E’ online il video del nuovo singolo di Davide Peron ‘IL FIORE CHE HO DAVANTI’, un grido contro le guerre e le discriminazioni

E’ online il video del nuovo singolo di Davide Peron ‘IL FIORE CHE HO DAVANTI’, un grido contro le guerre e le discriminazioni.
“Inattesi” è stato per me un album davvero speciale, possiamo dire inatteso  – spiega il cantautore veneto.  Sotto molti punti di vista. Uno di questi è il grande apprezzamento che ha avuto dalla critica ma anche dai non addetti ai lavori. Questo ultimo singolo vuol essere un regalo, una sorta di ringraziamento a quanti hanno lavorato al disco. Una delle mie prime dichiarazioni in merito è stata: “Le canzoni sono nate dalla meraviglia e dall’incredulità che regala un figlio, che sia atteso o meno. Ogni bambino è una vita unica che merita dignità”.

E parlando di dignità, a volte basta un semplice fiore per farci ricordare quanto può essere bella e importante la vita. Con questo ultimo singolo, “Il fiore che ho davanti”, ho voluto gridare forte il mio no alla guerra, qualsiasi essa sia.

E’ una canzone che cerca di non smettere di vedere la possibilità di scelta, la possibilità dell’umanità di non schierarsi dalla parte del male trovando quindi nella bellezza (che se si vuole, la si può trovare ovunque, come i fiori) la salvezza. Nel testo ho voluto calcare il contrasto tra le sensazioni umane e la crudeltà della guerra che distoglie da tutto: quando passa un aereo l’uomo chiude gli occhi non solo per paura ma anche per non voler vedere.

Le proiezioni e le ombre utilizzate, rappresentano infatti le paure che sono in contrasto con la realtà: la caverna che è simbolo di oscurità, va piano piano scomparendo per cercare la luce e la libertà portata dalla bambina (simbolo di vita e calore); a mano a mano che il video prosegue infatti, il contrasto tra i chiaro-scuro diminuisce fino ad avere immagini a luce piena (il padre e la figlia che giocano assieme; allo stesso modo la ragazza, ossia la bambina cresciuta, supera il suo conflitto interiore riguardante la partenza del padre attraverso la musica, che la porta verso una nuova prospettiva per il futuro).

La regia e cinematografia è di Matteo Pietrobelli che ne ha saputo cogliere in modo semplice ma profondo l’aspetto più vero.

«Ogni guerra è sempre un atto contro la ragione e il ricorso alla guerra è sempre una sconfitta della ragione. Anzi, io credo che bisognerà cambiare perfino la categoria culturale: non ci saranno più né vittoriosi né vinti, ma saremo tutti sconfitti. Perché, appunto, sarà la forza bruta che vince su qualunque cosa. È tutta l’umanità a perdere. Io, difatti, non sono qui a mettermi contro qualcuno, sono qui a mettermi soltanto in favore della pace, perché solo la pace è il trionfo della ragione» diceva David Maria Turoldo. E mi trova perfettamente d’accordo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...