ASFF – Asperger Film Festival X edizione

Compie dieci anni l’As Film Festival di Roma, il festival di cinema ideato e organizzato da uno staff neurodiverso, composto cioè da persone neurotipiche e persone autistiche. “E’ vero, sono passati dieci anni da quando, per gioco o per scommessa, abbiamo deciso di assecondare la nostra comune passione per il cinema e lanciarci in quella che all’epoca ci sembrava un’avventura impensabile – dicono i ragazzi dello staff – insomma, un manipolo di autistici come noi, che selezionano e presentano film, che intervistano autori e attori, che promuovono cultura cinematografica e cultura della neurodivergenza, in quegli anni non si era mai visto! Ci piacerebbe poter dire che le cose sono cambiate, che è cambiata la percezione nei confronti della neuro-diversità, e che essere autistici e fare le cose che fanno tutti, laurearsi, trovare un lavoro, lottare per il diritto all’autodeterminazione, non fa più notizia. Oppure ci piacerebbe dire che i genitori di ragazze e ragazzi con autismo severo, possono stare tranquilli perché in questi dieci anni la questione del “dopo di noi” è stata risolta.

Purtroppo non è così – aggiunge Giuseppe Cacace, il direttore artistico – ci si ricorda dell’autismo solo una volta l’anno, quando si tratta di accendere le luci blu.

Il festival si aprirà Venerdì 11 con una matinée interamente dedicata alle scuole: la sala Cinecittà della Casa del Cinema ospiterà infatti 120 studenti in veste di giurati nell’ambito di ASFF School, progetto realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per le Scuole. L’ingresso al festival è gratuito fino ad esaurimento posti.

Nel pomeriggio, alle 15.00, parte la quinta edizione di 42HRS il contest per troupe di videomaker che, negli anni precedenti, ha favorito la realizzazione di 56 cortometraggi ed ha visto il coinvolgimento di oltre 200 tra videomaker, autori, tecnici, attori. Anche quest’anno le troupe selezionate lavoreranno ininterrottamente per 42 ore per realizzare un cortometraggio sulla base delle indicazioni dello staff. La serata di venerdì ruoterà intorno alla neurodivergenza: saranno riproposti alcuni dei migliori cortometraggi sul tema, già mostrati nelle precedenti edizioni di ASFF e presentato Lazio Autism Friendly, vincitore del bando regionale Vitamina G. Un progetto a cui teniamo moltissimo – dicono ancora i ragazzi dello staff, e al quale abbiamo lavorato incessantemente negli ultimi dodici mesi. Il risultato del progetto è autismfriendly.it, un sito pensato per mappare e promuovere spazi, iniziative, luoghi amichevoli nei confronti dell’autismo, e per permettere a chiunque di inserire i propri contesti autism-friendly e di fornire informazioni specifiche in termini spaziali e sensoriali. A seguire sarà presentato il documentario Io sono Pablo e qui sto bene di Antonella Rossi che racconta il viaggio avventuroso in Spagna, senza operatori e genitori, di un ragazzo autistico, Pablo, e dei suoi amici. Sabato 12 sarà interamente dedicato al contest per cortometraggi ed in particolare agli autori italiani che saranno in sala ad introdurre i loro lavori. In programma, i pluripremiati Venti Minuti di Daniele Esposito, già vincitore del Globo D’oro, Destinata Coniugi Lo Giglio di Nicola Prosatore con Lello Arena, Lino Musella, Antonia Truppo. Tra le opere internazionali, Rosa Rosae di Carlos Saura e Party Quest di Débora Rocha. Al termine della serata, le giurie, formata tra gli altri dagli sceneggiatori Pier Paolo Piciarelli e Anita Otto, dal regista Ambrogio Lo Giudice, dal regista e sceneggiatore Mauro Uzzeo, dalla costumista Francesca Brunori, dallo storyboard artist Davide De Cubellis, assegnerà un riconoscimento ai migliori cortometraggi italiani, internazionali e d’animazione. In chiusura, proiezione speciale del capolavoro d’animazione Mary and Max, del premio Oscar Adam Elliot con le voci di Toni Colette, Eric Bana e di Philip Seymour Hoffman. Il film, inspiegabilmente ancora inedito in Italia, sarà proposto in originale con sottotitoli in italiano. Domenica a partire dalle 17.00, saranno proiettati per la prima volta in sala alla presenza della giuria tecnica e del pubblico 14 corti, per altrettante troupe, realizzati in 42 ore. A chiudere il festival Noi Due, il film di Nir Bergman, che racconta il delicato rapporto tra un padre e il figlio autistico.

AS Film Festival è realizzato dall’associazione culturale Not Equal con il sostegno della Regione Lazio e del MIC Ministero della Cultura, con Casa del Cinema, con il Patrocinio di Rai per la Sostenibilità ESG e la Media partnership di Rai Movie. AS Film Festival School è realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per le Scuole indetto da MIUR e MIC.

Rispondi