MIGUEL INDURAIN NELLA HALL OF FAME DEL GIRO D’ITALIA. LE INTERVISTE A MAURO VEGNI, MAURIZIO FONDRIEST E CLAUDIO CHIAPPUCCI

Miguel Indurain, per molti Miguelon o il Navarro, è stato uno “giganti” che ha fatto la storia del ciclismo. Fortissimo a cronometro, su cui ha costruito le sue vittorie più belle, Indurain sapeva difendersi in montagna così da aggiudicarsi il Giro d’Italia nel 1992 e 1993 e 5 Tour de France consecutivi. Nel suo Palmares ci sono anche un Campionato del Mondo a Cronometro nel 1995 e l’Oro Olimpico, sempre a Cronometro, ad Atlanta nel 1996 oltre al record dell’ora nel 1994.

La Corsa Rosa lo ha voluto celebrare nello splendido scenario del Teatro Gerolamo nel Centro di Milano a due passi dal Duomo, insignendolo della Hall of Fame del Giro d’Italia.

84e909a1-003f-45e2-807b-de40c76492f6

Credits Illustrazione: Riccardo Guasco

Sono molto onorato di entrare a far parte di questa esclusiva famiglia del Giro d’Italia. Dopo 25 anni dalla mia ultima vittoria, nel 1993, mi fa molto piacere che gli organizzatori si siano ricordati di me“, ha detto Indurain. “Con l’Italia ho sempre avuto un rapporto molto speciale: i tifosi mi hanno sempre sostenuto e i miei sponsor di quegli anni, a parte la Banesto, erano quasi tutti italiani come per esempio Pinarello e Sidi. La tappa di cui ho un ricordo particolare è quella del 1994 da Merano ad Aprica in cui sono stato in fuga con Pantani. Dopo Stelvio e Mortirolo ho ripreso Marco al primo passaggio da Aprica ma poi ho avuto una crisi di fame e sul Santa Cristina mi sono staccato. Cercavo di prendermi la Maglia Rosa che indossava Berzin (che poi quel Giro lo vinse) e ho dato tutto. Mi stavo giocando non solo una vittoria ma tutto il Giro. È stata una tappa intensa, un susseguirsi di emozioni uniche anche se poi quel Giro poi non l’ho vinto. Questa corsa vive di passione ogni giorno, su ogni strada. È una grande festa del ciclismo.”

9fd84c07-4461-4693-88b7-85d5bf194be3

Miguel Indurain con Andrea Monti, Direttore de La Gazzetta dello Sport e Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia

Miguel Indurain fa il suo esordio al Giro con la vittoria nel 1992 e si ripete nel 1993. Alla sua terza partecipazione (1994) termina terzo dietro a Berzin e Pantani.

Dopo di lui, nessuno è riuscito a vincere due Giri d’Italia consecutivi. Allo stesso tempo nel 1992-1993 fu il primo a vincere due edizioni consecutive dai tempi di Eddy Merckx (3 di fila nel 1972-1973-1974).

Indurain è stato il primo atleta spagnolo a vincere il Giro d’Italia. Dopo di lui solo un altro spagnolo si è imposto nella Corsa Rosa, Alberto Contador (2008, 2015).

4 le sue vittorie a cronometro al Giro d’Italia. Nella classifica di tutti i tempi lo precedono solo Francesco Moser (12); Eddy Merckx (7); Jacques Anquetil (6); Serhiy Honchar (5) e Knut Knudsen (5).

ac68e270-3201-4ce3-adb7-954dc6873c7e

Miguel Indurain tra Maurizio Fondriest e Claudio Chiappucci, storico rivale del Navarro

Il nostro corrispondente Simone Zani, a margine dell’evento, ha intervistato Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia, e due grandi campioni che nel recente passato hanno portato in alto il tricolore: Maurizio Fondriest e Claudio Chiappucci.

INTERVISTA CON MAURO VEGNI: 

INTERVISTA CON MAURIZIO FONDRIEST:

INTERVISTA CON CLAUDIO CHIAPPUCCI:

A cura di Simone Zani

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...