NOIR IN FESTIVAL 2017 DA CASTELLARI A CARRISI IL NOIR SI TRASFORMA

Per Tarantino, come per i Manetti Bros., è un mito vivente; lui preferisce considerarsi un artigiano innamorato del suo mestiere. È Enzo G. Castellari, l’autore di alcune pagine celebri per miglior cinema d’azione all’italiana (ma a suo agio in tutti i generi, dal western all’avventura) che il Noir in Festival celebra domani con una masterclass (alle ore 12 all’Auditorium IULM) e la consegna del premio speciale dedicato alla memoria del giornalista Luca Svizzeretto domani sera alle ore 20 ad Anteo Palazzo del Cinema. L’altro “campione” italiano della seconda giornata del festival è Donato Carrisi che torna al Noir in doppia veste: autore di un nuovo thriller (L’uomo del labirinto) e recordman di incassi come regista debuttante per La ragazza della nebbia che concorre al Premio Caligari insieme ad Alessandro Rak per La gatta cenerentola. Il cinema italiano sarà protagonista anche all’Anteo, dove alle ore 18 si riscopre Il demone di Laplace, noir cult di Giordano Giulivi in cui dei ricercatori alle prese con un esperimento apparentemente impossibile si ritrovano a essere le pedine di un meccanismo più grande.

Ma i colori del Noir in programma sono molti e di taglio internazionale: alle ore 11 appuntamento con Adrian Wootton, direttore di Film London, che racconterà in Sala dei 146 alla IULM inedite luci e ombre della donna e dell’attrice Gloria Grahame, icona del noir, star e interprete di alcuni capolavori del genere come Il grande caldo, Odio implacabile, La bestia umana e In a Lonely Place. Si prosegue alle 18.30 con l’incontro in Fondazione Giangiacomo Feltrinelli con lo scrittore spagnolo Marcos Chicot, autore de L’assassinio di Socrate (Salani): ambientato nella Grecia del V secolo a.C., il romanzo vede protagonista un inedito Socrate al quale un oscuro oracolo ha predetto la morte per mano di un “uomo dallo sguardo più chiaro”… La giornata si conclude infine, dalle ore 20, con un doppio spettacolo ad Anteo Palazzo del Cinema; due i film in concorso: Marlina, Omicida in quattro atti, storia di vendetta al femminile girata dalla filmmaker indonesiana Mouly Surya, e l’adrenalinico Burn Out, diretto dal regista francese Yann Gozlan e con protagonista un pilota professionista di Superbike costretto a lavorare per la malavita.

Un’intensa carrellata che ancora una volta mostra l’energia di un genere in grado di catturare le sfaccettature e trasformazioni presenti, passate e future del mondo in cui viviamo.

Tutti gli appuntamenti del Noir in Festival 2017 sono aperti al pubblico, a ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...