Intervista con Rocco Hunt: “Benvenuti in Italy vuole raccontare il calcio che parte dai campetti di periferia. Sono orgoglioso di dare una colonna sonora alla Nazionale Under 21 per i prossimi Europei”

Il nuovo singolo di Rocco Hunt, “Benvenuti in Italy”, sarà la colonna sonora della  Nazionale Italiana durante l’Europeo Under 21 di calcio.

Il brano è scritto dall’artista e prodotto da Mace e Zized e descrive il rapporto della nostra nazione con il calcio, uno sport che non è solo quello visto in televisione ma è anche quello fatto per strada, nei campetti di periferia, con due porte improvvisate e un campo senza righe.

Da quando ho ascoltato in anteprima la tua canzone mi è entrata in testa ed è diventata il ritornello della mia tensione notturna“, ha esordito il Presidente della Figc Gravina nel corso della conferenza stampa di presentazione del brano, sottolineando il forte legame fra calcio e musica, e la partnership fra FIGC e Radio Italia: “Abbiamo un artista molto giovane, la sua musica e le sue parole accompagneranno la passione dei ragazzi in campo, ma anche di quelli sugli spalti. Ci auguriamo che questa canzone che abbina musica e sport possa essere la colonna sonora di un sogno che inseguiamo da quindici anni. L’Italia e i nostri tifosi meritano questo successo“.

Luigi Di Biagio, ct dell’Under 21 ha dichiarato: “Ascolto spesso Rocco, è uno dei cantanti preferiti di mio figlio. “Benvenuti in Italy” è una canzone trascinante e c’è il rischio che la sentiremo spesso nello spogliatoio. Tutti mi chiedono se vinceremo gli Europei, le aspettative sono altissime e abbiamo l’obbligo di puntare alla vittoria“.

Quindi la parola è passata a Rocco Hunt: “Il calcio è uno sport che unisce, fa divertire, sognare, emozionare, piangere un’intera nazione. Oggi realizzo il mio sogno di dare una colonna sonora ai ragazzi della Nazionale Under 21 per i prossimi Europei e ne sono onorato“.

Al termine della conferenza la FIGC ha regalato a Rocco Hunt una maglia azzurra con il suo nome e il numero 10.

rocco-hunt

Per la prima volta nella sua storia, l’Italia ospiterà la fase finale del Campionato Europeo Under 21, giunto alla ventunesima edizione. Il torneo, che prevede la partecipazione di 12 Nazionali e determinerà l’accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020, si svolgerà dal 16 al 30 giugno in cinque città italiane (Bologna, Cesena, Reggio Emilia, Trieste e Udine) e a San Marino. Rocco presenterà live il brano, proprio in occasione della partita inaugurale allo Stadio Dall’Ara di Bologna.

Con cinque titoli vinti su sette finali disputate, l’Italia è al primo posto nell’Albo d’Oro della kermesse. La Nazionale Under 21 ha trionfato in 3 edizioni consecutive sotto la guida tecnica di Cesare Maldini nel 1992, 1994 e 1996; nel 2000, allenata da Marco Tardelli, ha vinto il titolo battendo in finale la Repubblica Ceca con una doppietta di Pirlo (ambasciatore ufficiale del Torneo) e nel 2004 vincendo 3-0 contro la Serbia sotto la guida di Claudio Gentile.

A margine della presentazione abbiamo realizzato una video intervista con Rocco Hunt.

Rocco, com’è nata l’idea di scrivere “Benvenuti in Italy”?

“E’ un brano che parla del calcio e del rapporto degli italiani con il calcio, non è il classico inno ma una canzone che vuole raccontare senza pretese uno sport che parte dai campetti di periferia, d’asfalto e di cemento dove i ragazzini sognano di diventare grandi calciatori, come facevo io”.

Qual è il tuo rapporto con il calcio, visto che sei anche un giocatore della Nazionale Italiana Cantanti?

“E’ un rapporto di amore e odio, non sono tifosissimo, sono un appassionato di questo sport e mi piace guardare il calcio giocato. Essendo anche un calciatore della Nazionale Cantanti per me è motivo di orgoglio dare una colonna sonora ai ragazzi dell’Under 21 per i prossimi Europei”.

roccohunt

“Mentre la curva si accende, sotto sto sole caliente saremo uniti per sempre, se vinco o se perdo, con te mon amie” canti in “Benvenuti in Italy”, sottolineando quanto il calcio possa essere sinonimo di unione in un mondo in cui sembra prevalere invece la divisione…

“Il calcio deve essere unione, nel senso che spesso ci divide dove la musica ci unisce, tendendo la mano alle persone in difficoltà. Vorrei che in un mondo dove c’è tanto business ci si ricordasse dell’essenza, dei ragazzini che giocano in strada e che hanno il sogno di diventare calciatori. In loro bisogna inculcare veri valori come la disciplina, il rispetto, l’educazione, lo sport”.

Il singolo sarà presentato live in occasione della prima partita della Nazionale Under 21 in programma il 16 giugno allo Stadio Dall’Ara di Bologna e della finale prevista a Udine…

“Finalmente farò un tour negli stadi (ride). Sarà una bellissima occasione cantare prima della partita inaugurale e prima della finale e spero ci sia l’Italia in entrambi i match”.

Tra i progetti c’è in programma un nuovo disco?

“Questo singolo anticiperà il mio prossimo disco, che uscirà tre anni dopo il precedente. Finalmente siamo arrivati al momento decisivo, tenete d’occhio i miei social perchè quando meno ve l’aspettate pubblicherò la data di uscita. Ci ho messo meno a fare un figlio che questo album (ride)”.

di Francesca Monti

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...