Venerdì 25 gennaio in seconda serata, alle 23.45 su Rai 2 prende il via “Povera patria”, condotto da Annalisa Bruchi. Nella prima puntata ospiti i Ministri Matteo Salvini e Paolo Savona

Raccontare il mondo attraverso la conflittualità. Mettere una di fronte all’altra le opposte visioni dell’attualità e individuare un punto di contatto tra posizioni diverse ma meno distanti di quello che appare. Applicando questo schema i mutamenti economici, politici e sociali verranno analizzati sia dal punto di vista del senso comune, sia da quello del pensiero non conforme.
Sono questi alcuni degli obiettivi di “Povera patria”, che a partire da venerdì 25 gennaio in seconda serata, alle 23.45 rappresenterà l’appuntamento settimanale dell’informazione di Rai2. Il programma sarà condotto da Annalisa Bruchi, affiancata da Aldo Cazzullo con le sue interviste, Alessandro Giuli per gli editoriali, e Alessandro Poggi che firmerà La storia della Settimana. Inoltre da febbraio subentrerà una copertina comica, affidata a Liliana Fiorelli.
Nella prima puntata ospiti i ministri Matteo Salvini e Paolo Savona, mentre Aldo Cazzullo intervista il cardinale Gualtiero Bassetti.
Nell’economia del programma uno spazio importante verrà riservato alle linee di frattura economiche e culturali su cui si giocherà la sfida delle prossime elezioni europee. L’obiettivo sarà così concentrato sui rapporti tra Stati e organismi internazionali, tra popolo e élite, tra sovranità e poteri. Il dibattito in studio; la realizzazione di schede; le interviste esclusive; i filmati immersivi; il fact checking e il confronto con esperti; le inchieste degli inviati: saranno gli strumenti principali per cercare risposte intorno ad alcuni degli interrogativi più urgenti.
È giusto che in Europa i governi, democraticamente eletti, non siano in grado di attuare il loro programma perché sottoposti a regole economiche? Come e perché nascono i vincoli esterni sui bilanci degli Stati nazionali? Quali sono le conseguenze di questo stato di cose? L’austerity è davvero l’unico modello economico possibile o esistono credibili alternative? Il paese può essere concepito un’azienda?
L’approfondimento politico di “Povera Patria” coinvolgerà i protagonisti della vita sociale. E cercherà di individuare quelle figure apparentemente estranee al dibattito pubblico – eppure fondamentali per comprendere il nuovo, possibile corso del paese.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...