Sarà il Friuli Venezia Giulia la regione protagonista della puntata di “Signori del vino” in onda sabato 1 dicembre, alle 17.10 su Rai2

Sarà il Friuli Venezia Giulia la regione protagonista della puntata di “Signori del vino” in onda sabato 1 dicembre, alle 17.10 su Rai2.
Il racconto di questa terra antica del vino inizia al Castello di San Giusto di Trieste, alla scoperta del Collio, con Benjamin Zidarich che racconterà, da una cantina scavata nella roccia del Carso, l’evoluzione della produzione del vino grazie anche al lavoro professionale di molti giovani.
Al centro del discorso la Vitovska, vitigno di un territorio dove la tipicità è fondamentale. Con Silvio Jermann a Dolegna del Collio Marcello Masi e Rocco Tolfa analizzeranno il successo dei vini friulani in Italia e nel mondo. Il racconto qui è storia della vinificazione che ha fatto grandi passi e cambiamenti per affinare un’arte tramandata di generazione in generazione nella zona del Collio dove è nata la rivoluzione dei bianchi.
L’ospite della puntata sarà Bruno Pizzul, indimenticabile telecronista del grande calcio azzurro, che tratteggerà i valori del vino del Friuli Venezia Giulia, la varietà della sua terra e delle sue genti. Pizzul si definisce un bianchista, amante dei vini del Collio, e contribuirà a far luce sulla diatriba nata intorno all’utilizzo del nome Tocai, una battaglia che sembra persa ma si può leggere in positivo perché – come dice Pizzul – ha contribuito a fare conoscere la storia di questo vino.
Marco Simonit, giocando in casa, nella sua terra, proporrà un’altra lezione vitivinicola, ovvero un focus sulle tecniche di viticultura, dalla vigna al laboratorio di analisi. Nel cuore del Friuli Venezia Giulia, Pietro Biscontin, presidente del Consorzio Tutela Vini Doc Friuli Grave sottolineerà l’appartenenza al territorio dei vitigni autoctoni, come il Friulano, il Refosco del Peduncolo Rosso e la Ribolla Gialla, prodotto esclusivo di questi luoghi, conosciuto come vino fermo ma oggi particolarmente apprezzato anche come spumante.
Isabella Perugini incontrerà Michele Pavan, presidente del Consorzio Tutela Vini Friuli Colli Orientali e Ramandolo in una zona che è legata al vino da oltre duemila anni: fra storia e futuro, il presente di questo territorio si chiama Picolit, Ramandolo, Colli Orientali, le radici del vino del Friuli.
Questa è anche la terra delle vinacce che regalano grandi distillati, come la grappa, un mondo a parte e di fascino antico ma anche moderno come spiegherà Roberto Castagner.
Nella Doc Aquileia il giovane produttore Cristian Beltrame racconterà la storia del vino sulla antica strada di Aquileia, la storia del Refosco del Peduncolo Rosso.
La donna del vino del Friuli Venezia Giulia è Piera Martellozzo, con la quale i conduttori perleranno del rilancio del Raboso, del successo del prosecco e del lavoro di qualità che possono portare avanti le grandi aziende del vino.
L’opinione di puntata, infine, sarà di Franco Maria Ricci (Fondazione Italiana Sommelier) che sostiene che il profumo del Friuli Venezia Giulia, il profumo del suo vino che si sente nelle strade sia, in realtà, la magica cultura di questa regione del vino

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...