Intervista con gli Hooverphonic che ci presentano il nuovo disco “Looking for Stars”

Si intitola “Looking for Stars” il nuovo disco degli Hooverphonic, una delle band di maggiore successo degli ultimi venti anni, che è stato anticipato dal singolo “Romantic”, presentato live sul palco di X Factor Italia lo scorso giovedì.

Dopo successi internazionali come “Mad about you”, “Amalfi” e “Anger Never Dies”, la band belga, capitanata dal leader storico Alex Callier e da Raymond Geerts, ha trovato nella talentuosa diciottenne Luka Cruysberghs la nuova cantante, che ha da subito conquistato tutti con la sua splendida voce e con una piena padronanza della tecnica vocale, che le permette di cantare al meglio non solo i nuovi pezzi ma anche le grandi hit degli Hooverphonic.

“Looking for stars” contiene 11 brani inediti, frutto di tre dischi diversi da cui sono stati scelti i vari singoli, che vanno a comporre un quadro musicale che spazia dal rock al country, mantenendo la caratteristica voglia di diversificazione tipica della band.

Questa la tracklist: “Lethal Skies”, “Paranoid Affair”, “Romantic”, “Uptight”, “Concrete Skin”, “Looking For Stars”, “Horrible Person”, “On And On”, “Feathers And Tar”, “Sleepless”, “Long Time Gone”.

Abbiamo avuto il grande piacere di incontrare gli Hooverphonic a Milano e fare con loro una chiacchierata. Qui la nostra video intervista:

E’ uscito il vostro nuovo album “Looking for the stars”, undici brani dal sound differente. Ci raccontato com’è nato questo progetto?

“E’ un album strano perché è un mix di tre album diversi non ancora pubblicati che avrei voluto fare quest’anno, una colonna sonora in stile Morricone, un disco di trip-hop e una raccolta di canzoni funky psichedeliche. Poi Luka, la nostra nuova cantante, mi ha suggerito, come si fa su Spotify, di scegliere i migliori brani da ogni disco e creare la playlist perfetta. Alla fine è nato un album omogeneo e accattivante perché abbiamo unito i singoli di tre dischi e speriamo che la gente sia felice di questa novità”.

Luka, com’è far parte di una band importante come gli Hooverphonic?

“E’ incredibile, far parte di una band e cantare davanti a tante persone era il sogno della mia vita e aver avuto la possibilità di venire per la prima volta anche in Italia ed esibirmi qui è stato fantastico”.

A questo proposito, giovedì siete stati ospiti a X Factor Italia per presentare il vostro nuovo singolo “Romantic”. Che esperienza è stata e cosa ne pensate dei talent show?

“A me piacciono i talent show perché ho fatto il coach a The Voice of Belgio. Luka l’ho conosciuta proprio lì, era una delle concorrenti di The Voice e ho pensato che fosse dotata di un grande talento. X Factor Italia è stata una bella esperienza, mi è piaciuto anche andare a conoscere i concorrenti nella casa in cui vivono e sono rimasto sorpreso nel vedere Luna che a 16 anni vive lì, “rinchiusa” per tre mesi senza la famiglia. Penso che il talent sia il posto ideale per mostrare le proprie capacità, specialmente oggi in cui è difficile emergere e farsi conoscere. La strada del talent show è utile per i giovani talenti che vogliono cantare, non per la popolarità o per essere delle star ma per iniziare un percorso che passo dopo passo lì porterà a diventare dei cantanti professionisti. E Luka ne è la dimostrazione”.

Vorrei chiedervi qualcosa in piu’ in particolare su due canzoni del disco: “Sleepless” e “Feathers & Tar”, che ha un sound country…

“Entrambe le canzoni sono tratte dal disco pensato come colonna sonora e sono influenzate dalla mia passione per la musica di Ennio Morricone e John Barry. Sleepless inizialmente era un brano piano e voce ed era una sorta di ninna nanna, che ho scritto pensando specialmente a quelle persone che nel mio ambiente hanno difficoltà ad addormentarsi. Non è un problema che mi riguarda perché io dormo bene (ride). Feathers & Tar invece è un mio personale omaggio ad Ennio Morricone, io amo le sue colonne sonore”.

HOOVERPHONIC PHOTO 03 348_MAIL

Cosa ci raccontate invece sul tour che vi porterà a marzo anche in Italia?

“Il tour partirà tra due settimane in Olanda e Belgio, a marzo saremo in Italia, il 22 alVox Club di Nonantola (Modena) e il 23 alla Latteria Molloy di Brescia, poi canteremo in molti altri paesi dell’Europa. Faremo tanti show, tenendo conto però anche dell’esame di maturità che Luka dovrà sostenere. Faremo in modo che  riesca a conciliare le performance dal vivo e lo studio”.

di Francesca Monti

credit foto copertina Carl Rottiers

 

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...