Domenica 20 gennaio, alle 9.40 su Rai 1, “Paesi che vai…” compirà un viaggio da Brescia a Monte Sant’Angelo

Domenica 20 gennaio, alle 9.40 su Rai 1, “Paesi che vai…” compirà un viaggio in parte inconsueto, che percorrerà la nostra penisola da nord a sud spingendosi fino al promontorio del Gargano. Livio Leonardi, ideatore e conduttore del programma, porterà i telespettatori sulle tracce dei Longobardi, un popolo dal cuore antico che ha lasciato in Italia testimonianze di grande valore artistico e culturale, testimonianze che l’UNESCO ha difatti riconosciuto “Patrimonio dell’Umanità”, consacrate col glorioso appellativo di “Luoghi del potere”.
Il viaggio del conduttore, tra prodigiose fortezze, antiche chiese ed affascinanti monasteri, racconterà così un Impero destinato a perdurare per più di 200 anni. Si partirà da Brescia, con l’incantevole complesso monastico di San Salvatore-Santa Giulia e, passando poi dall’Umbria, si arriverà sino a Monte Sant’Angelo, in Puglia, con lo stupefacente Santuario di San Michele. Quest’ultimo si erge attorno alla nota grotta che la National Geographic Society ha inserito nella top ten delle più belle del mondo.
Livio Leonardi, inoltre, condurrà il pubblico a curiosare tra le eccellenze della tradizione gastronomica: da un raffinato caviale famoso in tutto il mondo all’antichissima tradizione dell’orto, che porta “dalla terra alla tavola” i piatti più sfiziosi.
Infine, un’esperienza davvero straordinaria al cospetto della Cascata delle Marmore, una delle più alte cascate d’Europa, tra incantevoli bellezze naturali e sport affascinanti come il rafting e il parapendio.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...