Il regista e scrittore Gianni Amelio presenta in sala Lamerica e il suo nuovo libro Padre quotidiano

Fondazione Cineteca Italiana in collaborazione con Mondadori propone, lunedì 16 aprile 2018 dalle ore 18 presso Cinema Spazio Oberdan a Milano, Gianni Amelio tra cinema e letteratura, un appuntamento speciale per incontrare Gianni Amelio in veste di regista ma soprattutto come scrittore in occasione della recentissima pubblicazione del suo ultimo romanzo, Padre quotidiano (Mondadori, febbraio 2018).

Nel libro, di forte ispirazione autobiografica, Amelio racconta il rapporto con il ragazzo albanese che ha conosciuto durante le riprese di uno dei suoi tanti capolavori, Lamerica, e adottato più di vent’anni fa. Sospeso tra due Paesi (Italia e Albania, appunto), due storie, due culture, il libro rievoca gli anni inquieti che diedero inizio alle migrazioni via mare, che ancora oggi fanno discutere. Ma la tragedia viene in queste pagine addolcita, quasi purificata, dalla nascita di un sentimento e di un legame che sfida i pregiudizi e si impone come soluzione estrema e forse necessaria per arginare l’indifferenza. Una vicenda personale diventa simbolica, scava nel privato per trovare, pagina dopo pagina, una sua toccante universalità.

Programma
h 18 proiezione del film Lamerica
h 20 presentazione del nuovo libro di Gianni Amelio Padre quotidiano

Gianni Amelio sarà presente in sala e al termine firmerà copie del volume nel foyer di Spazio Oberdan.

PROIEZIONE
Ingresso intero € 7,50 / Ingresso gratuito con Cinetessera
PRESENTAZIONE LIBRO / MEET & GREET
Ingresso libero dalle ore 20

Lunedì 16 aprile ore 18 – Cinema Spazio Oberdan Milano
LAmerica
R.: Gianni Amelio. Sc.: Alessandro Sermoneta, Andrea Porporati, G. Amelio. Int.: Enrico Lo Verso, Carmelo Di Mazzarelli, Michele Placido, Piro Milkani. Italia/Francia, 1994, col., 118’.
Un giovane, Gino, va in Albania alle dipendenze di un losco affarista che vuole aprire una fabbrica di calzature. Per ottenere i permessi dalle corrotte istituzioni del posto hanno bisogno di un prestanome che risulti presidente della società e firmi le carte. Trovano così un vecchio albanese dall’aria svanita, che però sul più bello scappa. Gino lo insegue, i due viaggiano insieme, ma nascono continui problemi. Oltre a essere dimenticato dal “socio”, Gino scopre che il vecchio è in realtà un italiano. Intorno a loro un paese allo sbando che campa di stenti e guarda la televisione italiana. Prenderanno una nave che li riporta in Italia
Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...