Sarà Maurizio Landini, neo eletto segretario generale della Cgil, l’ospite in studio di Riccardo Iacona in apertura della puntata di “PresaDiretta” in onda lunedì 4 febbraio alle 21.20 su Rai3

Sarà Maurizio Landini, neo eletto segretario generale della Cgil, l’ospite in studio di Riccardo Iacona in apertura della puntata di “PresaDiretta” in onda lunedì 4 febbraio alle 21.20 su Rai3. Cosa pensa il più grande sindacato italiano della manovra economica del governo, di cosa ha bisogno il paese per ripartire e quali saranno le prossime battaglie della Cgil?
Al termine dell’intervsita a Landini “Poveri noi”, il viaggio di “PresaDiretta” nelle sacche di povertà del nostro paese. Negli ultimi 10 anni la povertà assoluta è raddoppiata, si è allargata la forbice della disuguaglianza e l’ascensore sociale non funziona più. Chi nasce povero rimane povero. A che punto sono le politiche sociali? Riusciranno i nuovi interventi del Governo sul reddito e sul lavoro a frenare l’impoverimento del paese?
Altro aspetto della povertà è l’emergenza delle occupazioni abusive, la carenza di politiche abitative, l’assenza di un piano per l’edilizia sociale. PresaDiretta ha viaggiato da Roma a Milano per capire che impatto hanno, tra le famiglie con disagio abitativo, le politiche securitarie e la circolare Salvini sugli sgomberi. Da dove partire per dare una casa a tutti?
E poi il modello sperimentale di “housing first”, per vedere cosa succede quando a un senzatetto non viene data assistenza, ma una casa.
Lo diceva Don Milani già negli anni ‘60, se nasci in una famiglia svantaggiata avrai meno opportunità. L’Italia è ancora oggi uno dei paesi con la più bassa mobilità sociale tra generazioni, tra i paesi occidentali ci battono solo gli Stati Uniti. Di chi è la colpa e cosa fare per cambiare prospettiva, per capire dove l’ascensore sociale si è fermato?
Il Reddito di Cittadinanza, nel frattempo, è legge: si tratta del più grande stanziamento mai adottato per le politiche di contrasto alla povertà, ma riuscirà a incidere sulla vita dei 5 milioni di poveri cui è destinato? Un’intervista a Pasquale Tridico, professore di Economia del Lavoro e autore del provvedimento, aiuterà a comprendere meglio tutti i dettagli del reddito di cittadinanza: quali difficoltà incontrerà nei territori più poveri dove il lavoro scarseggia? E la macchina complessa dei centri per l’impiego, i servizi sociali, le amministrazioni locali, fulcro della gestione del reddito di cittadinanza, riusciranno a tenere il passo?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...