Nina Zilli presenta Modern Art: “E’ un disco urbano e tropicale”

di Francesca Monti

E’ uscito il 1° settembre su etichetta Universal Music “Modern Art”, il quarto album di Nina Zilli, artista versatile, dallo stile originale e dalla voce unica.

L’album rappresenta una sorta di nuovo inizio per Nina, che pur mantenendo una coerenza artistica con il suo percorso, mostra un volto nuovo, con forme e stili musicali differenti che convivono felicemente tra loro all’interno delle tracce che vanno a comporre un arcobaleno di note e colori, passando dal pop al rap ai ritmi caraibici, al reggae. Un disco che profuma di libertà e d’amore, di energia e di positività.

Nina Zilli ha presentato “Modern Art” alla stampa all’interno dello Space 23 a Milano, regalando anche un bellissimo showcase.

IMG_20170905_170631

Mi piace definire questo album urbano e tropicale, nel sound e nei colori; ogni brano è fortemente connotato da un colore diverso, particolare. Questo traspare anche nelle immagini del booklet da me disegnate in modo didascalico e dettato dal caso“.

Un disco, prodotto da Michele Canova, che parla dell’artista stessa ma anche della società moderna che ci circonda: “La modernità è importante, ma spesso non ci accorgiamo di quello che succede nel mondo, perchè siamo troppo presi ad usare i social. Questo disco non è estraneo da me e dal mio percorso. Mi sono rinchiusa in camera e ho creato un mondo di suoni. Michele Canova ha fatto un lavoro perfetto, ha capito subito quello che volevo fare e ha reso il disco bellissimo. Sono felice del risultato“.

“Moder Art” è stato registrato tra Milano e la Giamaica: “Tutte le esperienze della mia vita sono da sempre legate alla musica, ad esempio quando da piccola sono andata in Irlanda e ho visto il film Commitments, mi ha lasciato delle belle sensazioni. Sono andata in Giamaica la prima volta a 18 anni, in vacanza. E’ un Paese che amo tantissimo. La musica di Bob Marley mi ha conquistata fin da subito, poi crescendo e avendo la possibilità di capire i testi ti rendi conto della poesia della musica e di quel suonare al contrario. Ogni volta che torno in Giamaica non solo trovo la pace con me stessa ma traggo anche l’ispirazione per scrivere nuove canzoni. Mi basta un ukulele ovunque io vada: magari ci canto solo una canzone o ne scrivo una“.

zilli

Tra i brani presenti nel disco c’è anche l’intensa “Il punto in cui tornare”: “L’ho scritta di getto, le parole sono uscite spontanee ed è dedicata a Carlo U. Rossi (scomparso nel 2015), una persona che mi ha dato tanto professionalmente ma soprattutto umanamente. E’ stato il mio produttore e il mio padrino musicale e sento forte la sua mancanza“.

Il progetto è stato anticipato dal singolo estivo “Mi hai fatto fare tardi”, scritto dalla cantautrice insieme a Calcutta, Dario Faini e Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti, ma nel disco sono presenti altre firma autorevoli: “Sono sempre stata abituata a scrivere da sola ma lungo il percorso ho scoperto che mi piace condividere la scrittura con altri autori. Ho voluto al mio fianco anche due nuove penne come Emilio Munda e Piero Romitelli. Sono due autori bravissimi, Per un niente è un saluto dolce, il pezzo più strappacuore del disco, con un sound moderno e vintage allo stesso tempo”.

C’è poi la collaborazione con J-Ax: “Butti giù è l’altro lato della medaglia rispetto a Uno di quei giorni, quello era un pezzo leggero e divertente, la classica nuvoletta di Fantozzi che ci segue in alcuni giorni in cui le cose girano storte. Qui è esattamente l’opposto, è un pezzo rivoltoso e pacifista, perchè quando le cose non vanno bisogna far sentire la voce, con un beat pieno di energia. Ax ha fatto un lavoro straordinario, è un pezzo rap fantastico“.

cover Modern Art jpg

Il disco si chiude con il brano “Come un miracolo”: “L’ho scritta dopo gli attentati di Parigi. E’ una canzone un po’ frikkettona. Oggi la paura si è radicata nelle persone, ma questo porta solo odio. Io spero che grazie all’amore si possa invece trasformare in coraggio“.

Nella tracklist c’è anche la cover riuscitissima di un brano di Ornella Vanoni: “Il mio posto qual è è un pezzo poco conosciuto, scritto da Califano e interpretato da Ornella Vanoni. Me ne sono innamorata subito, per il sound a cavallo tra beat e rock anni ’70, e per il suo testo super attuale. Anch’io a volte mi chiedo quale sia il mio posto nel mondo. All’inizio avevo quasi paura del confronto con la Vanoni ma mi sono sentita subito addosso questa canzone“.

A ottobre Nina Zilli sarà impegnata con il Modern Art Tour e per ora lascerà in stand by la tv: “Ho iniziato dalla dimensione live e per me resta importantissima, è essenziale. per questo tour farò uno spettacolo ad hoc, con una nuova band e un dj che scratcha. Cercherò di legare questi nuovi pezzi con i dischi precedenti. Ora devo fare la cantante e concentrarmi sul tour. Nel 2018 riaprirò la pagina relativa alla televisione e alla radio“.

Queste la date del Modern Art Tour:

13 ottobre – Crema Teatro San Domenico, Data Zero

14 ottobre – Cesena Vidia Club

18 ottobre – Milano Alcatraz

19 ottobre – Torino Hiroshima Mon Amour

27 ottobre – Roncade (TV) New Age

3 novembre – Firenze Viper Club

4 novembre – Roma Atlantico

11 novembre – Fontaneto D’Agogna (NO) Phenomenon

17 novembre – Nonantola (MO), Vox

18 novembre – Brescia Latte +

24 novembre – Napoli Casa Della Musica

25 novembre – Maglie (LE) Industrie Musicali

26 novembre – Modugno (BA) Demodé

I biglietti per il Modern Art Tour  sono disponibili in prevendita su TicketOne.it e nei circuiti di vendita abituali.

Nina Zilli presenterà Modern Art con un instore tour. Ecco le date: 11 settembre a Torino, alla Mondadori di via Monte di Pietà 2, ore 18,30; 12 settembre a Milano alla Mondadori di via Marghera 28 alle ore 19,30; 13 settembre a Bari alla Feltrinelli di via Melo 119 alle ore 18; 14 settembre a Roma alla Discoteca Laziale alle ore 17; 15 settembre a Napoli alla Feltrinelli di via Santa Caterina a Chiaia 23, alle ore 18.

 

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...