Quasar, il nuovo programma di Valerio Rossi Albertini dedicato ad ambiente ed ecologia, dal 1° aprile su Rai 2

A partire da sabato 1° aprile alle 10.10 su Rai 2 andrà in onda per otto settimane “Quasar”, il nuovo programma condotto da Valerio Rossi Albertini, una cartina al tornasole per comprendere il mondo che ci circonda: la nostra quotidianità, sempre più tecnologicamente avanzata, rischia di trasformarsi in un labirinto nel quale gli individui si muovono con diffidenza e paura di rimanere esclusi. La missione di questo programma è rendere questi argomenti accessibili a tutti, in modo originale e coinvolgente. L’idea è ricostruire la realtà dei fatti davanti agli occhi dello spettatore, tramite dimostrazioni, esperimenti e simulazioni anche divertenti e sorprendenti. Il tutto, utilizzando strumenti e oggetti di uso quotidiano. La semplicità dell’esposizione e l’evidenza dello svolgimento, accompagnate sempre da assoluto rigore scientifico, condurranno con naturalezza alla comprensione di questioni anche estremamente complesse.

“Quasar” è un programma dedicato alla “lettura” in chiave scientifica di grandi temi di attualità come la transizione ecologica, l’economia circolare, l’intelligenza artificiale, la conversione energetica e la sostenibilità ambientale.
Ad accompagnare Valerio Rossi Albertini in questo viaggio, anche molti servizi esterni, alcuni dei quali condotti da Fabio Gallo, volto dello spazio dedicato alle innovazioni tecniche e scientifiche nell’ambito della navigazione nautica, in funzione della salvaguardia dell’ambiente marino, mentre Marita Langella, ci porterà a conoscere aziende, associazioni e consorzi impegnati nella transizione energetica ed ecologica.

A impreziosire ulteriormente le puntate, la presenza di Antonio Giuliani. Il comico e attore romano sarà infatti protagonista, con Valerio Rossi Albertini, della parte destinata alla “biomimetica”, ovvero la scienza che esprime il nesso tra nuove tecnologie e particolari abilità animali. Uno spazio ideato anche per i più piccoli, che ribadisce l’intento didattico e pedagogico di questo nuovo programma.

Rispondi