televisive come Un Medico in Famiglia, Carabinieri, Diritto di Difesa, Sei forte Maestro e Le Ragazze di Piazza di Spagna.

01 Maria Tona_Foto di Cristiana Fiorini_bassa

credit foto Cristiana Fiorini

Maria, il suo primo singolo “Pezzi” è un inno alla libertà di scegliere di “ritoccare” attraverso la chirurgia estetica il proprio corpo per sentirsi bene con se stessi. Ci racconta com’è nato?

“Io faccio parte di questo mondo dall’altro punto di vista, ho una società della quale fanno parte tanti importanti chirurghi e ci arrivano molte richieste da gestire, quindi sono diventata un punto di riferimento per tutte le donne e da sempre rispondo sia a consigli che a problematiche. Conoscendo il settore in maniera approfondita mi rendo conto che dietro c’è una sorta di ipocrisia. Se uno fa interventi estetici che toccano dei punti che sono comunque negativi a livello di bellezza, a causa dell’allattamento o dell’età ad esempio, non si può fare finta di niente. Oltreoceano qualsiasi cosa accada nel campo della chirurgia o della medicina estetica diventa un motivo di evento, di festa, di goliardia, mentre in Italia c’è questa mentalità provinciale volta a voler nascondere il ritocco fatto, il lifting. Avere un aspetto piacevole nel tempo dà un’impronta di forza non indifferente. Mi riferisco alla gobba sul naso, alle orecchie a sventola, cose evidenti che possono essere motivo di bullismo, di insicurezze. Laddove si va ad operare in un punto specifico i risultati sono positivi perchè andiamo ad aggiustare questa corteccia che ci riguarda e ci accompagna in un cammino in cui a volte bellezza o non bellezza fanno la differenza. Quindi attraverso “Pezzi” ho ironizzato su queste tematiche perché sono io la prima a dire che sono rifatta e avendo vissuto direttamente queste esperienze le mie parole sono più attendibili di quelle di tanti chirurghi che parlano perchè fanno un intervento ma non sanno cosa si prova. Inoltre non si può non giocare con la bellezza, con la scollatura o con tutte quelle cose che ci danno soddisfazioni quando andiamo a specchiarci e siamo anche soli. Sono momenti che tutti viviamo ma poi c’è chi tranquillamente ci gioca come faccio io e chi li considera un tabù”.

Nel video sono presenti le sue quattro figlie e suo figlio che in chiusura dice ironicamente “io mi dissocio”…

“Sono i punti fermi della mia vita e giochiamo a prenderci in giro. Alessandro Filippo, il mio unico figlio maschio, chiude la clip dissociandosi, infatti è da sempre contrario al mondo della chirurgia estetica. Nel video mi sono messa all’interno della cornice di un quadro come se fossi un’opera fatta a pezzi, proprio per riprendere quello che volevo raccontare con il brano”.

Una canzone ironica da cui passa un importante messaggio: amarci come siamo senza sottostare ai giudizi altrui… 

“Esattamente. Dobbiamo amarci per quello che siamo e avere il coraggio di fare le nostre scelte e di essere liberi di seguire i nostri desideri, senza sottostare al giudizio degli altri. Nelle grandi metropoli le mentalità sono aperte mentre nelle realtà più provinciali ci sono ancora purtroppo molti pregiudizi”.

Ha preso parte a Uomini e Donne Over, cosa le ha lasciato questa esperienza?

“Sono una donna che ha fatto la sua preparazione in un ambiente molto difficile come il teatro e il cinema d’autore, con stage e corsi con grandi maestri come Ivana Chubbuck, ma nessuno mi conosceva, poi è arrivato un programma tv a cui hanno mandato la richiesta degli amici e mi ha aperto molte porte. E pensare che all’inizio nemmeno volevo partecipare. In questo momento storico tutto quello che è televisivo e legato ad un commerciale molto semplice ha più potere e mi sono ritrovata a fare un’esperienza di sette-otto mesi bellissima. Quando è terminata ho avuto un attimo di dispiacere perchè mi sono divertita tanto all’interno del programma, ho capito bene i meccanismi, ho conosciuto persone meravigliose. Non è nato niente di interessante a livello di cuore ma ho fatto amicizie e conoscenze che valgono oro, tra cui quella con una donna splendida come Maria De Filippi che a differenza delle altre conduttrici fa vivere di forza propria il programma ed è di un’intelligenza, altruismo e sicurezza di altissimo livello”.

13 Maria Tona_Foto di Cristiana Fiorini_bassa

credit foto Cristiana Fiorini

Ha recitato in varie serie tv di successo come Un Medico in Famiglia, Carabinieri, Diritto di Difesa, Sei forte Maestro e Le Ragazze di Piazza di Spagna. Che ricordo conserva?

“Devo fare una premessa. Io spesso non ricordo quello che ho fatto. Una volta ero sull’isola de La Maddalena e ho seguito una conferenza in cui c’era Alessandro Borghi, al termine sono andata a salutarlo, mi sono presentata dicendo di essere contenta di averlo conosciuto in questa occasione e ho notato che mi guardava in modo strano. Ad un certo punto lui mi ha risposto: Maria Tona il primo film l’ho fatto con te, abbiamo recitato insieme in “Cinque”. Sono un “animaletto artistico” che fa tante cose ma ha anche la bellezza di dimenticarle e questo mi permette di essere sempre umile e vedere il mondo con gli occhi di una fanciulla”.

In quali progetti sarà prossimamente impegnata?

“Ci sono dei progetti stupendi, in particolare uno riguardante la tv, ma non ne posso ancora parlare”.

15 Maria Tona_Foto di Cristiana Fiorini_bassa

credit foto Cristiana Fiorini

Dopo “Pezzi” pensa di proseguire anche sulla strada musicale?

“Se si tratta di tormentoni e brani ironici che mi divertono perchè no? Anche se mio figlio che scrive e fa musica mi ha detto che se faccio un’altra canzone del genere mi ripudia, quindi devo rifletterci bene (sorride)”.

di Francesca Monti

Grazie a Mauro Caldera

Crediti:

– Passaparola1988
– Valentina Poltronieri

Lo styling è curato da Valeria Magistro
credit foto Cristiana Fiorini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...