21° CinemAmbiente – il programma della seconda giornata

Il pomeriggio al Festival si apre con il Concorso Cortometraggi, che propone la sottosezione tematica Il mondo deve sapere (ore 16, Cinema Massimo 3): brevi film di denuncia, che fanno il punto su casi di emergenze ambientali più o meno noti. Tra i titoli in cartellone: Illegal Activists – The Battle for Norway’s Fjords,di Julia Dahr e Julie Lunde Lillesæter, reportage sulla clamorosa azione di disobbedienza civile con cui un gruppo di giovani attivisti in Norvegia ha deciso di infrangere la legge per impedire a una società mineraria di scaricare rifiuti in un fiordo, eTurtle on a Fence Post, di Gabriel Diamond, in cui Al Gore ci porta dietro le quinte del negazionismo climatico. Seguirà Naturalia (ore 16.45, Cinema Massimo 3), la sottosezione di film brevi che porta sullo schermo la bellezza e la poesia del nostro Pianeta, dei suoi paesaggi e abitanti, spesso minacciata dalla rapacità dell’uomo, come in Patagónia – The Tip of the Worlddi Paulo Ferreira, oppure vista da una prospettiva stupefacente, come in A Year Along the Geostationary Orbit di Felix Dierich, che mostra la Terra attraverso le riprese effettuate dal satellite meteorologico più avanzato del Giappone, distante da noi 35786 chilometri.

Sempre nel pomeriggio sarà presentato Empatía(ore 17.30, Cinema Massimo 3), mediometraggio in gara nel Concorso One Hour. Il film vede protagonista lo stesso regista, lo spagnolo Ed Antoja, che, invitato a realizzare un documentario per promuovere comportamenti rispettosi dei diritti degli animali, durante la preparazione del film, si rende conto con sorpresa di essere il primo a dover essere sensibilizzato: una scoperta che lo porterà a cambiare alimentazione, modo di vestire, stile di vita. La proiezione sarà seguita da un incontro conAdonella Marena e Enrico Moriconi, attivisti per i diritti degli animali.

Nel tardo pomeriggio, la sezione Panorama, dedicata ai titoli fuori concorso, propone Sarimihetsika (ore 18, Centro Studi Sereno Regis), di Enrico Iannaccone. Il film rende omaggio alla meravigliosa terra del Madagascar con un susseguirsi di immagini della sua natura placida e maestosa, spettatrice impassibili di vite umane difficili. La proiezione sarà seguita dall’incontro con il registae lo zoologo Franco Andreone e dal concerto di Olga del Madagascar, accompagnata dai musicisti Tatè Nsongan e Badara Dieng.

Sempre nel tardo pomeriggio, il cartellone presenta due mediometraggi in concorso nella sezione One Hour. Filma un’impresa quasi impossibile lo statunitense Ben Knight, regista di The Last Honey Hunter (ore 18.15, Cinema Massimo 1),ambientato in un remoto angolo del Nepal, dove, presso la comunità dei Kulung, sopravvive un’antica forma di animismo che prevede un pericoloso rito della raccolta di un miele dai poteri allucinogeni. Mauli Dhan Rai è il prescelto che da più di 40 anni, senza nessuna misura di sicurezza, si arrampica su esili scalette di corda lungo pareti di roccia a strapiombo, fino a un’altezza vertiginosa, per raggiungere il prezioso nettare. Zhalanash – Empty Shore (ore 18.15, Cinema Massimo 1), del polacco Marcin Sauter, è un viaggio verso il Mar d’Aral, vittima di uno dei maggiori disastri provocati dall’uomo, una volta annoverato tra i quattro maggiori laghi salati al mondo e oggi quasi scomparso, con conseguenze sociali e ambientali tuttora persistenti e drammatiche. Ne è ulteriore testimonianza la notizia, di pochi giorni fa, della tempesta di vento che ha sollevato dal bacino ormai desertico del Lago sale misto a residui di fertilizzanti e pesticidi, ricoprendo la regione di polvere bianca, danneggiando le coltivazioni e causando gravi problemi respiratori alle popolazioni locali.

In orario preserale, per il Concorso Documentari Italiani viene proposto il film Una certa idea di parco (ore 19, Cinema Massimo 3), di Giulio Ciarambino, di cui è protagonista la Cascina Campazzo, ancora in attività alla periferia di Milano, a soli otto chilometri da Piazza del Duomo, benché ormaiassediata dai palazzoni della cintura. La proiezione sarà seguita dall’incontro con l’autore.

Molti i titoli di spicco del Festival in cartellone in serata. Presentato nel Concorso Internazionale Documentari, The Last Animals (ore 20, Cinema Massimo 1) è il primo lungometraggio della fotografa di guerra statunitense Kate Brooks, che ha deciso di puntare il suo obiettivo contro il bracconaggio e il commercio illegale di avorio, lungo una linea che dall’Africa arriva agli Stati Uniti. La proiezione sarà seguita da un incontro con la regista, con Isabella Pratesi, direttrice del programma di conservazione del WWF, e con lo zoologo Spartaco Gippoliti. In competizione nella sezione One Hour, L’Empire de l’or rouge (ore 20.30, Cinema Massimo 3),dei francesi Xavier Deleu e Jean-Baptiste Malet,è un’inchiesta che ripercorre la storia del pomodoro e della sua industrializzazione, modello produttivo capace già alla fine dell’800 di anticipare l’idea di un’economia globalizzata. Il film è tratto dal libro dello stesso Malet che ha fatto molto discutere in Francia, uscito in Italia per i tipi di Piemme con il titolo Rosso marcio: una sconvolgente inchiesta internazionale sul pomodoro che finisce nel tuo piatto.La proiezione sarà seguita da un incontro con il regista Jean-Baptiste Malet e il giornalista Massimiliano Borgia.

In seconda serata, si torna alla sezione competitiva riservata ai documentari italiani con Voci dal silenzio (ore 22, Cinema Massimo 3), di Joshua Wahlen e Alessandro Seidita, un viaggio dal Nord al Sud Italia negli eremi di chi ha scelto di vivere in solitudine: storie di uomini e donne che cercano di recuperare il senso profondo di sé e della vita attraverso un percorso intimo e lontano dal mondo. La proiezione sarà seguita da un incontro con i registi e con il teologo Oreste Aime.

Ancora in seconda serata, il Festival presenta Ground War (ore 22.30, Cinema Massimo 1), girato dal canadese Andrew Nisker che, dopo la morte per cancro del padre, appassionato giocatore di golf, indaga sui letali pesticidi usati per ottenere i perfetti tappeti erbosi riservati alla pratica dello sport, all’apparenza, più green. La proiezione sarà seguita da un incontro con l’autore e con l’agronomo e consulente tecnico della Federazione Italiana Golf Massimo Mocioni.

Da segnalare, infine, l’avvio del progetto 3R+una: Ridurre, Riciclare, Riutilizzare + Ritrarre, ideato e realizzato per CinemAmbiente da Claudio Cravero e Gianpiero Trivisano di HANGAR studio di Torino. Fino al 5 giugno, al primo piano del Cinema Massimo sarà allestita una postazione fotografica in cui gli spettatori del Festival potranno farsi ritrarre in qualità di eco-testimonial, con un foglio in mano su cui avranno scritto un proprio personale messaggio sul tema dell’ambiente.

Tutte le proiezioni e gli eventi del Festival sono a ingresso gratuito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...