Dal 13 febbraio in prima serata su Rai 2 va in onda “La porta rossa 2” con Gabriella Pession e Lino Guanciale

Dopo il successo della prima stagione dal 13 febbraio in prima serata su Rai 2 va in onda “La porta rossa 2”, con una nuova indagine ricca di colpi di scena. Sei nuove prime serate, all’insegna dell’adrenalina e del “noir”, per la regia di Carmine Elia, che vedranno ancora una volta protagonisti Lino Guanciale (Leonardo Cagliostro) e Gabriella Pession (sua moglie Anna).
Con loro torneranno molti dei personaggi che hanno reso la serie, ideata da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi, un cult anche fra il pubblico più giovane, e di nuovi, dai contorni misteriosi.
Nel cast, fra gli altri Antonio Gerardi, Valentina Romani, Fortunato Cerlino, Elena Radonicich, Ettore Bassi, Gaetano Bruno, Antonia Liskova, Carmine Recano, Cecilia Dazzi, Alessia Barela, con la partecipazione di Roberto Citran e Andrea Bosca. La serie è una coproduzione Rai Fiction – Velafilm in associazione con Garbo Produzioni.

Rimasto nel mondo dei vivi, Cagliostro tiene d’occhio Jonas, l’uomo che si è risvegliato dal coma dopo trent’anni. Interrogato dalla polizia, Jonas nega di sapere chi gli abbia sparato, ma alla sua ex fidanzata Silvia rivela di essere convinto sia stato Rambelli, l’assassino di Cagliostro. Intanto, questi assiste al parto di sua moglie Anna. La gioia per la nascita è spezzata da una nuova visione: sua figlia rapita e portata in una ex fabbrica, rumori di spari e un libro rosso sul Conte Cagliostro. Quella sera nell’ex fabbrica c’è Filip, che suona con gli amici fino a quando un malvivente li interrompe, cacciandoli. I ragazzi fuggono, ma Filip torna indietro per affrontarlo.
Quando Cagliostro arriva nella fabbrica, luogo della sua visione, trova il ragazzo chino sul cadavere dell’uomo che poco prima li ha mandati via. Filip, tornato al suo rifugio, chiama in aiuto Vanessa Rosic, che avverte la polizia in forma anonima. Rientrata a casa, la ragazza vi trova Cagliostro: non pensava fosse ancora tra i vivi, credeva di non rivederlo più. Cagliostro le dice di avere ancora bisogno di lei: sua figlia potrebbe essere da un momento all’altro in serio pericolo.

Benché in collera con Cagliostro, che le aveva fatto credere di aver varcato definitivamente la porta rossa, Vanessa ammette di sentirsi felice solo quando c’è
lui. Tra loro nasce quindi una nuova alleanza per scoprire cosa hanno in comune l’omicidio nell’ex fabbrica – di cui è sospettato Filip – con la minaccia che incombe sulla figlia di Cagliostro.
Guidati da Jamonte, il nuovo vicequestore, Stella e Paoletto indagano sull’omicidio di Brezigar, lo spacciatore ucciso all’ex fabbrica. Stando ai tabulati telefonici, la vittima aveva avuti contatti con Filip. Dopo essere stato interrogato dalla polizia, il ragazzo si sbarazza di un oggetto gettandolo in mare. Informata da Cagliostro, Vanessa lo recupera
e vi trova dentro della droga. Che cosa nasconde Filip? Intanto si apre il processo a Rambelli, accusato della morte di Cagliostro. L’uomo fa una sconcertante dichiarazione: a uccidere il giovane commissariosarebbe stato il PM Antonio Piras con la complicità della stessa moglie di Cagliostro, Anna.

“Ho voluto portare in tv un personaggio che, a differenza mia, parla pochissimo. I silenzi di Anna dicono più di mille parole. Anna darà alla luce una bambina di nome Vanessa, questa volta abbiamo voluto raccontare la maternità e il post-parto in maniera vera. Questo personaggio mi dà l’opportunità di affrontare i grandi temi della vita”, ha dichiarato Gabriella Pession.

“In questa stagione c’è un tema che mi piace molto, la curiosità del detective. In questa serie, non c’è un punto di vista privilegiato sulla morte e sarebbe stato stupido metterne uno in evidenza. E’ prematuro parlare di una terza stagione. Vedremo”, ha detto Lino Guanciale.

“Con Vanessa ho in comune il carattere fumantino e ritrovarmici è stato molto bello”. Antonio Gerardi: “Noi viviamo in un mondo di gente che sembra ma che non è. Rambelli non mi sta simpatico come personaggio ma ha un attenuante: è un padre. Il padre sarebbe disposto è tutto pur di difendere un figlio. E’ un uomo tormentato e un uomo tormentato fa delle cazzate”.

Qui la nostra intervista con Andrea Bosca:

https://spettacolomusicasport.com/2018/05/13/intervista-con-andrea-bosca-protagonista-della-serie-il-capitano-maria-in-onda-il-lunedi-sera-su-rai-1/

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...