Il caso Terry Broome nella prima puntata di “Cronache Criminali” su Rai 1

Ci sono delitti che ci colpiscono più di altri, che turbano nel profondo. Perché succedono e restano impressi nella memoria, anche ad anni di distanza? Su Rai 1, da lunedì 7 novembre alle 23.35, lo racconterà Giancarlo de Cataldo in “Cronache Criminali”, il nuovo programma di approfondimento true crime, un format originale coprodotto da Rai Approfondimento e Verve Media Company. Undici casi di cronaca, undici storie che, dagli Anni ‘60 ad oggi, hanno fatto epoca, segnando il destino delle vittime, ma anche la nostra società: dagli anni della Dolce Vita con l’uccisione di Christa Wanninger, passando per gli anni di piombo e la morte di Pier Paolo Pasolini, dalla Milano da bere con l’omicidio compiuto da Terry Broome agli Anni ‘90 con il caso di Pietro Maso, fino ai giorni nostri con quello di Luca Traini. Delitti emblematici che, come in due facce della stessa medaglia, raccontano un Paese nel preciso momento in cui avvengono. Ne fotografano contorni sociali, di costume e politici, ma anche quelli relazionali nei quali sono maturati. Da uno studio virtuale, supportato in ciascuna puntata da un documentario di produzione originale e dai preziosi materiali delle Teche Rai, per la prima volta al timone del racconto televisivo, lo scrittore e sceneggiatore, già magistrato, tra i massimi esperti di crime, Giancarlo de Cataldo porterà gli spettatori dentro quelle storie, dentro quel tempo, per comprenderne meglio i contorni e per approfondire il lato oscuro di ciascuno di noi. La prima puntata riporta nel mezzo degli Anni 80, gli anni dell’edonismo e del riflusso, quando un delitto svela il lato oscuro della capitale della moda, del business e del divertimento: la Milano da bere, la Milano dove tutto è possibile. L’aspirante modella statunitense Terry Broome, con un passato drammatico alle spalle, arriva in città e viene risucchiata in un mondo di eccessi, di abusi di sostanze, di perdizione. In preda alla rabbia, alla cocaina e all’alcool, all’alba del 26 giugno 1984 uccide il ricco rampollo romano Francesco D’Alessio che, a detta della modella, l’avrebbe molestata più volte. Una storia torbida che mostra l’altra faccia della capitale meneghina. A raccontare il delitto, attraverso il documentario scritto da Flavia Triggiani e Marina Loi, sono alcuni dei protagonisti: giornalisti, giudici, avvocati, periti e modelle. E Vanzina. Colui che, con suo fratello, ha saputo narrare la Milano di quei tempi e il mondo della moda in un film cult ispirato proprio al delitto Broome: “Sotto il vestito niente”. Attraverso le testimonianze, spesso esclusive dei protagonisti, l’utilizzo di materiali d’indagine ed investigativi originali, la collaborazione con le Forze dell’Ordine che hanno svolto le inchieste, l’accesso ad archivi privati e gli innumerevoli materiali delle Teche Rai e archivi di media locali, “Cronache Criminali” affronta ogni caso e ne indaga i molteplici aspetti: l’approfondimento del delitto e delle vicende giudiziarie connesse contestualizzando il periodo storico, le caratteristiche ambientali in cui sono accaduti i fatti e  il profiling psicologico dei personaggi coinvolti. 

Rispondi