Sanremo 2018, crolla la quota de Lo Stato Sociale. Su Sisal Matchpoint il gruppo scende da 16 a 4.50. In attesa della quota aggiornata di Meta e Moro  

Il dato è tratto”. Scherza così Claudio Baglioni, che dopo l’emozione del debutto al Festival di Sanremo, oggi può festeggiare per gli ottimi ascolti ottenuti, il 52% di share con oltre 11,6 milioni di spettatori. “Sono felice per il risultato dell’ascolto. Senza grandi eroismi, siamo riusciti a riconciliare il festival con l’arte povera della canzone. All’inizio avevo detto che questo sarebbe stato non un festival nazional-popolare, ma popolar-nazionale, e credo che questo si capirà di più nelle prossime serate”. Baglioni non nasconde “le ansie della vigilia”, ma sottolinea “l’aria tranquilla, rilassata, divertita anche nel dietro le quinte. Questo ci ha rasserenato e ci ha portato a divertirci, una pratica che io temevo fosse estranea a Sanremo”. Niente “luogo del terrore”, dunque “né mostro che spaventa, come lo dipingevano tutti”. “Siamo molto soddisfatti – conclude il direttore artistico – per come sono andate le cose, per aver contenuto gli incidenti di percorso e perché le canzoni sono state rispettate nella loro dignità. Sicuramente alla fine del festival avrò la mia personale graduatoria”.


Fiorello, uomo incursione mi ha chiesto scusa –
“L’uomo che ha fatto l’incursione sul palco dell’Ariston mi ha chiesto scusa”: lo racconta Fiorello, all’indomani del debutto di Sanremo di cui è stato protagonista con vertiginosi picchi di ascolto. “Sono andato al ristorante e, quando sono uscito, in mezzo alle telecamere che mi aspettavano c’era anche lui. Mi ha avvicinato – racconta – per parlarmi, mi ha detto che era stato interrogato e che lo avevano lasciato andare. Mentre salivo in macchina mi ha chiesto nuovamente scusa, ma gli ho detto che non c’era bisogno”.

Soddisfatto il direttore di Rai1, Angelo Teodoli
: “Il festival di artisti ha fatto un’opera d’arte, sia in termini di prodotto sia di ascolti: l’autore principale è Baglioni che ha tessuto con maestria show e musica, di Hunziker e Favino, di Fiorello che ha dato il la’”.  La prima serata ha superato il 52% di share, “a fronte di una media del 46% degli ultimi 15 anni, in un panorama tv – sottolinea Teodoli in conferenza stampa – in cui le piccole televisioni sono passate dall’8% del 2003 al 38% del 2018. Il festival ha fatto crescere il pubblico di 2,8 milioni rispetto alla settimana precedente”. Il picco in share è stato raggiunto alle 22.18 durante l’esibizione di Moro e Meta (che sarebbero a rischio eliminazione), con il 57.94%. Grande il successo – segnala ancora Teodoli – sul pubblico più giovane: 60.2% sul pubblico 15-24 anni, 64% in generale su questa fascia; i laureati sono cresciuti al 56% (uguagliando il record di Fazio del 2013).

Partenza col botto, picco di 17,2 mln con Baglioni-Fiorello

Il confronto tra ‘Non mi avete fatto niente’ e ‘Silenzio’ – Oltre alla affinità nella melodia, i due testi hanno molti punti in contatto: “Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente”, recitava ‘Silenzio’. “Non mi avete fatto niente, non mi avete tolto niente, questa è la mia vita che va avanti, oltre tutto, oltre la gente”, è invece il testo di Meta e Moro. A quanto si apprende, il problema non sarebbe stato il possibile plagio, dal momento che entrambi i brani hanno lo stesso autore, ma l’assenza del requisito di brano inedito per una parte della canzone. La questione è immediatamente rimbalzata sui social: i fan di Meta e Moro sottolineano che “nelle interviste rilasciate a Sanremo i due hanno spiegato con chiarezza che il ritornello era già esistente e che il pezzo si è sviluppato da quel ritornello di Febo”.

Lorenzo Baglioni, Giulia Casieri, Mirkoeilcane e Alice Caioli. Poi sarà la volta di dieci Campioni: Le Vibrazioni, Nina Zilli, Diodato e Roy Paci, Elio e le storie tese, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Red Canzian, Ron, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Annalisa e i Decibel

Nella seconda serata, in programma mercoledì 7 febbraio, si esibiranno 10 Big (in ordine alfabetico: Annalisa, Canzian, Decibel, Diodato con Roy Paci, Elio e le storie tese, Moro con Meta, Ron, Vanoni con Pacifico e Bungaro, Le Vibrazioni e Nina Zilli) e 4 delle 8 Nuove Proposte. Tra gli ospiti vedremo Il Volo che omaggerà Sergio endrigo con Canzone per te e canterà con Baglioni La vita è adesso, Biagio Antonacci che si esibirà con il direttore artistico del Festival in Mille giorni di te e di me, e Sting con Shaggy, ma anche Pippo Baudo che esattamente cinquant’anni fa presentava il suo primo Festival e la conduttrice di Storie Maledette Franca Leosini.

Nella seconda serata del Festival protagonisti tra i Campioni sono Annalisa (“Il mondo prima di te”), Red Canzian (“Ognuno ha il suo racconto”), Decibel (“Lettera dal Duca”), Diodato e Roy Paci (“Adesso”), Elio e le Storie Tese (“Arrivedorci”), Ermal Meta e Fabrizio Moro (“Non mi avete fatto niente”), Ron (“Almeno pensami”), Ornella Vanoni insieme a Bungaro e Pacifico (“Imparare ad amarsi”), Le Vibrazioni (“Così sbagliato”) e Nina Zilli (“Senza appartenere”).
Comincia anche la gara delle Nuove Proposte, con i primi quattro cantanti: Lorenzo Baglioni (“Il congiuntivo”), Alice Caioli (“Specchi rotti”), Giulia Casieri (“Come stai”) e Mirkoeilcane (“Stiamo tutti bene”).

Ospiti della serata: Sting Con Shaggy, Biagio Antonacci, Il Volo, Pippo Baudo, Franca Leosini, Mago Forrest, Roberto Vecchioni.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...