EUROPEI NUOTO PARALIMPICO DUBLINO 2018 – Ben 11 medaglie azzurre nella seconda giornata: oro per Xenia Palazzo, Vincenzo Boni, Arjola Trimi, Simone Barlaam, argento per Stefano Raimondi, Gioele Ciampricotti, Antonio Fantin e per la staffetta mista 4×50, bronzo per Monica Boggioni, Federico Morlacchi, Riccardo Menciotti

Pioggia di medaglie italiane nella seconda giornata degli Europei di nuoto paralimpico di Dublino 2018. All’Aquatic Centre di Dublino gli azzurri sono scesi in vasca con il lutto al braccio per le vittime della tragedia di Genova.

Sono state ben 11 le strepitose medaglie conquistate oggi dall’Italia, 4 ori, 4 argenti, 3 bronzi.

Ad aprire le danze è stata Xenia Palazzo che ha vinto l’oro nei 400 stile S8 con il tempo di 4:59.51, davanti alla francese Supiot (5:04.81) e alla danese Vinther (5:10.02).

“Non so davvero cosa dire, è la gara con cui ho lavorato di più con il mio allenatore, dopo tanto tempo è arrivato questo successo. Ieri il primo oro, oggi il secondo, sto dando davvero il massimo. D’altronde le cose o si fanno per bene o non si fanno”, ha dichiarato Xenia.

boni

Oro anche per Vincenzo Boni nei 50 stile S3 con il tempo di 47.04. Argento all’ucraino Ostapchenko (50.05), bronzo allo spagnolo Martinez Tajuelo (52.28).

“Era nelle mie corde, questo lo sapevo, tra l’altro ho fatto anche tempi migliori, ma ho preferito tener d’occhio gli altri avversari. Dedico questa medaglia a mio nonno, scomparso un mese fa, alla città di Genova e alle vittime innocenti. Erano anni che non cantavo così a squarciagola l’inno di Mameli, l’ho sentito particolarmente ed è stato giusto urlarlo in questo modo”, ha detto Vincenzo.

trimi

Il terzo oro porta la firma di Arjola Trimi nei 50 stile S4, chiusi in 40.58, davanti alla tedesca Boettcher (45.72) e all’ucraina Sviderska (48.05).

“Speravo di fare bene perché questa è la mia gara, ma ho commesso un piccolo errore all’arrivo, inutile negare però che sono davvero molto felice. E’ scontato dirlo, ma salire sul podio e sentire l’inno è travolgente. Ora torno a concentrarmi per la staffetta. Vorrei mandare la mia solidarietà a Genova e dedicare la medaglia alla mia famiglia e alla FINP”, ha dichiarato Arjola a RaiSport.

barlaam-morlacchi

Il quarto oro di giornata è stato vinto nei 100 stile S9 da Simone Barlaam, con il nuovo record europeo di 54.42, davanti al britannico White (56.29) e all’altro azzurro Federico Morlacchi, bronzo con 56.69.

AUG_1324

Stefano Raimondi ha vinto l’argento nei 100 dorso S10, chiusi in 59.30, alle spalle dell’oro ucraino Krypak (57.68) e davanti al compagno Riccardo Menciotti, medaglia di bronzo con 1:00.35.

“Sono contento perché l’Ucraina era imprendibile oggi, per cui va benissimo così”, ha detto Stefano.

“E’ un tempo che cercavo da tre anni, ringrazio tutti coloro che mi sono stati vicini ed anche chi invece ha mollato, è grazie anche a loro che è arrivato questo successo. Non dobbiamo porci limiti, mai. Speriamo continui così questa scia positiva. Vedere poi il tricolore in alto, fa onore”, queste le parole di Riccardo.

ciampricotti

Secondo posto anche per Gioele Ciampricotti, che sui 400 stile S8, con il tempo di 4:59.97 ha chiuso dietro allo spagnolo Llopis (4:40.78) e davanti allo svizzero Grob con 5:00.26.

“E’ un argento quasi inaspettato, ma bellissimo, la mia vittoria è più mentale che fisica, e questo mi ha aiutato e mi aiuterà in futuro. Ho cercato fortemente la convocazione a questo europeo, mi sono impegnato fortemente ed è arrivata. Sono molto emozionato, non lo nego, vorrei dedicare la vittoria ai miei genitori, al mio allenatore che ha dato tutto per me e alla mia fidanzata”, ha dichiarato Gioele.

fantin

Argento anche per Antonio Fantin nei 50 dorso S5 con 36.17, dietro all’ucraino Semenenko, oro con 34.95, terzo gradino per il britannico Mullen (36.39).

“L’argento nei 50 dorso non me l’aspettavo davvero, ma ho lavorato molto per arrivare preparato a questo Campionato Europeo”, ha dichiarato Antonio.

L’ultima medaglia d’argento della seconda giornata è arrivata dalla staffetta mista 4×50, dove Arjola Trimi, Gioele Ciampricotti, Monica Boggioni ed Efrem Morelli hanno chiuso secondi in 2:48.35, dietro all’Ucraina, record del mondo con 2:39.29 e davanti alla Spagna (2:52.59).

boggioni

Monica Boggioni ha conquistato il bronzo nei 50 dorso S5, con 46.54, dietro alla turca Boyaci (45.21), oro,  e alla spagnola Perales (45.68), argento. Quinto posto per Giulia Ghiretti (48.92). “Sono entusiasta di questa medaglia, anche io come i miei compagni di squadra la dedico alle vittime che hanno perso la vita a Genova. Oggi abbiamo dato un segnale da qui mettendoci il segno di lutto sul braccio in simbolo di vicinanza e solidarietà”, ha detto la portabandiera azzurra.

Quarto per un soffio Federico Bassani nei 100 rana SB11 e per Martina Rabbolini.

credit foto CIP/Bizzi

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...